Autore: Mohan Kanungo

Prepararsi alle emergenze finanziarie


Come evitare che un'emergenza legata all'immigrazione diventi un'emergenza finanziaria

 La detenzione e la deportazione possono avere un impatto enorme sulle finanze di una famiglia. Cosa succede alla macchina, all'appartamento o al denaro sul conto corrente?

Piano d'azione di emergenza finanziaria per gli immigrati

Questa nuova risorsa è uno strumento orientato all'azione che offre consigli concreti per aiutare le famiglie a pianificare in anticipo e mantenere i loro soldi e le loro cose al sicuro nel caso di un'emergenza immigrazione. Gli argomenti includono:

  • Proteggete il vostro denaro: Semplici passi per mantenere il tuo denaro al sicuro e accessibile - dall'impostazione di conti online al pagamento automatico delle bollette
  • Proteggete i vostri beni: Come fare l'inventario dei tuoi beni, perché considerare l'assicurazione e come fare un piano per tutti i tuoi beni
  • Prepararsi per un'emergenza: Suggerimenti per aiutarti a fissare un obiettivo di risparmio, proteggere la tua carta di credito o impostare una campagna di crowdfunding
  • Creare un piano d'azione: Ogni sezione include liste di controllo e modelli in modo da sapere esattamente cosa fare per prepararsi

Webinar e sessioni informative

Sessioni informative sono grandi opportunità per il personale non profit, delle fondazioni o del governo di accedere alla guida, essere formati su come implementare il contenuto e iniziare a condividerlo con la comunità. Se sei interessato ad invitare un membro del nostro staff a fare da relatore, contattaci a [email protected]

Nei media

Su cibo e famiglia: La storia di Isabel


Isabel è entrata in un Lending Circle per aiutare a far crescere la sua attività. Quest'estate, il suo ristorante "El Buen Comer" ha aperto a Bernal Heights.

Isabel è una cliente MAF e un'imprenditrice che ha usato Lending Circles per espandere la sua attività culinaria già di successo. Ha fatto queste osservazioni al Partito MAFter, una celebrazione della rete nazionale Lending Circles di MAF che ha avuto luogo il 27 ottobre 2016. Il suo nuovo ristorante di Bernal Heights El Buen Comer ha contribuito al catering dell'evento.

***

Il mio amore per il cibo è iniziato da ragazzina, quando vivevo a Città del Messico, dove sono nata. Mia madre e le mie sette sorelle cucinavano per tutta la famiglia, soprattutto per le feste. Cucinare ha sempre attirato la mia attenzione.

Così, quando la mia famiglia si è trasferita a San Francisco nel 2001, ho iniziato a cucinare dalla mia casa nel Tenderloin.

Era un modo per creare una comunità in un posto nuovo.

Ho preparato cibi tradizionali che mi ricordano il Messico: stufati, fagioli e riso, e tortillas che ho fatto da zero.

Nel 2007, un amico mi ha raccomandato di visitare La Cocinaun'organizzazione che sostiene le donne imprenditrici, così ho potuto formalizzare la mia attività. È così che la mia attività ha cominciato a crescere.

Ho aperto uno stand al Noe Valley Farmers' Market e ho iniziato a cucinare i grissini per la Pizzeria Delfina nella Mission. Abbiamo deciso di chiamare la nostra attività El Buen Comer. Mi sono dedicato a creare autentici piatti messicani. Ancora oggi uso la ricetta di mia madre per il mole verde.

All'inizio è stata dura. Ho dovuto investire così tanto - prima in un camion, poi nel pagare i permessi per la mia attività - che non avevo alcun profitto. Mi sentivo scoraggiata - ricordo di aver detto a mio marito: "Non so se voglio continuare a farlo".

Ma la mia famiglia mi ha sostenuto. Uno dei miei figli ha iniziato a scrivermi note con messaggi positivi per incoraggiarmi. Ero determinata e non mi sono permessa di arrendermi.

Avevo bisogno di comprare una vaporiera industriale per vendere i miei tamales al Farmers' Market, ma costava $1.400, e non avevamo abbastanza risparmi. È stato in quel momento che ho sentito parlare della MAF attraverso un amico che aveva partecipato a Lending Circles con la MAF. Sono entrato nel mio Lending Circle e per la prima volta ho avuto un modo sicuro e affidabile per risparmiare.

A giugno ho aperto il mio ristorante, El Buen Comersu Mission Street a Bernal Heights. Mio marito, i miei figli ed io gestiamo l'attività insieme, e mio marito lavora ancora al Farmers' Market il sabato.

Anche se l'attività non è più fisicamente in casa mia, il ristorante è praticamente la mia casa. Passo più tempo lì che a casa mia!

Abbiamo decorato il ristorante con artigianato messicano e anche con le macchinine con cui giocavano i miei figli quando erano piccoli.

Questo ci aiuta a ricordare come e dove è iniziato il nostro sogno.

Lending Circles è stata la nostra prima porta finanziaria - mi hanno dato accesso ai prestiti per aprire il mio ristorante, che è qualcosa che non avrei mai potuto immaginare. Ma più importante di questo, mi hanno aiutato a imparare a gestire il sistema finanziario per aprire ancora più opportunità in futuro.

Il mio sogno continua. Stiamo progettando di formare un Lending Circle all'interno della nostra famiglia per continuare a costruire credito e aiutarci a realizzare il nostro prossimo sogno.

6 motivi per cui non vorrai perderti il Lending Circles Summit 2016


I membri del nostro Partner Advisory Council spiegano perché sono entusiasti di convergere a SF per il #LCSummit2016

Dal 26 al 28 ottobre, MAF ospiterà il primo Summit Lending Circles nella città in cui MAF ha iniziato - San Francisco. Con un mix di networking, workshop interattivi di design thinking e pannelli con clienti Lending Circles ed esperti come Experian e FICO, il Summit ha qualcosa per i fornitori Lending Circles ovunque.

Ma non prendeteci in parola. Ecco perché i membri del nostro Partner Advisory Council sono entusiasti di unirsi a noi al Summit:

1. "La mia ragione per partecipare al Summit Lending Circles è duplice: sono interessato a incontrare e parlare con i vari altri fornitori partner per discutere di successi e sfide e sono anche interessato a vedere come il modello e la piattaforma dei circoli di prestito possano crescere ed espandersi nei modi innovativi per cui MAF è conosciuta". -Leisa Boswell, SF LGBT Center, copresidente del PAC

2. "Sto partecipando al Summit Lending Circles per connettermi, condividere e imparare dai molti altri che si fidano e riconoscono la capacità finanziaria di coloro che sono invisibili alle istituzioni di prestito tradizionali". -Jorge Blandón, Iniziativa per l'indipendenza della famiglia, membro del PAC

3. "Sto partecipando al Summit per imparare da altri su come "spargere la voce" efficacemente sul Lending Circles nella loro comunità. Voglio anche scoprire come scalare in modo più efficiente il programma in modo da poter servire più persone senza aumentare il nostro personale o le spese. E, soprattutto, sarà bello costruire nuove connessioni con persone che hanno la stessa passione per il lavoro che tutti noi facciamo! -Rob Lajoie, Peninsula Family Services, membro del PAC

4. "Partecipando al summit, non vedo l'ora di essere ispirato da altre organizzazioni di LC che condivideranno le loro migliori pratiche e acquisiranno nuove conoscenze sulle tecniche di consegna/marketing per coinvolgere nuovi clienti e aumentare il seguito dei nostri clienti delle capacità finanziarie per migliorare i nostri risultati per Lending Circles e il nostro programma di capacità finanziarie". -Judy Elling Pryzbilla, Partnership per gli alloggi del Minnesota sud-occidentale, membro del PAC

5. "Sto partecipando al Summit LC per imparare da altri costruttori di beni in tutto il paese. Sono entusiasta di imparare da altri che hanno la mia stessa passione di aiutare i membri della nostra comunità a migliorare la loro stabilità finanziaria". -Gricelda Montes, El Centro de la Raza, membro del PAC

6. Sto partecipando al Summit Lending Circles perché sono felice di unirmi ad altri fornitori nel celebrare i risultati dei nostri clienti e il raggiungimento dei loro obiettivi attraverso la loro partecipazione a Lending Circles. È giusto che ci riuniamo tutti insieme per condividere le nostre esperienze, celebrare il successo di una così grande iniziativa e discutere i modi per aumentare il suo impatto. -Madeline Cruz, The Resurrection Project, membro del PAC

Pronto a unirti a noi questo ottobre?

Lasciarsi sfuggire le opportunità: la mia vita prima della cittadinanza


Il mio viaggio da DREAMer a cittadino americano con Lending Circles for Citizenship

Di solito le persone festeggiano il loro primo anniversario con la carta, ma mi piace fare le cose a modo mio. Ho festeggiato il mio 14° anniversario di vita negli Stati Uniti con la carta: il modulo N-400. Questa forma è una promessa che mia madre ha fatto prendendo vita. È l'opportunità per me di ottenere la cittadinanza americana. Con molta gioia ed eccitazione, un piccolo pacchetto che include il modulo N-400, le foto del mio passaporto e un assegno, ho iniziato il mio processo per diventare cittadino americano il 1 aprile. Questo semplice insieme di carte significa il mondo me. È la mia lotta, la lotta di mia madre, la lotta delle mie sorelle, ed è la promessa di un futuro migliore.

La mia storia di immigrazione riguarda tanto mia madre quanto me.

Mia madre ha sacrificato tanto per portarci qui e ha vinto tanto per crescerci in un luogo che, a quel tempo, le era estraneo. Mia madre ha lasciato El Salvador sfuggendo a un matrimonio violento, lasciando alle spalle le sue figlie e la sua vita da infermiera come ultima spinta per la sopravvivenza. Ha lasciato la sua famiglia, il suo lavoro e la vita che conosceva in modo che potessimo avere qualcosa di meglio, qualcosa di più di quanto lei avesse mai potuto.

Ho lasciato El Salvador due anni dopo mia madre, quando avevo 11 anni, con la promessa che io e le mie sorelle ci saremmo riuniti con lei e saremmo andati a Disneyland (la maggior parte dei bambini immigrati che conosco viene con quella promessa, anche se non siamo riusciti a fare quel viaggio… ancora).

Invece di Disneyland e delle star del cinema sono venuto a vivere nella scenografica Oakland, in California, che è ancora piuttosto bella!

Anche se il nostro primo appartamento era piccolo e angusto, era pieno di amore e risate. Mi sono trasferito anni dopo a San Francisco dove ho potuto mettere radici. Ma quelle radici non sono state immediatamente autorizzate a scavare nel terreno così profondamente come avrei voluto.

È stato quando ero un adolescente che ho capito cosa significasse veramente essere senza documenti. Mentre ero al liceo, ho lasciato andare molte opportunità a causa del mio status. Non ho potuto unirmi a un gruppo di ragazze in visita a Washington DC perché ero un peso per la scuola. Inoltre, non ho potuto fare domanda per stage per costruire la mia esperienza perché non avevo un numero di previdenza sociale.

E poi ho dovuto rifiutare l'opportunità di una vita.

Ero pieno di curiosità e volevo esplorare la mia nuova casa, ma il fatto di non avere documenti mi limitava a esplorare la California. All'epoca, nessuno tranne i miei migliori amici sapeva che non avevo documenti. Ero l'unico della mia classe Senior in quella situazione e avevo troppa paura di spiegare il *vero* motivo per cui ho dovuto rifiutare così tante grandi opportunità.

Poi ho dovuto rinunciare all'opportunità di frequentare l'Università della California a Los Angeles perché costava troppo e non potevo beneficiare di aiuti finanziari. Nel 2006, quando stavo decidendo in quale college andare, c'erano poche risorse per gli studenti privi di documenti. Avevamo AB540 che ci permetteva di pagare le tasse scolastiche, ma non potevo qualificarmi per i Cal Grants o per gli aiuti finanziari federali come facevano i miei amici cittadini. Così ho finito per andare alla San Francisco State University e ho superato il college grazie alle borse di studio della borsa di studio della Fondazione Chicana Latina che non richiedevano un numero di previdenza sociale per qualificarsi.

Ci sono voluti più di due anni per superare gli ostacoli legati all'immigrazione per diventare residenti negli Stati Uniti, cosa che non dico alla leggera.

Per poter diventare un cittadino statunitense, devi aspettare cinque anni dopo essere diventato residente per fare domanda. Un anno fa, anticipando il nostro quinto anniversario di diventare residenti negli Stati Uniti, ho invitato mia madre e mia sorella a unirsi a Circolo di prestito per la cittadinanza. Ho scoperto questo programma durante il tirocinio presso il Cesar Chavez Institute della San Francisco State University. Stavo lavorando come assistente studentesco raccogliendo sondaggi per una valutazione accademica sul pratiche finanziarie di individui nel distretto della Missione.

Mentre lavoravo per la scuola, ho scoperto i diversi programmi offerti da MAF, uno dei quali è Lending Circles per la cittadinanza. Ci ho registrato in modo che i soldi di cui avevamo bisogno per richiedere la domanda di cittadinanza non ci fermassero. Per noi tre sarebbe costato più di $2.000 solo per fare domanda. Con l'aumento del costo della vita a San Francisco, è diventato più difficile per mia madre tenere il passo con l'affitto e allo stesso tempo sostenere la carriera universitaria di mia sorella. Il programma ci ha aiutato a mettere da parte soldi ogni mese per questa importante applicazione. Sapevamo che i nostri soldi sarebbero stati al sicuro con il programma Lending Circle e che saremmo stati in grado di accedervi una volta pronti a fare domanda.

Nel programma Lending Circle, ciascuno di noi ha effettuato pagamenti mensili di $68 per dieci mesi per potersi permettere $680 per il costo della domanda di cittadinanza.

Diventare un residente è stata una grande benedizione. Sono stato in grado di ottenere un lavoro che amo e viaggiare in posti che solo avrei sognato anni fa. Ho amato così tanto Lending Circles che sapevo di dover far parte di MAF. Ero entusiasta di entrare a far parte dello staff di MAF nell'estate del 2014 come Programs Coordinator. Il mio lavoro mi permette di aiutare le persone le cui storie assomigliano alla mia. Vedo in loro le sfide e le opportunità della mia esperienza come clandestina negli Stati Uniti e voglio essere lì per aiutarli nel loro viaggio. Ora che sono in procinto di diventare cittadino, sono particolarmente entusiasta di poter esprimere ufficialmente il mio voto, elezioni presidenziali 2016, eccomi!

Ho presentato la mia domanda di cittadinanza il 1 aprile di quest'anno e sto aspettando di continuare il processo di intervista e giurare. Continuo a incoraggiare mia madre a fare lo stesso tenendola aggiornata su tutte le fiere della cittadinanza che si svolgono in la città, preparandola per le domande del colloquio e aiutandola in modi piccoli ma persistenti (come installare l'app per la cittadinanza sul suo telefono in modo che possa studiare in movimento). Il mio obiettivo è che lei faccia domanda entro la fine di questo mese.

Voglio fare tutto il possibile per aiutare mia madre nel suo percorso verso la cittadinanza, proprio come ha fatto così tanto per sostenere me e le mie sorelle.

Per me immigrazione significa opportunità. Significa sopravvivenza. Significa togliere la violenza e il dolore da una casa distrutta, creare nuovi ricordi e avere un impatto in un paese che ora chiami tuo. La vita negli Stati Uniti mi ha dato molte opportunità, ma è arrivata anche con la sua giusta dose di lotte.

Dai miei primi ricordi di vivere in un angusto monolocale con le mie sorelle e mia madre, nascondendomi nell'ombra per 9 anni a causa del nostro status di irregolari, fino al mio ultimo colloquio per la cittadinanza. Di fronte a tutto ciò, esulto, esulto e sorrido.

Questa celebrazione non è solo per me. Questa celebrazione è per tutti coloro che hanno lottato e combattuto superando ogni posto di blocco, ogni schiaffo, ogni nome scagliato contro di loro, nel loro viaggio per trovare la pace e una vita migliore per le loro famiglie. Queste vittorie e queste lotte mi hanno avvicinato a mia madre, alle mie sorelle, e ho trovato una vita migliore per me stessa come cittadina degli Stati Uniti. Ora, mentre faccio l'ultimo passo, ripenso al lungo e roccioso percorso, alla carta con cui ho celebrato il mio anniversario e alla mia imminente cittadinanza.

Se conosci qualcuno che potrebbe utilizzare Lending Circles per la cittadinanza, incoraggialo a registrarsi oggi su LendingCircles.org.

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2020 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian