Autore: adornare

Cafecito con MAF: Fai di più, fai di meglio

CAFFÈ CON MAF
EPISODIO 1

Fai di più, fai di meglio

GIUGNO 2022


Spotify

  • Particolari

    EPISODIO 1

    Benvenuto in Cafecito con MAF, un podcast su come presentarsi e fare di più. A più di due anni dall'inizio della pandemia di COVID-19, sembra che tutti stiano aspettando di "tornare alla normalità". Ma per i milioni di famiglie di immigrati, studenti e lavoratori esclusi dai controlli degli incentivi e dagli aiuti federali per il COVID-19, la lotta è tutt'altro che finita.

    In questo primo episodio, unisciti José Quiñonez, amministratore delegato del MAF e MAF Policy & Communications Manager Rocio Rodarte per ascoltare la storia non raccontata di coloro che sono rimasti indietro. Discutono della devastazione finanziaria delle famiglie immigrate, dell'enorme sfida della consegna $55 milioni in assistenza in contantie un invito all'azione più che mai pertinente: presentarsi, fare di più e fare meglio.

  • Trascrizione

    La seguente conversazione è stata modificata per lunghezza e chiarezza.

    ROCIO: Benvenuti a Cafecito con MAF. Dal 2007, MAF ha lavorato per portare le famiglie a basso reddito e di immigrati fuori dall'ombra finanziaria. Come facciamo questo? Basandosi su ciò che è già buono nella vita delle persone e ascoltando ogni passo del loro cammino. Oggi vi invitiamo a fare lo stesso!

    Ciao a tutti, mi chiamo Rocio Rodarte e sono un responsabile delle politiche e delle comunicazioni di MAF e conduttore del vostro podcast per l'episodio molto speciale di oggi. Questo è il nostro primo podcast in assoluto. E per tutta la prima stagione, racconteremo la storia di come MAF e le persone che serviamo hanno risposto al COVID-19. La pandemia è stata una lotta inimmaginabile per tutti, compresi gli immigrati e i piccoli imprenditori come Diana.

    DIANA: È stato spaventoso sentirne parlare. Ma non avevo davvero alcuna aspettativa. Non sapevo davvero come avrebbe avuto un impatto su ogni singola area della nostra vita. Penso che abbia colpito a casa una volta che ho dovuto chiudere la mia attività. Ero tipo, Oh mio Dio, niente è permanente. Potresti avere un lavoro e sentirti come se fossi a posto, ma qualcosa del genere potrebbe accadere e butta via tutto. E la tua vita dipende da questo. Tuo figlio, i tuoi cani... tutto.

    ROCIO: Diana è stata solo una delle tante persone che hanno cercato di adattarsi a questa nuova realtà, particolarmente spietata per gli immigrati lasciati senza un ammortizzatore sociale.

    E mentre il COVID-19 potrebbe aver scioccato le persone con il suo impatto, questo, sfortunatamente, non è nuovo. Ma ne parleremo più avanti. Per prima cosa, vorrei presentarvi l'ospite di oggi e la persona che conosce meglio. Non è altro che il nostro fondatore e CEO, José Quinonez.

    JOSÉ: Ciao Rocio. Sono così felice di essere qui a parlarti di questo importante argomento.

    ROCIO: Sì, grazie per essere qui. Sono qui con il mio cafecito e sono davvero entusiasta di avere questa conversazione con te oggi. Così-

    JOSÉ: Vado al mio terzo cafecito della giornata.

    ROCIO: Stesso! Non volevo uscire da solo, ma lo stesso.

    Concentrandosi su quelli rimasti ultimi e meno

    ROCIO: Mi piacerebbe iniziare questa conversazione parlando del lavoro svolto da MAF nell'ultimo anno e mezzo in risposta a questa pandemia. Abbiamo raccolto $55 milioni per il nostro Fondo di risposta rapida per fornire oltre 63.000 sovvenzioni a studenti, lavoratori e famiglie di immigrati in tutto il paese. Quarantotto stati in totale. Questo numero è un'impresa enorme, ma è anche davvero deludente. Dimostra un enorme divario in termini di equità, che organizzazioni come la nostra incontreranno negli anni a venire.

    José, per un'organizzazione come MAF che storicamente si è concentrata sui prestiti per la creazione di crediti, cosa ha significato questo cambiamento?

    JOSÉ: Sai Rocio, ogni volta che penso a ciò che abbiamo vissuto l'anno scorso, sono sempre sbalordito dalla quantità di lavoro che siamo stati in grado di produrre così rapidamente. Ed è incredibile. Solo per guardare indietro e vedere davvero che abbiamo toccato oltre 63.000 persone fornendo sovvenzioni tanto necessarie in un momento in cui erano state escluse dal ricevere assistenza da altre fonti.

    Francamente, è sbalorditivo come una piccola organizzazione senza scopo di lucro con sede a San Francisco sia stata in grado di sborsare così tanti soldi a così tante persone.

    Ma non solo, non si tratta solo del numero di 63.000: si tratta di quanto siamo stati in grado di indirizzare in modo specifico quelle sovvenzioni, quell'aiuto, quell'aiuto alle persone che erano escluse dal ricevere assistenza finanziaria. Persone a basso reddito, immigrate, persone che stavano davvero lottando con molte barriere nella loro vita finanziaria.

    Perché non era solo per nessuno. Non abbiamo eseguito una procedura di richiesta in base all'ordine di arrivo. Non abbiamo sborsato questi soldi sulla base della lotteria. Non è stato per tutti quelli che hanno presentato una domanda. Abbiamo concentrato questo aiuto molto critico sulle persone che erano le ultime e le ultime, le persone che erano escluse dal ricevere altre fonti di aiuto.

    Ogni volta che ci penso, ne rimango sbalordito. Perché sono tipo "Come è successo?" Come siamo stati in grado di fare un passo avanti in questo modo ed essere così premurosi nel concentrarci su quelle comunità?

    E ovviamente, Rocio, sono stati 14 anni di lavoro che ci hanno portato a realizzarlo, nel modo in cui lo abbiamo fatto. C'è molto altro da dire su questo perché non è successo da un giorno all'altro.

    È un processo incredibile. Non è che siamo stati trasformati; in realtà stavamo costruendo nel corso degli anni per essere in grado di offrire risultati in questo momento critico.

    ROCIO: Sì, ha molto senso. Mi chiedo se invece di un cambiamento o di una trasformazione, sia più un rinnovamento. Lo facciamo da molto tempo, ed è quasi come se ci stessimo preparando per qualcosa del genere, e poi quando è successo, eravamo pronti per partire. Eravamo pronti ad incontrare i nostri clienti dove erano come noi da così tanto tempo. Grazie per averlo condiviso, José.

    Il costo dell'esclusione per le famiglie immigrate

    ROCIO: E così ora - il bisogno era tremendo perché milioni di immigrati e le loro famiglie erano completamente esclusi dal governo federale [aiuti]. Per dipingere un quadro più chiaro di cosa questo significhi, a una famiglia con due genitori privi di documenti e due bambini è stato negato un aumento di $11.400 in aiuti federali tanto necessari durante la pandemia.

    È enorme. Voglio dire, stiamo parlando di famiglie che hanno perso così tanto, alcune hanno persino perso l'intero reddito durante questa pandemia. E gli è stato negato un aiuto fondamentale che avrebbe potuto aiutarli a pagare l'affitto, a mettere il cibo in tavola ea sfamare le loro famiglie. Voglio solo sottolineare l'incredibile perdita che ha creato nelle loro vite.

    Ma, ovviamente, niente di tutto questo è nuovo. Perché prima della pandemia, molte persone immigrate vivevano nell'ombra e cacciate da una rete di sicurezza sociale che non era stata progettata per loro. Una rete di sicurezza in cui versano, ogni singolo anno. È stato riferito che nel 2019, i lavoratori immigrati con ITIN hanno pagato più di $23 miliardi di sole tasse federali. E queste sono tasse che finanziano programmi critici di sicurezza sociale da Medicaid, buoni pasto, sussidi per la casa e assicurazioni: l'elenco potrebbe continuare. E sono programmi a cui loro stessi non possono accedere, anche quando il mondo intero è messo in crisi.

    Allora, José, qual è questo contesto? Questo contesto di preclusione dai benefici all'esclusione, significa per il lavoro di MAF?

    JOSÉ: Penso che questa pandemia abbia davvero mostrato molte delle ingiustizie contro le quali abbiamo combattuto nel corso degli anni. Quindi l'idea che alle persone vengano negati i servizi nel momento del bisogno non è nuova. Questo è il caso degli immigrati ormai da anni. Anche quando sono loro a pagare le tasse e contribuire alla base imponibile, in realtà viene loro negata l'assistenza a destra ea manca.

    C'era una politica sugli oneri pubblici della precedente amministrazione che ha davvero inviato questo effetto a catena di paura che le persone ora avessero più paura di chiedere assistenza quando hanno bisogno di aiuto perché non volevano essere considerate un onere pubblico. Ciò potrebbe andare contro le loro richieste di legalizzazione a un certo punto. E così quella paura ha impedito a molte persone di accedere all'aiuto soprattutto quando ne hanno bisogno.

    Ma questo è solo un punto. Ci sono molti altri in cui le persone sono state effettivamente escluse dal ricevere aiuto. Hai menzionato quel $11.000 che potrebbe essere andato alle famiglie di immigrati. Penso molto a quel numero perché non era solo il fatto di non ricevere quel $11.000. È stato quello che è successo dopo, perché non ricevendo $11.000 per aiutarli a stabilizzare le loro vite finanziarie durante una pandemia, significava che dovevano accedere a quei soldi da qualche altra parte.

    Quello che è successo sostanzialmente è che le persone sono state costrette a usare tutti i loro risparmi. Sono stati costretti ad acquisire prestiti in ogni modo possibile, dall'esaurimento delle carte di credito o dall'ottenere prestiti da familiari e amici solo per pagare l'affitto e acquistare cibo.

    Quindi non era solo la mancanza di $11.000. Ora sono $11.000 indebitati. E quel debito non è pagabile subito. Ci vorranno mesi e anni per ripagarlo e con quel debito arrivano gli interessi, altre tasse, altre cose in cui le persone si stanno scavando più a fondo in un buco che avrebbe potuto essere evitato avendo accesso a quei soldi proprio come tutti altro in America, persone che ne avevano bisogno.

    ROCIO: José, hai tirato fuori così tanti grandi punti che mi piacerebbe correre con ogni singolo punto che hai detto, perché ci sono così tanti pensieri che ho di sicuro. Ma la cosa su cui voglio tornare è l'idea del tempismo e di come il tempismo sia tutto nella vita delle persone. L'anno scorso, quello che abbiamo fatto con l'Immigrant Families Fund: ci siamo intensificati per dare denaro alle persone nel momento specifico in cui ne avevano più bisogno in modo che potessero pagare l'affitto lo stesso mese.

    E solo pensare a questo debito mentre vengono esclusi da tutti questi benefici che potrebbero aiutarli a recuperare il ritardo nel processo è solo una serie di problemi che penso che dobbiamo continuare a mettere in evidenza e affrontare.

    Ispirare gli altri a farsi avanti

    ROCIO: Ed ecco perché il lavoro che stiamo facendo è così importante. Perché se non ci presentiamo, chi lo farà? Volevo davvero chiederti di questo, José. Come ispiri le persone a farsi avanti?

    JOSÉ: Ci ho pensato molto. Penso che per noi, ovviamente, abbiamo intensificato questo processo di sovvenzione del Fondo di risposta rapida negli ultimi 18 mesi. Ma non avremmo potuto farlo da soli, ovviamente. Abbiamo dovuto lavorare con la filantropia. Avevamo oltre 65 diversi partner nella filantropia che si sono davvero fatti avanti con noi, perché erano quelli che avevano il capitale, erano quelli che ci fornivano il finanziamento in modo che potessimo dirigerlo verso le persone che ne avevano bisogno.

    Quindi abbiamo dovuto costruire quelle partnership in un modo che contasse. Penso che per noi fosse solo questione di dire: “Senti, siamo qui per fare questo lavoro, vogliamo fare questo lavoro, abbiamo la capacità di fare questo lavoro, abbiamo la tecnologia per fare questo lavoro. " Ma soprattutto, abbiamo avuto le relazioni con i clienti reali, relazioni di fiducia in modo da poter dire che possiamo effettivamente consegnare questi soldi ora, nel momento in cui ne avevano bisogno, e farlo in un modo efficiente, efficace , e anche dignitoso.

    E penso per questo, perché siamo stati in grado di comunicarlo, non solo da Rapid Response, ma nel corso degli anni. Penso che le fondazioni siano state in grado di affidarci il loro capitale. Avevamo fondazioni, fondazioni familiari, fondazioni comunitarie, fondazioni aziendali, con le quali non abbiamo mai lavorato in passato. Si sono affidati a noi per assicurarci che fossimo in grado di consegnare quei soldi alle persone in modo tempestivo.

    Per me, ispirare le persone a farsi avanti, significa davvero assicurarci di avere una solida base di fiducia con i nostri clienti e i nostri partner. Perché essenzialmente eravamo solo un canale del loro desiderio di aiutare le persone.

    Lancio del Fondo di risposta rapida di MAF

    ROCIO: Voglio fare un passo indietro e tornare a marzo 2020, quando il Fondo di risposta rapida non esisteva ancora e il COVID-19 stava appena iniziando a colpire gli Stati Uniti in modo importante. Jose, anche prima che la pandemia colpisse qui negli Stati Uniti e venissero emessi i primi ordini di soggiorno a casa, la MAF si stava già preparando per ciò che tutto ciò avrebbe significato per le famiglie di immigrati negli Stati Uniti

    Riportaci a quei giorni. So che sembra un'eternità fa, ma cosa stava succedendo? Cosa ti passava per la testa? Cosa stavi provando?

    JOSÉ: Sembra che sia lontana un'eternità. Questo è ciò che io chiamo il "prima dei tempi". Ricordo che a febbraio ho avuto conversazioni interne su "c'è questa cosa che sta girando in Cina che sta saltando fuori dai notiziari e dovremmo iniziare a pensare a come prepararci per qualcosa del genere". E ricordo alcune conversazioni su questo. Ma quando ha davvero colpito nel segno è stato quando il sindaco di San Francisco ha emesso i suoi primi ordini di rimanere a casa. In quel momento abbiamo dovuto passare da un giorno all'altro.

    E ricordo che l'ordine è arrivato di venerdì e lunedì dovevamo lavorare da casa. E per quel giorno, durante il fine settimana, dovevamo escogitare un piano su come avremmo risposto per aiutare i nostri clienti. Sapendo che quell'ordine di restare a casa significava che le persone avrebbero perso entrate, soldi, ore dal lavoro, avrebbero perso il lavoro non per colpa loro.

    Come lunedì, stavamo già parlando di come rispondere a questa crisi di cui non sapevamo molto. Lo stesso giorno, stavo ricevendo chiamate anche dalle fondazioni, che dicevano "Ehi, ragazzi, come rispondete?" Perché a quel punto, in 14 anni di lavoro, abbiamo già costruito quella reputazione, quindi i capi della fondazione stavano già chiamando e inviando e-mail chiedendo come avremmo risposto in questo momento.

    Quindi, per questo motivo, abbiamo rapidamente difeso quel Fondo di risposta rapida, non sapendo come, in che misura o quanto avremmo potuto farlo accadere. Ma quando abbiamo ottenuto l'approvazione della nostra prima sovvenzione - penso che fosse martedì o mercoledì della stessa settimana - è stata una conversazione con il capo della College Futures [Fondazione], perché volevano sostenere gli studenti universitari in California. Quindi abbiamo utilizzato quella sovvenzione in modo da poter sostenere questo particolare modo di risposta rapida, concentrandoci prima sugli studenti universitari. E mentre lo facevamo, costruivamo l'intera infrastruttura per aiutare anche altre comunità.

    Fu un momento di completa confusione. Non sapevamo cosa sarebbe successo o per quanto tempo sarebbe rimasto l'ordine di rimanere a casa. Ma penso che in fondo sapevamo che avrebbe avuto un impatto sulle persone che serviamo più duramente. Sapevamo nel profondo che gli immigrati privi di documenti, le famiglie - le persone con cui lavoriamo giorno dopo giorno - sapevamo che sarebbero stati i più colpiti dalla perdita di reddito e anche perché non avrebbero ricevuto alcun sostegno dal governo federale. Dovevamo presentarci per loro, e l'abbiamo fatto. Questo è stato uno di quei momenti in cui abbiamo lavorato negli ultimi 14 anni costruendo la nostra tecnologia, le nostre capacità, il nostro personale, le nostre capacità e le nostre intuizioni.

    Quando ripenso a quella settimana, ed essere costretto a lavorare da casa, non essere in ufficio dove possiamo stringerci insieme, elaborare strategie insieme, è stato piuttosto spaventoso, francamente. Ma quella paura, ricordo solo di averla usata come carburante per assicurarmi che ci presentassimo chi aveva più bisogno di aiuto.

    Senso di unione

    ROCIO: Tutto ciò che hai appena condiviso, José, penso susciti molti sentimenti, mentre ti sento parlare. Stai descrivendo confusione, caos, incertezza, paura, anche speranza e azione collettiva. E quindi quello che mi chiedo è: di tutte le cose, tutta la follia che stava succedendo, tutto il caos e l'incertezza, in quel momento nel marzo 2020, quale diresti è la cosa più sorprendente che ti è successa? Di tutte le cose, tutte le palle che erano in aria, qual è stata la cosa più sorprendente per te?

    JOSÉ: La cosa più sorprendente, francamente, è stata la velocità con cui il sentimento si è dissipato, il sentimento di essere uniti, il sentimento di cui avevamo bisogno per riunirci come paese, come popolo, e quanto velocemente è andato via. Perché all'inizio, ricordo di averlo sentito, ricordo di averlo sentito, ricordo di averlo letto dai nostri leader. Perché sapevamo che era un grande sconosciuto.

    Ma non appena questo rapporto che parlava delle disparità razziali, di chi stava prendendo il COVID e chi non lo stava ottenendo, ricordo che quel sentimento è semplicemente svanito. Quel senso di urgenza svanì. Il senso di stare insieme — quello era solo un ripensamento ora. Perché questa malattia, questo virus stava colpendo di più le persone di colore. E quindi, "non importa".

    E altre persone facevano un passo indietro rispetto all'urgenza di “insieme”. E sento che quel momento è stato davvero il punto di svolta nella nostra lotta contro il COVID, che se avessimo mantenuto quel senso di unione, quel senso di unione - come paese, come popolo - per combattere questo, penso che sarebbe in una situazione completamente diversa da quella in cui ci troviamo ora.

    Penso che abbiamo appena superato le 700.000 persone che sono morte solo negli Stati Uniti a causa del COVID. Voglio dire, sono morte 700.000 persone. E penso che quel numero non sarebbe stato così alto se avessimo mantenuto quel senso di necessità di essere uniti in questa lotta contro il COVID.

    Questo mi ha sorpreso. E questo ha fatto male, in realtà. Questo faceva male perché era la sensazione che, "Oh, beh, se questo avrà solo un impatto sulle persone di colore, allora chi se ne frega?" E sono triste che sia successo. È stato sorprendente e doloroso soprattutto.

    Siamo ancora qui

    ROCIO: Grazie per averlo condiviso, José. Tutto ciò di cui hai appena discusso — mi sembra di aver sentito piccoli frammenti qua e là, e ho ancora i brividi nel sentire quel momento nel tempo, nell'ascoltare quell'esperienza di ciò che tutti alla MAF e te stesso abbiamo passato, e cercando di intensificare e cercare di ottenere il sostegno degli altri e cercare di riaffermare e dire al mondo che c'erano persone escluse e che dovevamo fare qualcosa al riguardo. Sembra che potresti facilmente scrivere un libro su quel momento, quei primi inizi.

    E la mia domanda per te, José, è: come intitoleresti quella storia? Visto quello che hai appena detto, in poche parole?

    JOSÉ: Sai, penso alla MAF in questo senso ea tutto quello che stiamo facendo. Penso che quello che stiamo dimostrando sia: cosa ci vuole per presentarsi alle persone che sono state lasciate indietro, persone che sono state ignorate, persone che sono ai margini della società? Cosa serve per presentarsi e fornire qualcosa di significativo contributo e supporto significativo?

    Penso che per me sia qualcosa intorno: siamo ancora qui. Che nonostante questa pandemia, nonostante il dolore e il male, nonostante sia stato espulso. Non solo durante questa pandemia, ma nel corso degli anni, nel corso dei millenni in cui siamo stati colonizzati due volte, che siamo ancora qui, e siamo ancora importanti, e dobbiamo fare tutto il possibile per mostrarci e supportarci a vicenda, comunque possiamo. E quando lo facciamo, fai di meglio. Quando pensiamo di aver fatto abbastanza, facciamo di più.

    ROCIO: Quindi, in poche parole, mi sembra che il lavoro continui.

    José, hai qualche ultima parola per i nostri ascoltatori oggi?

    Presentarsi, fare di più, fare di meglio

    JOSÉ: Voglio ringraziarti, Rocio, per aver avuto questa conversazione con me oggi. So che la maggior parte delle volte parliamo solo di lavoro...

    ROCIO: È un lavoro divertente!

    JOSÉ: Lo è, ma è sempre bello fare un passo indietro per un secondo e riflettere su tutto ciò che abbiamo creato insieme, quindi mi piace davvero. Direi che come messaggio per tutti, questo è il momento di non rimpicciolirci, di diventare invisibili. Questo è il momento per noi di presentarci, di fare di più e di fare meglio. E penso che questo sia il nostro invito all'azione.

    Ma penso che sia qualcosa che tutti possiamo fare, in particolare nel mondo del non profit. Dobbiamo fare di più, dobbiamo fare di meglio per le persone rimaste indietro.

    ROCIO: Sì, fatti vedere, fai di più, meglio, perché siamo ancora qui. Grazie mille, José, per aver parlato con noi oggi.

    E per i nostri ascoltatori, il lavoro continua! Unisciti a noi la prossima volta per ascoltare Diana, che hai ascoltato in questo podcast solo pochi minuti fa, condividere le sue esperienze di proprietaria di una piccola impresa e mamma che lavora durante il COVID-19. Arrivederci alla prossima!

    Grazie per aver ascoltato Cafecito con MAF!

    Assicurati di iscriverti al nostro podcast su Spotify, Apple o ovunque tu ascolti i podcast, così puoi guardare il prossimo episodio non appena viene pubblicato.

    E assicurati di seguirci online se vuoi saperne di più sul nostro lavoro, partecipare a un corso gratuito di educazione finanziaria o ricevere più notizie e aggiornamenti su Cafecito con MAF. Erano a missionassetfund.org e su Twitter, Instagram e Facebook.

Continua a leggere

Small Business Week

Onorare gli imprenditori immigrati durante la National Small Business Week

Ogni volta che facciamo commissioni in un droghiere locale, pranziamo in un ristorante a conduzione familiare o riforniamo le nostre biblioteche personali con ordini in librerie indipendenti, reinvestiamo nelle comunità in cui viviamo. Le piccole imprese sono la linfa vitale dei quartieri: oltre a rendere il nostro locale paesaggi speciali, le piccole imprese tengono i soldi dalla comunità, nella comunità

Naturalmente, le piccole imprese non sarebbero possibili senza le persone creative che le hanno avviate, molte delle quali hanno affrontato sfide impossibili durante la pandemia di COVID-19. Navigare in mari di burocrazia per accedere a un sostegno finanziario cruciale è stata una lotta, soprattutto per immigrati e persone di colore, che sono stati danneggiati in modo sproporzionato dalla progettazione di prestiti come il programma di protezione della busta paga. 

Di fronte a queste barriere, MAF ha visto un'incredibile capacità di recupero e saggezza da parte degli immigrati e degli imprenditori BIPOC. In questa #SmallBusinessWeek, ci prendiamo un momento per condividere le loro lezioni e onorare le loro storie. Dietro ogni piccola impresa c'è un sognatore, imprenditore e vicino, ognuno con la propria storia:

Tahmena

“All'epoca non avevo una carta di credito. Non avevo familiarità con le imprese o altro,” dice Tahmeena. Non aveva precedenti di credito quando è immigrata negli Stati Uniti dall'Afghanistan. Ma non si è scoraggiata. Tahmeena, che si era interessata alla moda sin da quando era bambina, vide subito il bisogno nella sua comunità di abiti e accessori culturali comuni all'estero, ma difficili da acquistare in America. 

Per capriccio, ha riportato alcuni oggetti dopo una vacanza in Turchia per vedere se ci sarebbe stato qualche interesse. E nel giro di un mese, aveva quasi troppi clienti che chiedono di più. 

Così Tahmeena si unì Lending Circles di MAF tramite la Rete delle donne rifugiate per stabilire un punteggio di credito e far crescere la sua boutique online, Takho'z Choice, oltre. Ha preso i $1.000 che ha risparmiato grazie al prestito a tasso zero e li ha usati per acquistare merce. In soli tre mesi, la sua piccola impresa ha iniziato a generare profitti, e il suo punteggio di credito precedentemente inesistente è balzato di centinaia di punti.

Reyna

La madre di Reyna ha piantato i primi semi per la loro attività quando ha venduto tamales come venditore ambulante a San Francisco. Con il supporto dell'incubatrice La Cocina, Reyna e sua madre hanno aperto La cucina della GuerreraIl primo mattone e malta del 2019, subito prima che la pandemia li costringesse a chiudere il negozio. Dopo due anni di pop-up e ordini online su Instagram, La Guerrera's Kitchen è stata finalmente in grado di trovare una nuova casa allo Swan's Market di Oakland nel 2022. 

Per molti, il tutoraggio è una parte essenziale di questo processo per decollare, specialmente per gli imprenditori immigrati. Attraverso il processo di avvio di La Guerrera's Kitchen, Reyna ha imparato a conoscere il marketing e le proiezioni, come negoziare e come le case a status misto possono creare credito con i numeri di identificazione dei contribuenti individuali o ITINS.

"Mi sarebbe piaciuto ricevere questo supporto in giovane età", lei dice. È un supporto come questo che Reyna vuole per tutti gli immigrati: “Fai sapere alla gente che sì, puoi essere privo di documenti e continuare ad aprire un'attività. Questo è il modo in cui lo fai.” 

Diana

È bastato uno sguardo al suo bulldog inglese perché Diana si rendesse conto che era destinata a un'avventura imprenditoriale. Nel bel mezzo della crisi finanziaria del 2008, Diana si sentiva bloccata. Era difficile trovare lavori rilevanti per la sua laurea in interior design e il lavoro che ha ottenuto in un asilo nido per cani non era soddisfatta. "Sapevo che potevo farlo meglio", dice Diana. "E il mio bulldog mi ha appena guardato e me ne sono andato da solo." 

Quel piccolo sguardo si è rivelato cambiare la vita. "Mi ha aperto così tante opportunità che non vedevo prima", dice. Oltre un decennio dopo, Diana gestisce con successo la sua attività di asilo nido per cani, un'impresa che attribuisce alla sua fiducia nei suoi sogni imprenditoriali e alle persone (e agli animali domestici) che l'hanno aiutata a costruire quella base di fiducia e supporto. Ciò include tutti, dal suo bulldog inglese ai suoi clienti fino al MAF. Come cliente MAF, Diana è stata in grado di risparmiare i soldi per un acconto sul suo primo furgone per cani. 

Fiducia e supporto sono fondamentali per qualsiasi piccolo imprenditore, afferma Diana. Anche oltre a trovare queste cose dalla tua famiglia o dalla tua comunità, è importante avere quella fiducia in te stesso.

“Sei il capo della tua vita, non solo del tuo lavoro. Non stai creando un lavoro solo per te, stai creando posti di lavoro per altre persone, stai aiutando la tua comunità e stai creando la tua vita e i tuoi sogni", dice Diana. "Tu sei il creatore."

Laura Arce

Riflettori puntati sui campioni: incontra Laura Arce

Per Laura Arce, entrare a far parte di MAF sembra un ritorno a casa. 

Il suo nuovo ruolo come membro di MAF's Consiglio di Amministrazione l'ha riportata, in senso simbolico, nella Bay Area, dove è nata e cresciuta. Per anni dopo il college, Laura aveva trascorso del tempo altrove: a Capitol Hill, a Pechino, lavorando per agenzie governative o piccole consulenze o anche grandi banche come Wells Fargo, dove attualmente è vicepresidente senior del settore bancario al consumo e della politica dei prestiti. 

Ma nel 2020, quando il COVID-19 ha sconvolto la vita di tutti, Laura ha avuto un'illuminazione sorprendente.

"Mi sono resa conto che mi mancavano le mie radici", dice. Non era solo perché Laura non poteva più semplicemente salire a bordo di un aereo per tornare alla sua città natale. Era anche perché la sua carriera professionale era nata dal personale, ed era tempo per Laura di riconnettersi con la sua storia di origine.

Laura è cresciuta in una famiglia di immigrati messicani a Oakland.

I suoi genitori erano lavoratori senza scopo di lucro e ha trascorso molti dei suoi anni di scuola elementare in giro per lo Spanish Speaking Unity Council, un centro di risorse della comunità dove lavorava suo padre. 

Laura cita suo padre come una delle sue maggiori influenze. Ciò è dovuto in parte alla precoce affinità per il lavoro di comunità che le ha instillato, e in parte al fatto che, da bambina, ha spesso assistito ai modi in cui la sua stessa famiglia è stata esclusa dal mainstream finanziario. Suo nonno non si fidava delle banche. Ogni volta che pagava una bolletta - telefono, acqua, qualsiasi cosa - prendeva l'autobus in centro fino al rispettivo ufficio e pagava in contanti. 

“Questo gli è costato molto tempo e sforzi extra. Ma lo ha fatto per tutta la sua vita adulta", dice Laura. Era rischioso portare così tanti contanti in una volta, ma suo nonno preferiva riporre la sua fiducia nelle banconote da un dollaro piuttosto che in un istituto bancario. Le ricevute timbrate venivano conservate con cura e raramente veniva toccato un libretto di risparmio. 

Questo processo sembrava "normale" a Laura fino a quando non ha iniziato il college alla UC Berkeley. Mentre il nonno di Laura conservava ricevute di carta bollate e lasciava che il suo conto in banca raccogliesse polvere, i compagni di classe di Laura usavano le carte di credito per pagare "magicamente" i loro libri e le provviste. Mentre i genitori della sua coinquilina spedivano assegni al padrone di casa, Laura era responsabile del proprio conto in banca. Era sbalordita dalle incongruenze tra le sue esperienze e quelle dei suoi compagni di classe. 

Tutte queste differenze sono state come momenti di luce per Laura. “Chi è senza banca, chi è in banca, chi ha credito, chi no. Ci sono chiare disparità tra razza, etnia, livelli di reddito e persino aree geografiche", afferma Laura. E la sua famiglia viveva a quegli incroci.

"Anche nel mio caso, dove avevo genitori istruiti e nonni che avevano figli che potevano aiutarli, erano sottobanco", dice Laura. "Erano al di fuori del mainstream finanziario". 

La posizione di Laura nei comitati finanziari e di audit di MAF è un modo per onorare le sue radici. 

"Ho deciso che volevo prendere tutto ciò che avevo imparato e costruito", dice Laura. "E volevo essere nuovamente impegnato in un lavoro più basato sulla comunità". Il suo ruolo è il tipo che sposa una certa filosofia che Laura ha di colmare il divario bancario per le persone di colore sistematicamente escluse dai servizi finanziari, come suo nonno.

"Non sarà un pulsante facile che tutti possiamo premere", dice Laura. "Ci vorrà un rafforzamento del settore privato, e servirà anche una politica pubblica che supporti questi obiettivi, così come lo sforzo di gruppi come MAF, che sono disposti a essere là fuori e a correre più possibilità".

E mentre Laura intende portare la sua politica pubblica e il suo background nel settore privato nelle conversazioni del consiglio, spera anche di imparare dai suoi coetanei. "Sono entusiasta di partecipare a questi incontri e ascoltare tutte queste conversazioni su come affrontiamo problemi davvero impegnativi", afferma Laura. Il lavoro di MAF sia come "leader nazionale" che come organizzazione basata sulla comunità è il tipo di prospettiva che vuole portare al suo lavoro al di fuori di MAF, che si tratti di agenzie governative o grandi banche.

In parte è perché Laura sente una responsabilità. Durante la sua carriera nel settore pubblico e privato, Laura è stata spesso una delle poche donne latine presenti nella stanza. "Parte della mia esperienza è anche la mia esperienza personale", afferma. Non tutti quelli con cui Laura ha lavorato sono cresciuti in una comunità di immigrati. Non tutti hanno avuto familiari che non parlavano inglese o che non si fidavano delle banche. Non tutti si chiederanno: “Quali sono le parti delle comunità che vengono lasciate indietro e non vengono servite? E cosa posso fare?"

Ma Laura lo farà. “Rappresento quella voce”, dice Laura. "È davvero importante per me e lo prendo molto sul serio".

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2022 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian