Autore: prestito8

Itzel: Un DREAMer che fa la differenza

Penso che le cose andranno alla grande e ci guarderemo indietro e diremo, sì, abbiamo fatto la differenza

Itzel ha sempre saputo che era senza documenti, lo aveva saputo per tutta la vita. Il suo status non aveva mai avuto un impatto importante sulla sua vita. Era felice al liceo e non aveva bisogno della patente perché non poteva permettersi un'auto. Tutto nella sua vita stava andando per il verso giusto, ma quando ha compiuto diciotto anni, le cose hanno preso una piega inaspettata.

Le nove cifre che hanno sconvolto il suo futuro.

Quando Itzel andò a fare domanda per il college, non riuscì a superare la prima pagina. Aveva voti fantastici, aveva il sostegno della sua insegnante, faceva tutto quello che dovevi fare per entrare in una buona scuola. Ma i suoi sogni di frequentare l'Università di Berkeley o Stanford in autunno sono stati interrotti a causa della sua mancanza di un numero di previdenza sociale. Itzel non aveva un numero di previdenza sociale da compilare nella domanda e si rese conto che non poteva fare domanda per le scuole che non vedeva l'ora di frequentare da tutta la vita. Si è rifiutata di lasciare che questo la limitasse e quando la sua famiglia si è trasferita si è iscritta al Community College.

Itzel era imperterrita e ha continuato a inseguire i suoi sogni.

Quando si è trasferita dalla sua casa in Oregon a San Francisco, si è iscritta al City College. Come studentessa fuori dallo stato le sue tasse a volte erano il triplo di quelle che pagavano gli studenti locali. A differenza di altri studenti, non poteva accedere ai prestiti tradizionali, agli aiuti finanziari o ad altri servizi per gli studenti. Per lei, questo era un piccolo prezzo da pagare per continuare la sua istruzione. A scuola ha sentito parlare di un nuovo programma ideato da Dreamers come lei. DACA era la sua opportunità per ottenere finalmente il numero di previdenza sociale che le aveva impedito di fare domanda per l'università. Una volta lanciato DACA, ha cambiato la vita di Itzel. Ha potuto fare domanda per DACA aderendo al programma Lending Circles for DREAMers, dove ha ricevuto tutoraggio e aiuti finanziari attraverso prestiti sociali, e ha ricevuto il suo primo permesso di lavoro.

Vivendo il sogno.

Ora Itzel sarà in grado di pagare le tasse scolastiche statali come cittadino e residente a San Francisco per un anno. Ha lavorato duramente per tutta la sua vita e continuerà a lavorare sodo per realizzare il suo sogno americano. È orgogliosa di essere un esempio di ciò che può essere la gioventù senza documenti ed è ottimista su ciò che il movimento DREAMer può realizzare in futuro. "Penso che le cose andranno alla grande e ci guarderemo indietro e diremo, sì, abbiamo fatto la differenza".

Gesù: giovane costruttore di comunità

Quando la riforma dell'immigrazione verrà approvata, voglio che le persone si sentano al sicuro in un programma come DACA. È qui per aiutarci.

Quando Gesù aveva cinque anni, emigrò negli Stati Uniti con i suoi genitori. I genitori di Gesù erano impegnati a lavorare e a cercare un lavoro che lui e suo fratello avrebbero trascorso molto tempo dopo l'assistenza scolastica. Gesù si sentiva solo per la maggior parte del tempo. Cercava persone che condividessero le sue esperienze, ma si sentiva isolato dagli altri ragazzi della sua scuola. Pensava di aver trovato un gruppo di amici quando si era imbattuto nei membri della banda locale che frequentavano la sua scuola. Ma si sbagliava, i membri della banda che aveva pensato fossero la sua nuova famiglia lo abbandonarono quando ne aveva più bisogno. Sapeva di aver commesso un grosso errore a fidarsi di loro.

Gesù si rese conto di avere il potere di cambiare la sua vita.

Dopo quell'esperienza, Gesù ha lavorato duramente per trasformarsi in uno studente migliore. Ha lavorato sodo, ha ottenuto ottimi voti e ha iniziato a vincere premi. Ha trovato una nuova famiglia che era sempre lì per lui, quando si è unito alla squadra di calcio. Una volta che i suoi genitori trovarono entrambi un impiego, sentì tornare un senso di stabilità. Anche con la sua vita che cambiava in meglio e il suo futuro sembrava luminoso, sentiva ancora che la sua prospettiva era molto limitata.

Senza la sua cittadinanza, il futuro di Gesù non era del tutto sicuro. Non potrebbe frequentare l'università. Non saremmo in grado di viaggiare in nessun'altra parte del mondo. Gesù sapeva dall'esperienza dei suoi genitori che la sua capacità di trovare sarebbe stata limitata. Presto ebbe un raggio di speranza. Aveva sentito dell'annuncio di un nuovo programma per giovani come lui. Ha iniziato a ottenere quante più informazioni possibili su DACA. Molti nella sua comunità erano stanchi del programma. Sentivano che era un trucco per deportarli. Gesù sapeva che questa era la sua occasione per cambiare vita e, facendo domanda per il DACA, è stato finalmente in grado di ottenere la patente di guida, fare domanda per un lavoro e andare al college. Lending Circles for DREAMers ha aiutato Jesus a finanziare l'applicazione e ad avvicinarlo al suo sogno: studiare legge e restituire alla comunità di immigrati usando la propria esperienza.

Una nuova visione della vita.

Gesù ora lavora per aiutare altri bambini come lui. Vuole che sappiano che non sono soli e che possono ottenere tutto ciò che vogliono. Jesus ha recentemente tenuto un discorso di fronte a 600 persone a un seminario sulla leadership del CORO e ha ottenuto uno stage presso l'Office of Civic Engagement and Immigrant Affairs della città di San Francisco.

"Voglio che le persone si sentano al sicuro in un programma come DACA", ha detto. “Quando la riforma dell'immigrazione sarà approvata, voglio che approfittino di qualunque programma ci sia. Sono lì per aiutarci».

Jesus ha aiutato a gestire un programma di Community Ambassadors e ha condotto attività di sensibilizzazione per incoraggiare i giovani a fare domanda per DACA. Lavora per aiutare altri giovani come lui a frequentare l'università, prendere la patente e vivere la vita che è stata loro promessa dal sogno americano. Con l'aiuto di DACA e Lending Circles di Mission Asset Fund per DREAMers tutto è possibile per Gesù.

Bruno: dream team del design

Bruno e sua moglie sono venuti al Lending Circles per avviare la loro attività di progettazione grafica.

Bruno e sua moglie Micaela sono arrivati negli Stati Uniti dieci anni fa con il sogno di possedere un'attività propria. Avevano anni di esperienza professionale come serigrafi a Città del Messico, ma con pochi risparmi, erano preoccupati che non sarebbero stati in grado di vedere il loro sogno diventare realtà. Due diversi micro prestatori hanno negato a Bruno la richiesta di un piccolo prestito commerciale, entrambi citando la sua mancanza di storia di credito come motivo.

Ricominciare da capo

Dopo che Bruno si è unito a un Lending Circles, i suoi risparmi e il suo punteggio di credito hanno cominciato ad aumentare. Nell'ottobre del 2010 Bruno e Micaela sono diventati orgogliosi proprietari di La nostra missione grafica, un negozio di magliette personalizzate e design grafico a San Francisco. Alla fine, Bruno aveva bisogno di un nuovo veicolo, così ha chiesto un prestito per l'auto ad una cooperativa di credito locale.

Quando la banca lo ha chiamato e gli ha detto che la sua storia di credito lo qualificava per il prestito, era felicissimo. Bruno dice: "Ero molto felice di sapere che avevo un punteggio di credito. Spero che questo prestito per l'auto mi aiuti anche ad assicurarmi futuri prestiti commerciali".

La nostra Mission Graphics sta crescendo, ma anche le richieste dei suoi clienti.

"Anche se amano il design di una camicia, se non ho il colore esatto e la taglia in magazzino, il cliente a volte decide di andare altrove", dice Bruno. Nei prossimi anni, spera di chiedere un prestito per piccole imprese per costruire un inventario più grande per Our Mission Graphics, trasferirsi in una sede più grande e assumere il suo primo dipendente.

Luis e Zenaida: una famiglia di chef

Un programma di lavoro estenuante ha motivato Luis e Zenaida a immaginare un futuro diverso per se stessi. Lending Circles li ha aiutati ad arrivarci.

Zenaida e Luis hanno reagito diversamente quando hanno scoperto che Zenaida era incinta. Mentre Luis versava lacrime di gioia, Zenaida si preoccupava delle nausee mattutine.

“Ma a Luis è successo di tutto. Aveva sonno, era stanco, stava male – io stavo bene!” lei disse.

La coraggiosa coppia di trentenni di El Salvador ha avuto esperienze molto diverse con i loro padri. Luis non ha mai conosciuto veramente suo padre, mentre Zenaida sente ancora il dolore della morte di suo padre tre anni fa.

"Ero molto vicino a mio padre e volevo lo stesso per Luis e Mateo", ha detto.

Nel 2012, Luis si è ritrovato a lavorare ore brutali con poco tempo rimasto per suo figlio, Mateo. Lavorava spesso 14 ore al giorno destreggiandosi tra due lavori come chef. Zenaida sapeva che era solo questione di tempo prima che non ce la facesse più.

Una nuova idea imprenditoriale

Così, la coppia ha iniziato la propria attività, D'Mais Catering, nella speranza di trascorrere più tempo insieme come famiglia. Loro rapidamente appreso che avevano bisogno di credito per accettare ordini più grandi. Ma Zenaida non aveva precedenti creditizi perché pagava sempre le bollette in contanti.

Zenaida si è unita a un circolo di prestito e stabilito un punteggio di credito per la prima volta, un impressionante 750! Si è qualificata per un piccolo prestito da investire in un'auto per l'azienda e prevede di richiedere di più per investire in una cucina commerciale e una casa per la sua famiglia.

Ora, la coppia ha 8 dipendenti e organizza regolarmente eventi per aziende della Silicon Valley come Foursquare e ai festival gastronomici di San Francisco. Continuano a ispirarsi al figlio Mateo, che da grande vuole fare lo chef anche lui.

"Tutti hanno un sogno, ma a volte hai bisogno di aiuto", ha detto Luis. “Non siamo speciali. Lo abbiamo fatto con l'aiuto della nostra comunità”.

Aqui: Lending Circles con filippini a Los Angeles.


Aqui non si arrese. Ha chiamato José ogni pochi mesi per vedere se era già pronto. Ora la sua organizzazione PWC offre l'intera suite di programmi di prestito sociale della MAF.

"Anche se i filippini sono la più grande popolazione asiatica americana in California, nessun altro stava affrontando i problemi dei lavoratori filippini a basso salario. Ecco perché Centro operaio filippino è stato formato", dice Aquilina Soriano-Versoza, il direttore esecutivo del Pilipino Worker's Center.

Aqui va al lavoro ogni mattina perché si nutre di trasformazioni.

Lei ama vedere riservato lavoratori domestici diventano leader e sostenitori sicuri. Ha anche notato quanto duramente lavorano per migliorare le loro finanze. Dice: "Se sei un immigrato in California, puoi avere un conto in banca, ma un prestito è qualcosa che non puoi fare. Devi passare attraverso reti informali che non sono sempre affidabili". Senza la famiglia e gli amici vicini ad aiutare, i lavoratori domestici sono in difficoltà quando la crisi colpisce: "I nostri membri lavorano come badanti a domicilio, guadagnando meno del salario minimo. Quando un cliente muore, sono senza lavoro o senza un posto dove stare e la maggior parte delle volte non hanno risparmi".

Aqui ha riconosciuto che senza l'accesso al credito conveniente i suoi clienti erano ad una spesa imprevista dalla crisi finanziaria, così ha chiamato Jose per proporre una partnership. Anche se Jose era interessato, a quel tempo, Mission Asset Fund era concentrato sull'espansione nella Bay Area. Aqui non si arrese. Chiamò Jose ogni pochi mesi per vedere se era già pronto.

Circa un anno dopo, al momento giusto, le due organizzazioni si sono unite per portare Lending Circles a Los Angeles. Con l'aiuto del Sfida LA2050La partnership si è ampliata. PWC ora offre una suite completa di programmi di prestito sociale ai loro clienti a basso reddito: Lending Circles, Lending Circles per la cittadinanza, Lending Circles per i sognatori e prestiti per il deposito di sicurezza.

Un nuovo posto dove vivere

Nell'autunno del 2013, PWC ha celebrato l'apertura di un nuovo complesso residenziale a basso costo a Los Angeles. L'edificio ha 45 unità residenziali in modo che gli inquilini a basso reddito possano affittare a partire da $300 al mese, a seconda del loro reddito e delle dimensioni della famiglia. Ma anche permettersi un deposito cauzionale può rappresentare una sfida - ecco perché Aqui offre ora il programma Security Deposit Loan. Hanno iscritto i loro primi inquilini all'inizio del 2014.

Aqui dice: "Mission Asset Fund ha creato un'incredibile struttura posteriore ed è stato così facile. Jose ci ha aiutato ad ottenere il nostro primo finanziamento con una banca locale e ora speriamo di ottenere altri finanziamenti per poter continuare ad espandere questo programma".

Alla PWC, i membri chiamano Lending Circles "Paluwagan". Un membro, Manna, è un sopravvissuto alla tratta che è stato intrappolato in una casa per due anni ed è stato costretto a dormire su una cuccia per cani. Con l'aiuto di PWC e Lending Circles, la vita di Manna si è trasformata. Ha iniziato a risparmiare denaro ogni mese e a costruire relazioni.

Per i lavoratori domestici filippini di Los Angeles, questo tipo di relazioni può portare a nuovi lavori. Quando il gruppo Lending Circles si riunisce, i membri condividono le loro lotte e i loro successi. Aqui dice: "A Paluwagan, qualcuno dirà che sta cercando un lavoro. Sai cosa succede? Uno degli altri membri gliene trova uno". Guarda di più qui:

Alicia: Pioniere del tamale


Alicia è passata dalla vendita porta a porta a possedere il suo carrello di tamale, usando Lending Circles per superare il suo debito e la mancanza di credito.

Quando Alicia ha iniziato la sua attività di tamales, andava di porta in porta a vendere tamales fatti in casa con suo figlio di otto anni, Pedro. Ogni settimana, aveva abbastanza soldi per comprare le forniture per 100 tamales e dopo averli venduti tutti, portava a casa un piccolo profitto. Una buona settimana finiva con Alicia che guadagnava $200. Lavorava duramente, ma non c'era modo con quel piccolo profitto di potersi occupare di tutte le sue bollette.

Un futuro migliore

La famiglia ha lottato con la disoccupazione e i debiti aziendali. È stato un periodo molto frustrante e stressante per lei, ma Alicia ha continuato ad andare avanti perché credeva nella sua attività di tamale. Iscrivendosi a Lending Circle, Alicia ha ottenuto il suo primo prestito di $1.000, che l'ha aiutata ad aprire il suo carrello alimentare a San Francisco: Alicia's Tamales Los Mayas. Seguire i corsi di gestione finanziaria del MAF e pagare i suoi prestiti in tempo ha aiutato Alicia a mettere in ordine le sue finanze.

"Prima, quando i miei figli mi chiedevano di comprare delle cose, dicevo 'no, dovete aspettare'. Ora sono sorpresi quando dico 'sì, andiamo!'".

Alicia è passata dal vendere 100 tamales da sola a gestire 7 dipendenti per fare 3.000 tamales a settimana. Presto potrete trovare Alicia's Tamales in Whole Foods alla fine di quest'anno e lei sta lavorando ad un business plan per aprire il suo primo ristorante.

Recensioni entusiastiche

"Il lunedì prepariamo i ripieni, il martedì e il mercoledì mettiamo insieme i tamales. Giovedì e venerdì, li impacchettiamo e li consegniamo ai nostri clienti felici!". Ha detto Alicia.

Una delle sue felici clienti è Heather Watkins, che servirà i deliziosi tamales di Alicia al suo prossimo matrimonio.

"C'è così tanto da dire su Alicia's Tamales. Tutto il suo cuore e la sua anima vengono trasferiti attraverso il suo meraviglioso cibo. Sta cambiando la vita della sua comunità e della sua famiglia con la sua attività. La sua gioia e il suo duro lavoro fanno sentire tutti intorno a lei come se essere parte di questo movimento fosse esattamente dove dovrebbero essere, e ispira gli altri ad unirsi a loro. Io e il mio fidanzato siamo onorati di avere una tale pioniera come parte del nostro matrimonio", ha detto.

Dopo aver partecipato a Lending Circles, Alicia è stata in grado di risparmiare e prevede di continuare a pagare il suo debito per vivere il suo sogno americano. Con il successo del suo carrello alimentare e del servizio di catering, ha alcuni progetti entusiasmanti in cantiere. Presto potrete trovare Alicia's Tamales in Whole Foods alla fine di quest'anno e lei sta lavorando ad un business plan per aprire il suo primo ristorante!

"Abbiamo un detto nella mia azienda", ha detto Alicia. "I miei tamales sono ripieni d'amore e le persone migliori sono ripiene dei miei tamales!".

Christina: una fashionista imprenditoriale


Il proprietario di un camion di moda supera la lotta per costruire una storia di credito e un'attività allo stesso tempo

Christina Ruiz è la proprietaria di Boutique TopShelf, il primo fashion truck di San Francisco, è stato inaugurato nel maggio 2012. TopShelf è un negozio itinerante pieno di vestiti alla moda ma a prezzi accessibili, una rivisitazione del popolare movimento dei food truck. La proprietaria Christina è un'ex barista e laureata in una scuola di moda che è caduta in debito con la scuola. Dopo averlo pagato, è rimasta con un punteggio di credito danneggiato e pochi risparmi: sfide per un piccolo imprenditore. 

Christina dice: “Ho frequentato la scuola di moda e ho accumulato un po' di debiti. Ho pagato tutto ma mi ha danneggiato per un po'. E, sai, dieci anni dopo, quando vuoi avviare un'attività, quella roba torna a perseguitarti".

Fu allora che si iscrisse a Lending Circles al at Centro Lesbiche Gay Bisessuali Transgender di San Francisco dove ha ricevuto i sussidi per le piccole imprese di cui aveva bisogno per lanciare il suo camion. La storia di Christina è stata descritta da Rivista Grist e nel California Report di NPR:

È rimasta sbalordita dall'impatto del programma. “Non potevo nemmeno ottenere una carta di credito per un limite di $100 dalla mia banca prima del circolo dei prestiti. In seguito, senza nemmeno fare nuovamente domanda, ho iniziato a ricevere lettere nella posta che dicevano che eri stato pre-approvato per $1,000 e poi $5,000."

Con un seguito regolare e un'attività in forte espansione, Christina è stata in grado di realizzare un altro sogno: aprire una boutique. Nel giugno del 2012, è stata entusiasta di annunciare l'apertura di un suo nuovo negozio all'interno di San Francisco's Crocker Galleria. Guarda la sua storia qui:

Olivia: cucinare con il cuore


I piccoli imprenditori Olivia e Javier hanno iniziato Eleganza Catering ma avevano bisogno di Lending Circles per ridurre il debito medico e costruire la loro attività

Olivia Velazquez e suo marito, Javier Delgadillo, sono originari del Messico e condividono la passione per la cucina e per coccolare le persone intorno a loro. Insieme, hanno 42 anni di esperienza nel servizio al cliente e nella preparazione del cibo grazie al loro incarico in un popolare punto di ristoro del centro di San Francisco.

Nel 2010, Olivia e Javier hanno trascorso lunghe ore nell'unità di terapia intensiva pediatrica dell'ospedale UCSF, in attesa del recupero del loro figlio più giovane da un intervento di neurochirurgia.

Per ringraziare il personale dell'ospedale per la loro dedizione, Olivia e Javier hanno iniziato a portare panini, insalate e frutta. Da lì, le richieste di catering hanno cominciato ad arrivare - prima per eventi privati dei membri dello staff, e poi per occasioni speciali più grandi a livello di organizzazione. E così iniziò Eleganza Catering.

Le figlie di Olivia

Il punteggio di credito di Olivia è crollato di quasi 200 punti a causa del debito medico maturato mentre suo figlio era in cura. Dopo la sua guarigione, era il momento per la famiglia di concentrarsi su come sbarazzarsi del debito medico e migliorare le loro storie di credito in modo da poter costruire la loro attività. Ha saputo di Lending Circles dai suoi amici, Bruno e Micaela, che erano anche loro piccoli imprenditori e che avevano usato con successo il programma per riparare il loro credito. Olivia e suo marito sono entrati in un Lending Circle nel 2012 e hanno usato i loro prestiti per aiutare a pagare il loro debito esistente.

Sophie Quinton del Giornale Nazionale Dopo appena 11 mesi di partecipazione al programma di prestito peer-to-peer, il punteggio di credito di Olivia è passato da meno di 500 a circa 670".

Guarda il sito di Olivia business

Leticia: Rising up


C'è un detto quando una mano aiuta l'altra mano, e insieme applaudono molto più forte di una sola.

Leticia emigrò nella Bay Area verso la fine degli anni '20 per una vita migliore. In meno di due decenni, possedeva due case, avviò due attività di successo ed era sposata con due figli. Ha persino portato due bambini in affido per dare loro una casa sicura. Ma nel 2005, una serie di disastri ha scosso il forte di Leticia spirito.

Il marito di Leticia ha chiesto il divorzio e l'ha resa l'unica responsabile dei loro mutui. I suoi soci in affari l'hanno abbandonata e in seguito è diventata troppo malata per lavorare da sola. "Mi sentivo impotente a fare qualsiasi cosa per cambiare la mia vita", ha detto.

Perdere la sua casa e un reddito fisso ha anche messo a rischio il ruolo di Leticia come madre adottiva. Ma non voleva rinunciare ai suoi figli adottivi. Era determinata a rialzarsi. Leticia ha iniziato a richiedere prestiti per avviare un'attività di carrello alimentare. Quando i banchieri hanno visto i suoi grandi mutui, hanno rifiutato frettolosamente.

Leticia si è unita al suo primo Lending Circle nel 2011 pronta per un nuovo inizio.

“Pensavo che ci sarebbero voluti 5 o 10 anni per migliorare il mio credito. Non ho avuto il tempo di aspettare", ha detto.

Con sua grande sorpresa, dopo 18 mesi, Leticia's punteggio di credito balzato di 250 punti a 608.

Poiché ha rimborsato i suoi prestiti in tempo, si è qualificata per un microprestito $5000 da Mission Asset Fund. Questo prestito servirà a lanciare quello che sarà sicuramente il primo dei tanti carretti gastronomici di Leticia.

È grata per il sostegno della comunità che l'ha aiutata a cambiare la sua vita e a prendersi cura della sua famiglia.

"C'è un detto quando una mano aiuta l'altra mano, e insieme applaudono molto più forte di una sola".

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2021 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian