Autore: Rocio Rodarte

A Tale of Two Recoveries

Una storia di due guarigioni: come le famiglie immigrate sono sopravvissute al COVID-19

Ultimamente, abbiamo sentito nelle notizie come la maggior parte Le famiglie americane stanno facendo molto meglio finanziariamente oggi rispetto a prima della pandemia di COVID-19. Dagli assegni di stimolo e dall'assicurazione contro la disoccupazione al credito d'imposta sui figli ampliato, gli aiuti federali per il COVID-19 hanno svolto un ruolo fondamentale nell'aiutare le famiglie a sopravvivere e persino a migliorare la loro situazione finanziaria.

Ma a questa immagine manca un'altra storia di ripresa meno conosciuta: l'esperienza delle famiglie immigrate che sono state escluse dai soccorsi federali per la pandemia. 

Il 2 dicembre 2021, ci siamo riuniti per elevare le storie e le esperienze delle famiglie immigrate lasciate indietro. Abbiamo riflettuto con i partner e ci siamo chiesti, come possiamo aiutare le famiglie immigrate a ricostruire le loro vite finanziarie? Guarda la registrazione qui sotto.

A 11,5 milioni di immigrati e alle loro famiglie è stato negato l'aiuto federale per il COVID-19.

"Essendo una persona priva di documenti che ha presentato le mie tasse per dodici anni, è stato difficile accettare che in tempi in cui lottiamo, non siamo in grado di ricevere nulla in cambio”.—Juan, beneficiario del Fondo per le famiglie immigrate

Gli immigrati sono stati a lungo esclusi dalla rete di sicurezza sociale di questo Paese. Nonostante il pagamento miliardi di tasse federali ogni anno, gli immigrati privi di documenti rimangono non ammissibili per quasi tutte le protezioni federali, dall'assicurazione sanitaria ai sussidi per il cibo e l'alloggio.

Durante la pandemia, tre immigrati irregolari su quattro hanno ricoperto ruoli essenziali in prima linea, rischiando la propria vita per aiutarci a mantenerci nutriti, al sicuro e in salute. Eppure, anche se si sono fatti avanti per il paese, sono rimasti esclusi dagli aiuti federali. Si stima che una famiglia di quattro persone immigrata fosse negato verso l'alto di $11.400. Senza questo supporto fondamentale, le vite delle famiglie immigrate hanno subito un colpo devastante. 

Essenziale, invisibile ed escluso. 

Attingendo alla nostra impareggiabile sondaggio su oltre 11.000 immigrati esclusi dagli aiuti federali, abbiamo avuto uno sguardo onesto e doloroso su come sono sopravvissute le famiglie di immigrati.  

Senza una rete di sicurezza sociale su cui fare affidamento, molti immigrati non avevano altra scelta che presentarsi al lavoro. I costi per i lavoratori in prima linea sono stati immensi: non solo i lavoratori hanno messo a rischio la salute delle loro famiglie, ma coloro che si sono ammalati hanno dovuto affrontare una spirale discendente di difficoltà finanziarie.

Le famiglie in cui un membro si è ammalato di COVID-19 non solo avevano maggiori probabilità di perdere reddito e rimanere indietro con le bollette rispetto alle famiglie in cui nessuno si era ammalato, ma avevano anche maggiori probabilità di subire sanzioni, chiudere le utenze e essere sfrattate .

Molte famiglie di immigrati sono entrate nella crisi con accesso limitato e poche opzioni finanziarie. Le famiglie che erano invisibili al sistema finanziario formale prima del COVID-19 (senza numero di previdenza sociale o codice fiscale) avevano meno probabilità di avere conti correnti o carte di credito.

E con meno strategie finanziarie, queste famiglie avevano meno opzioni a cui attingere durante il COVID-19. In effetti, abbiamo visto che gli immigrati che avevano un codice fiscale avevano 45% più probabilità di pagare le bollette mensili per intero rispetto agli immigrati senza un codice fiscale. 

Allora come sono sopravvissute le famiglie in un sistema che le considerava essenziali e invisibili? Molti sono rimasti senza, poiché 6 famiglie su 10 hanno riferito di non essere in grado di coprire i propri bisogni primari. Nonostante questi sacrifici, molte famiglie dovettero ancora contrarre debiti. Nel profondo della pandemia, le famiglie rimaste indietro hanno riferito di avere $2.000 in bollette non pagate, che rappresentano il debito degli zombi che le famiglie porteranno con sé anche nella ripresa.

I nostri inviti all'azione.

Allora, dove andiamo da qui?

Abbiamo invitato avvocati e professionisti a parlare di come possiamo presentarci, fare di più e fare meglio. In generale, abbiamo sentito che mentre vengono presi provvedimenti per aiutare le persone a ricostruire, è necessario fare di più per una ripresa veramente equa e inclusiva.

A Tale of Two Recoveries, webinar panelists

SHOW UP: rendere le politiche inclusive di tutti gli immigrati. Il governo federale ha creato un precedente dannoso di esclusione degli immigrati dalle politiche critiche degli ammortizzatori sociali. Tuttavia, ci sono scelte che possiamo fare a livello statale e locale per aiutare a offrire sollievo con le risorse che abbiamo ora a disposizione. La politica è una scelta ed è in nostro potere sostenere protezioni e servizi più inclusivi per tutti gli immigrati a tutti i livelli di governo.

FARE DI PI: rimuovere le barriere strutturali. Senza uno status legale, gli immigrati continuano a essere esclusi dalle risorse critiche che potrebbero aiutarli a ricostruire. Ma l'accessibilità è ancora più profonda: dalle barriere linguistiche a quelle tecnologiche, dobbiamo garantire che i programmi e i servizi siano forniti nella lingua, nella cultura e in modi che aiutino le famiglie a utilizzare le risorse quando ne hanno bisogno.

FARE MEGLIO: cambiare mentalità insieme. Dai pacchetti di soccorso per il COVID-19 al crescente riconoscimento che dare denaro alle persone funziona, siamo incoraggiati dai progressi che sono stati fatti per supportare meglio le persone ai margini. Ma abbiamo bisogno di più alleati in questa lotta in modo da poter costruire sistemi che creino percorsi di opportunità più equi. Quando sfruttiamo il nostro potere collettivo, possiamo creare un cambiamento duraturo.

Sappiamo che il lavoro è tutt'altro che finito.

Gli immigrati sono stati esclusi dai sistemi di supporto della nostra nazione per troppo tempo e il COVID-19 ha solo esacerbato molte di queste disuguaglianze esistenti. Per questo il nostro lavoro è più importante che mai.

Quando guardiamo avanti, siamo ancorati al promemoria di José: “Dobbiamo fare affidamento l'uno sull'altro per mantenerci integri e mantenere alto il morale. Non possiamo lasciare che la devastazione della nostra realtà prenda il sopravvento sui nostri spiriti". Insieme, con rispetto e reciprocità, possiamo aiutare le famiglie immigrate a ricostruire la propria vita finanziaria con dignità.

SB 1157 diventa legge: La prima legge californiana sulla denuncia degli affitti

Quest'autunno, il governatore Gavin Newsom ha firmato Disegno di legge del Senato della California (SB) 1157creando una nuova via storica di opportunità di costruzione del credito per le famiglie a basso reddito nello stato. In un momento in cui così tante famiglie stanno lottando per sbarcare il lunario nel mezzo di una pandemia e di una recessione, questa legge offre un'ancora di salvezza per la costruzione del credito. Autorizzata da Steven Branford (D-Gardena), la nuova legge darà agli inquilini che vivono in alloggi sovvenzionati l'opportunità di avere i loro pagamenti dell'affitto segnalati ai principali uffici di credito, permettendo loro di continuare a costruire in modo sicuro il credito anche dopo questa crisi.

MAF ha sponsorizzato la SB 1157, in collaborazione con la Credit Builders Alliance e Prosperity Now, perché crediamo nell'impatto duraturo che la segnalazione dell'affitto può avere nell'aiutare molti californiani a stabilire o costruire il loro punteggio di credito. Per oltre 15 anni, abbiamo guidato la carica per portare le comunità a basso reddito e immigrate fuori dall'ombra finanziaria, offrendo percorsi non tradizionali per opportunità di costruzione del credito. Da Lending Circles a SB 896Il MAF si è continuamente sforzato non solo di incontrare le persone dove si trovano nel loro percorso finanziario, ma di elevare le strategie che riconoscono i loro punti di forza e li aiutano a partecipare al mainstream finanziario con dignità. Attraverso SB 1157, continuiamo ad agire su una visione di onorare le buone pratiche già in atto, riconoscendole formalmente ed elevandole alla corrente principale.

Oltre 45% dei californiani affittano il loro alloggioE a differenza dei proprietari di casa che possono costruire credito attraverso i loro pagamenti ipotecari, gli affittuari non possono fare lo stesso anche quando fanno pagamenti puntuali.

Il mancato pagamento dell'affitto, tuttavia, ha un impatto negativo sul punteggio di credito di un affittuario. Senza un punteggio di credito decente, gli affittuari rischiano di essere esclusi da servizi essenziali, come i prestiti per l'acquisto di una casa, per ottenere servizi di base o piani di telefonia mobile, e per ottenere carte di credito. Come risultato delle attuali pratiche di segnalazione del credito non uniformi, gli affittuari hanno sette volte più probabilità di avere una storia di credito minima ritenuta non valutabile dagli uffici di credito rispetto ai proprietari di casa. Le barriere monetarie e logistiche associate ai requisiti di segnalazione spesso scoraggiano i padroni di casa dal presentare la storia completa dei pagamenti di affitto agli uffici di credito. Eppure, il prove sui dati di rendicontazione dell'affitto mostra risultati chiari e coerenti: la segnalazione completa dell'affitto gioca un ruolo critico nell'aiutare le persone senza punteggio di credito a stabilirne uno e aiuta quelle con un punteggio basso a migliorare il loro.

La segnalazione dell'affitto ai principali uffici di credito offrirà agli affittuari a basso reddito l'opportunità di costruire un credito come risorsa finanziaria, aiutandoli a ricostruirsi per un mondo post-pandemia.

SB 1157 è fatto su misura per gli inquilini che hanno maggiori probabilità di ricevere il maggior beneficio dalla creazione o dal miglioramento dei loro punteggi di credito. Offre una soluzione, prima nel suo genere, alle discrepanze di credito di segnalazione dell'affitto, aprendo linee di accesso alla costruzione del credito per gli inquilini che vivono in alloggi sovvenzionati e dando loro l'opportunità di entrare o rimanere nel mainstream finanziario durante questa pandemia. In linea con i nostri valori, questo disegno di legge incontra le persone dove sono, dando agli inquilini gli strumenti finanziari di cui hanno bisogno per esercitarli nel loro tempo e nel loro contesto.

Avere un buon credito è una risorsa che deve essere coltivata e sostenuta, specialmente durante gli shock finanziari inaspettati in cui le famiglie a basso reddito sono quelle più colpite.

La vita finanziaria della gente è stata sconvolta da COVID-19. In uno stato dove c'è già un carenza massiccia di case in affitto a prezzi accessibili e dove un numero crescente di inquilini sono a rischio di sfratto A causa della crisi economica, le famiglie a basso reddito della California non dovrebbero più sopportare il peso di questa pandemia. I mezzi di sostentamento delle persone continuano ad essere in linea, e la SB 1157 può dare agli affittuari a basso reddito l'opportunità di mantenere una parvenza di base finanziaria mentre continuano ad affrontare le barriere della costruzione del patrimonio. Questa nuova legge permetterà ai californiani a basso reddito di non lasciare che le loro storie di credito cadano nel dimenticatoio, dando loro una possibilità di combattere nel recupero di questa pandemia.

Da soccorso diretto ai cambiamenti sistemici a livello statale, continuiamo a mettere i clienti in prima linea nei prodotti e nelle politiche che sosteniamo. Con SB 1157, siamo un altro passo più vicini a fornire alle comunità a basso reddito e immigrate che serviamo l'accesso agli strumenti di cui hanno bisogno per aumentare il loro benessere finanziario.

La storia di Taryn: Trovare la trasformazione nell'incertezza

La personalità magnetica e la risata contagiosa di Taryn Williams superano facilmente la monotonia della tipica videoconferenza che è diventata fin troppo familiare per molti di noi. Studentessa a tempo pieno alla California State University Long Beach e madre di due gemelli di cinque anni, Isaiah e McKayla, Taryn non è estranea alle sfide di un carico pesante in circostanze difficili. Mentre mangia il suo pranzo durante la nostra conversazione video, parla con entusiasmo del suo stage esecutivo presso Target quest'estate. Si appoggia all'indietro per mostrarmi il suo ricco calendario colorato pieno di compiti per la tesi, test di pratica GRE e scadenze per l'applicazione. "È una follia assoluta", commenta con un ampio sorriso. 

Come molti studenti universitari, Taryn ha sperimentato lo sconvolgimento significativo che COVID-19 ha portato sulle interazioni sociali quotidiane nei vivaci campus universitari. La perdita di un appassionato scambio di idee, la perdita di uno spazio di studio e, come madre di due bambini piccoli, Taryn ha anche perso l'accesso all'assistenza all'infanzia e ai pasti gratuiti. Per Taryn, il college non era solo il suo luogo di crescita accademica e personale, ma era anche la sua rete di sicurezza sociale. "La sicurezza finanziaria per me era fortemente legata all'essere a scuola. Quando è successo COVID, non ho ricevuto il mio assegno di stimolo, le ore di lavoro di mio marito sono state tagliate, ho perso la mia assistenza governativa". Come beneficiaria della borsa di studio MAF per il sostegno agli studenti del CA College, Taryn è stata in grado di comprare il cibo e le necessità di base per la sua famiglia. Perdere il reddito critico e il sostegno alimentare per la sua famiglia ha creato comunque nuove serie di sfide. Ma per Taryn, questo è stato un altro capitolo di una lunga storia di perseveranza e speranza. 

Ispirazione e speranza emergono in momenti improbabili

"I miei figli sono la mia forza motrice per tutto quello che faccio. Sono tornata a scuola quando avevano quindici mesi, ed è stato abbastanza folle".

A 31 anni, Taryn ha deciso che voleva avere una foto di se stessa in regalia di laurea con i suoi figli. E ha scelto un momento particolarmente inaspettato della sua vita per farlo.

"Quando sono tornata a scuola, non avevo un'assistenza all'infanzia, avevo appena distrutto la mia auto, eravamo stati costretti a lasciare la nostra casa a causa della gentrificazione. Così, non avevo un posto dove vivere, non avevo un conto in banca, non avevo un lavoro, non avevo una macchina, avevo questi due neonati. Volevo davvero dire a me stesso che non era il momento di tornare a scuola. Ma ho continuato ad andare avanti".

Più di dieci anni prima, Taryn aveva iniziato il college ma alla fine ha dovuto prendersi una pausa definitiva. Taryn descrive l'agonia di frequentare la scuola per anni e cercare di rimanere concentrata mentre si affronta una palla curva dopo l'altra. Cresciuta nel sistema di affidamento, Taryn aveva frequentato più di una dozzina di scuole elementari. Si è trasferita così spesso che temeva di non saper leggere e scrivere correttamente. Quando aveva 19 anni, suo padre perse il lavoro e lasciò la città. Lei rimase senza casa. Ha sperimentato l'abuso di sostanze e la depressione. "Incapace di fornire cibo, alloggio e vestiti di base, la scuola non era più una priorità per me". Quasi dieci anni dopo essersi assentata dall'università, Taryn si è iscritta al Long Beach City College per conseguire il suo diploma. Il suo obiettivo nel tornare a scuola: mostrare ai suoi figli cosa poteva riservare un futuro alternativo. Il tempismo - dove si trovava nella sua vita e chi aveva con sé - era tutto per questo nuovo inizio.

Il potere di essere visti e ascoltati: Trovare una voce nella comunità e nell'accettazione

È bastata quella "A" nella sua classe di chimica per cambiare completamente la traiettoria accademica di Taryn. È stata poi raccomandata per il programma Honors. Taryn non sentiva che quello era il suo posto per niente, ha ricordato con una risata incredula. 

"Entrare in quel programma onorifico e avere persone lì che mi accettano totalmente per quello che sono - e incontrarmi davvero dove ero in quella parte del mio percorso accademico - è stato davvero rinforzante". 

Uscire dalla sua zona di comfort ha acceso un fuoco in lei per andare avanti. L'incoraggiamento della gente ha alimentato la sua motivazione e la sua fiducia in se stessa. E poi è successo: ha ottenuto il suo primo 4.0 GPA. "Ottenere quel 4.0 mi ha fatto capire che non dovrei giudicarmi in base alle mie esperienze precedenti". Ora sapeva di dover andare ancora oltre.  

Nel 2018, Taryn si è trasferita alla Cal State University Long Beach con la President's Scholarship, la più prestigiosa borsa di studio basata sul merito assegnata dall'università.

"Quelle borse di studio sono per i diciottenni, i valedittoriani appena usciti dal liceo, che hanno più di 4.0 GPA. Ho 30 anni, ho dei figli a casa e non avevo una media cumulativa di 4.0. Cosa volevano da me, ho pensato? Cosa volevano da me, ho pensato?".

Ma Taryn ha trovato la sua voce nel campus. Il sostegno che ha ricevuto al suo arrivo è stato così travolgente, che finalmente si è sentita a suo agio a condividere una parte della sua vita su cui era sempre stata più tranquilla: era stata precedentemente incarcerata. Taryn era stata incarcerata poco prima della nascita dei suoi gemelli. Non aveva mai voluto parlarne prima, perché sentiva che sarebbe stata considerata inaffidabile. Non pensava che la gente avrebbe creduto davvero che fosse una "donna cambiata". 

Ha trovato la guarigione nell'aprirsi. "È stato liberatorio, umiliante, e siccome sono naturalmente così rumorosa e dallo spirito libero, ho semplicemente attinto a quello. Mi ha dato molta autostima". Sentiva dagli studenti con il suo background che la sua apertura li stava aiutando anche a guarire. Taryn ha trovato la forza nelle sue comunità di sostegno e usa questa forza per alimentare la sua motivazione ad andare avanti.

Cambiare la narrativa come studioso e sostenitore: Guardare oltre COVID-19

Poco prima che COVID colpisse, Taryn aveva appena tenuto un discorso TEDx su pregiudizi e giudizi, in particolare sulle persone precedentemente incarcerate e sugli stereotipi negativi che la gente ha su di loro. "Vengo sul palco con un blazer addosso e la gente mi guarda con un certo tipo di rispetto. Poi, dopo un po', mi tolgo il blazer, mostrando un mucchio di tatuaggi, e la gente diventa più consapevole dei miei piercing. Allora mi guardano in modo diverso. Mi giudicano e lo sento".

Taryn è alla ricerca di un cambiamento nella narrativa che riguarda le possibilità dei giovani precedentemente incarcerati e in affido di raggiungere livelli di istruzione più alti.

Vuole fare domanda per i programmi di dottorato e diventare un giorno membro di facoltà in un'università in modo da poter difendere e sostenere le sue comunità. Taryn prevede di laurearsi questo dicembre con una doppia laurea in gestione e gestione della catena di approvvigionamento delle operazioni. 

Sì, si preoccupa profondamente delle implicazioni di COVID e di come gestirà gli orari scolastici dei suoi figli quest'autunno, ora che stanno iniziando l'asilo.

"Essere un genitore al college durante una pandemia potrebbe essere una delle cose più difficili che ho passato".

Mentre finisce la sua tesi, completa il suo stage, fa domanda per i programmi di dottorato e si destreggia attivamente tra le esigenze della sua famiglia, Taryn mette un piede davanti all'altro e continua il suo viaggio. Mi mostra con orgoglio una tela della sua foto di laurea con i suoi figli, con la regalia completa e tutto il resto. Non vede l'ora di raccogliere altre foto.  

"La mia più grande speranza è che la gente capisca che si può davvero fare tutto ciò che si vuole. Devi cercare la tua comunità. Dovete essere disposti a dire quali sono i vostri bisogni, e poi dire quando i vostri bisogni non vengono soddisfatti. Soprattutto, devi essere disposto a chiedere di più - devi sapere che vale la pena chiedere di più. E tutto è possibile." 

"Qualche ultima parola?". Chiedo, ancora immerso nella profondità del riassunto casuale delle lezioni di vita di Taryn. "Sì, indossa una maschera!" esclama lei con una risata. 

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2022 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian