Passa al contenuto principale
A Tale of Two Recoveries

Una storia di due guarigioni: come le famiglie immigrate sono sopravvissute al COVID-19

Ultimamente, abbiamo sentito nelle notizie come la maggior parte Le famiglie americane stanno facendo molto meglio finanziariamente oggi rispetto a prima della pandemia di COVID-19. Dagli assegni di stimolo e dall'assicurazione contro la disoccupazione al credito d'imposta sui figli ampliato, gli aiuti federali per il COVID-19 hanno svolto un ruolo fondamentale nell'aiutare le famiglie a sopravvivere e persino a migliorare la loro situazione finanziaria.

Ma a questa immagine manca un'altra storia di ripresa meno conosciuta: l'esperienza delle famiglie immigrate che sono state escluse dai soccorsi federali per la pandemia. 

Il 2 dicembre 2021, ci siamo riuniti per elevare le storie e le esperienze delle famiglie immigrate lasciate indietro. Abbiamo riflettuto con i partner e ci siamo chiesti, come possiamo aiutare le famiglie immigrate a ricostruire le loro vite finanziarie? Guarda la registrazione qui sotto.

A 11,5 milioni di immigrati e alle loro famiglie è stato negato l'aiuto federale per il COVID-19.

"Essendo una persona priva di documenti che ha presentato le mie tasse per dodici anni, è stato difficile accettare che in tempi in cui lottiamo, non siamo in grado di ricevere nulla in cambio”.—Juan, beneficiario del Fondo per le famiglie immigrate

Gli immigrati sono stati a lungo esclusi dalla rete di sicurezza sociale di questo Paese. Nonostante il pagamento miliardi di tasse federali ogni anno, gli immigrati privi di documenti rimangono non ammissibili per quasi tutte le protezioni federali, dall'assicurazione sanitaria ai sussidi per il cibo e l'alloggio.

Durante la pandemia, tre immigrati irregolari su quattro hanno ricoperto ruoli essenziali in prima linea, rischiando la propria vita per aiutarci a mantenerci nutriti, al sicuro e in salute. Eppure, anche se si sono fatti avanti per il paese, sono rimasti esclusi dagli aiuti federali. Si stima che una famiglia di quattro persone immigrata fosse negato verso l'alto di $11.400. Senza questo supporto fondamentale, le vite delle famiglie immigrate hanno subito un colpo devastante. 

Essenziale, invisibile ed escluso. 

Attingendo alla nostra impareggiabile sondaggio su oltre 11.000 immigrati esclusi dagli aiuti federali, abbiamo avuto uno sguardo onesto e doloroso su come sono sopravvissute le famiglie di immigrati.  

Senza una rete di sicurezza sociale su cui fare affidamento, molti immigrati non avevano altra scelta che presentarsi al lavoro. I costi per i lavoratori in prima linea sono stati immensi: non solo i lavoratori hanno messo a rischio la salute delle loro famiglie, ma coloro che si sono ammalati hanno dovuto affrontare una spirale discendente di difficoltà finanziarie.

Le famiglie in cui un membro si è ammalato di COVID-19 non solo avevano maggiori probabilità di perdere reddito e rimanere indietro con le bollette rispetto alle famiglie in cui nessuno si era ammalato, ma avevano anche maggiori probabilità di subire sanzioni, chiudere le utenze e essere sfrattate .

Molte famiglie di immigrati sono entrate nella crisi con accesso limitato e poche opzioni finanziarie. Le famiglie che erano invisibili al sistema finanziario formale prima del COVID-19 (senza numero di previdenza sociale o codice fiscale) avevano meno probabilità di avere conti correnti o carte di credito.

E con meno strategie finanziarie, queste famiglie avevano meno opzioni a cui attingere durante il COVID-19. In effetti, abbiamo visto che gli immigrati che avevano un codice fiscale avevano 45% più probabilità di pagare le bollette mensili per intero rispetto agli immigrati senza un codice fiscale. 

Allora come sono sopravvissute le famiglie in un sistema che le considerava essenziali e invisibili? Molti sono rimasti senza, poiché 6 famiglie su 10 hanno riferito di non essere in grado di coprire i propri bisogni primari. Nonostante questi sacrifici, molte famiglie dovettero ancora contrarre debiti. Nel profondo della pandemia, le famiglie rimaste indietro hanno riferito di avere $2.000 in bollette non pagate, che rappresentano il debito degli zombi che le famiglie porteranno con sé anche nella ripresa.

I nostri inviti all'azione.

Allora, dove andiamo da qui?

Abbiamo invitato avvocati e professionisti a parlare di come possiamo presentarci, fare di più e fare meglio. In generale, abbiamo sentito che mentre vengono presi provvedimenti per aiutare le persone a ricostruire, è necessario fare di più per una ripresa veramente equa e inclusiva.

A Tale of Two Recoveries, webinar panelists

SHOW UP: rendere le politiche inclusive di tutti gli immigrati. Il governo federale ha creato un precedente dannoso di esclusione degli immigrati dalle politiche critiche degli ammortizzatori sociali. Tuttavia, ci sono scelte che possiamo fare a livello statale e locale per aiutare a offrire sollievo con le risorse che abbiamo ora a disposizione. La politica è una scelta ed è in nostro potere sostenere protezioni e servizi più inclusivi per tutti gli immigrati a tutti i livelli di governo.

FARE DI PI: rimuovere le barriere strutturali. Senza uno status legale, gli immigrati continuano a essere esclusi dalle risorse critiche che potrebbero aiutarli a ricostruire. Ma l'accessibilità è ancora più profonda: dalle barriere linguistiche a quelle tecnologiche, dobbiamo garantire che i programmi e i servizi siano forniti nella lingua, nella cultura e in modi che aiutino le famiglie a utilizzare le risorse quando ne hanno bisogno.

FARE MEGLIO: cambiare mentalità insieme. Dai pacchetti di soccorso per il COVID-19 al crescente riconoscimento che dare denaro alle persone funziona, siamo incoraggiati dai progressi che sono stati fatti per supportare meglio le persone ai margini. Ma abbiamo bisogno di più alleati in questa lotta in modo da poter costruire sistemi che creino percorsi di opportunità più equi. Quando sfruttiamo il nostro potere collettivo, possiamo creare un cambiamento duraturo.

Sappiamo che il lavoro è tutt'altro che finito.

Gli immigrati sono stati esclusi dai sistemi di supporto della nostra nazione per troppo tempo e il COVID-19 ha solo esacerbato molte di queste disuguaglianze esistenti. Per questo il nostro lavoro è più importante che mai.

Quando guardiamo avanti, siamo ancorati al promemoria di José: “Dobbiamo fare affidamento l'uno sull'altro per mantenerci integri e mantenere alto il morale. Non possiamo lasciare che la devastazione della nostra realtà prenda il sopravvento sui nostri spiriti". Insieme, con rispetto e reciprocità, possiamo aiutare le famiglie immigrate a ricostruire la propria vita finanziaria con dignità.