Autore: Samhita Collur

Xiucoatl Mejia: Collegare le comunità... da lontano

L'arte è radicata nell'essere di Xiucoatl Mejia. Il suo talento creativo può essere visto nelle belle rappresentazioni e disegni che ha prodotto come tatuatore e muralista. Xiucoatl, un ventenne originario di Pomona, California, sta ancora definendo la sua identità come artista, ma ha articolato questa potente visione: usare la sua energia creativa per (a) elevare le storie della sua comunità indigena e (b) coinvolgere e connettere membri di diversa provenienza. 

Come si presenta questa visione nella pratica? Uno dei progetti più cari di Xiucoatl è un murale che ha proposto e disegnato quando era studente di liceo a Claremont, in California. Il Murale 'Legacy of Creation' (Eredità della creazione) presenta sedici leader di pensiero e attivisti da tutto il mondo. La sua visione era di creare un murale che impegnasse la comunità scolastica sia nella sostanza che nel processo.

"La vernice sul murale è venuta da molte mani diverse - insegnanti, studenti e docenti della scuola. Questo è qualcosa che dovrebbe essere sottolineato con qualsiasi tipo di arte comunitaria".

Come molti artisti, Xiucoatl è stato costretto a modificare gli strumenti su cui un tempo faceva affidamento per realizzare questa visione sulla scia della pandemia di COVID-19. La pandemia ha cambiato radicalmente il modo in cui le comunità si impegnano l'una con l'altra. Queste mutevoli dinamiche sociali ci hanno lasciato il difficile e spiacevole compito di etichettare il lavoro come "essenziale" o "non essenziale" - una distinzione che ha portato alla perdita del lavoro per molti artisti e creativi che lavorano duramente. Ma nonostante queste circostanze, artisti come Xiucoatl continuano a navigare in questo momento difficile in modi creativi.


Gli sforzi creativi di Xiucoatl sono ispirati dalla sua famiglia, dalla sua cultura e dalla sua comunità.

La famiglia di Xiucoatl è originaria del Messico e i suoi genitori sono nati e cresciuti a East Los Angeles. Suo padre, anche lui tatuatore e muralista, era sempre coinvolto in un progetto artistico a casa sua o nella comunità, e questa educazione ha ispirato le attività artistiche sue e delle sue due sorelle. Xiucoatl ricorda distintamente di aver accompagnato suo padre a dipingere murales nel loro quartiere a Pomona. Suo padre lavorava a Good Time Charlie's, un iconico salone di tatuaggi fondato negli anni '70 a East Los Angeles, si è concentrato sul portare il linea sottile stile di tatuaggio al mondo professionale del tatuaggio. Il linea sottile ha ricche radici culturali. È uno stile nato dall'intraprendenza dei membri della comunità Chicanx incarcerati che hanno fatto affidamento sugli strumenti a loro disposizione, come aghi e penne, per creare tatuaggi che onoravano le loro narrazioni.

Il lavoro di Xiucoatl come tatuatore è ispirato al linea sottile chicanx stile così come la sua identità come membro del Tonatierra comunità indigena con sede a Phoenix. I suoi genitori hanno sempre fatto grandi sforzi per impegnarsi con i rituali tradizionali, le cerimonie e le tradizioni della loro comunità, e Xiucoatl è stato profondamente ispirato dal loro impegno a impegnarsi con la loro eredità e la bellezza delle tradizioni stesse.

"Mio padre ha danzato il sole. Crescendo, ricordo di aver assistito alle danze del sole e alle cerimonie dei Tipi, e questo ha davvero plasmato la mia connessione e comprensione della mia comunità. I miei genitori si sono sempre inseriti attivamente nella loro comunità, ed è qualcosa che cerco di fare anch'io".

La famiglia di Xiucoatl ha sottolineato l'importanza di conoscere la storia dietro una determinata forma d'arte e ha instillato in lui la curiosità per le culture e le comunità che lo circondano. Ha incorporato gli insegnamenti dei suoi genitori nel suo approccio come tatuatore. Riconosce che il tatuaggio è una forma d'arte antica, e le comunità indigene di tutto il mondo si sono impegnate in qualche versione di questa forma d'arte. Di conseguenza, ha investito il suo tempo nello studio delle pratiche di queste comunità, comprese le tradizioni del Giappone e della Polinesia. Xiucoatl nota l'importante valore simbolico dei tatuaggi, specialmente per le comunità indigene come la sua che hanno subito orribili atrocità per mano delle potenze coloniali:

"Vengo da un popolo che ha vissuto uno dei genocidi più brutali della storia. Voglio dare alle nostre comunità dei disegni che possano usare per identificarsi con gli altri camarados e dare loro qualcosa che li leghi alla terra sotto di noi. I tatuaggi sono qualcosa che ci fanno sentire sacri e ci collegano ai sentimenti che i nostri antenati sentivano - molti dei sentimenti che sentiamo ancora oggi".

La pandemia ha costretto Xiucoatl a sviluppare nuove abilità per sostenere se stesso e la sua famiglia.

La pandemia di COVID-19 ha cambiato il modo in cui le comunità si impegnano tra loro, e le attività artistiche di Xiucoatl non sono state immuni da questi cambiamenti. Xiucoatl lavorava in un salone di tatuaggi proprio quando i casi di COVID-19 stavano rapidamente aumentando negli Stati Uniti. In base all'ordine della California di rimanere a casa, emesso all'inizio di quest'anno, ai negozi di tatuaggi in tutto lo stato è stato ordinato di chiudere. Artisti e creativi di una vasta gamma di industrie si sono trovati improvvisamente disoccupati, e le spese e le bollette hanno continuato ad accumularsi. Anche se il governo federale ha esteso l'assistenza alla disoccupazione ai lavoratori autonomi con il CARES Act, che ha permesso a un certo numero di artisti e lavoratori gig di ricevere i benefici, l'assistenza non è semplicemente sufficiente per gestire le perdite che la pandemia ha prodotto.

Nel tentativo di pagare l'affitto, le bollette e altre spese essenziali, Xiucoatl si dedicò alla creazione e alla vendita di disegni. È stato in grado di acquistare i materiali per i suoi disegni con il supporto di Borsa di studio MAF per giovani creativi di Los Angeles. La borsa di studio LA Creatives è uno sforzo per fornire assistenza immediata in denaro alle comunità più vulnerabili della nazione, compresi gli artisti e i creativi. Grazie al generoso sostegno della Snap Foundation, il MAF si è rapidamente mobilitato per offrire le sovvenzioni $500 a 2.500 creativi nell'area di Los Angeles come parte dell'iniziativa delle borse di studio.

Oltre a vendere i suoi disegni, Xiucoatl ha investito il suo tempo nell'apprendimento di una serie di nuove abilità per sostenere la sua famiglia. Recentemente ha imparato a fare l'idraulico, a lavorare le piastrelle e a gettare il cemento per aiutare la sua famiglia a completare la ristrutturazione della loro casa. Quando gli è stato chiesto delle intuizioni che ha raccolto navigando in questi tempi senza precedenti, ha detto:

"La nostra gente, le nostre comunità hanno sempre trovato il modo di prosperare e di fare affari. Erano fiorenti e si davano da fare molto prima della pandemia. Ora, ci sono centinaia di persone che lottano insieme. Molte persone stanno iniziando a capire la lotta delle comunità di tutto il mondo la cui unica scelta è stata quella di vivere con queste paure e di sopravvivere così".

Per quanto riguarda la sua professione, è fiducioso che la pandemia porterà effettivamente dei cambiamenti positivi. Crede che i negozi di tatuaggi diventeranno più diligenti nel rispettare gli standard di sicurezza e di igiene. Rimane anche fiducioso sul suo futuro e su quello dei creativi e degli artisti di tutta la nazione. Anche se questo è stato un periodo doloroso per molte comunità, crede che ci sarà un sacco di bei lavori che riflettono le disuguaglianze e la resilienza evidenziata dalla pandemia e dal movimento Black Lives Matter.

"Sarà interessante riflettere su questo periodo. Ci sarà un rinascimento di artisti che producono grandi pezzi e molte grandi opere d'arte".

La storia di Xiucoatl illustra la realtà incontestabile che l'arte - in tutte le sue forme - è essenziale per permettere alle persone di connettersi tra loro attraverso l'empatia, lo spazio condiviso o l'esperienza comune. Designazioni legislative a parte, l'arte è essenziale.

Per vedere altri disegni di Xiucoatl, visita il suo account instagram @xiucoatlmejia. Tutti i lavori in vendita sono pubblicati sul suo instagram. Se vuoi chiedere informazioni su prezzi o commissioni, manda un messaggio diretto o un'email a [email protected].

Riflettori puntati sul personale MAF: Doris Vasquez

Incontra Doris Vasquez, manager del successo dei clienti del MAF. Anche se non lo ammetterebbe mai, Doris incarna ciò che significa essere un leader della comunità. Come manager del successo dei clienti del MAF, Doris è impegnata con la comunità ogni giorno - iscrivendo i clienti ai programmi del MAF, facilitando le formazioni mensili Lending Circles, sostenendo i partecipanti durante il loro percorso e collegando i partecipanti con le migliori risorse per le loro circostanze e necessità. Durante i suoi nove anni al MAF, ha sempre messo la comunità al centro del suo lavoro. In onore del suo incredibile mandato, le abbiamo chiesto di condividere alcune riflessioni sulla sua esperienza:

Come ha conosciuto il MAF?

DV: Un giorno, stavo partecipando ad una riunione del consiglio scolastico alla Sanchez Elementary School e mentre il preside stava parlando, mi sono trovata ad andare avanti e indietro tra l'annuire in accordo e lo scuotere la testa in disaccordo a qualsiasi cosa stesse dicendo. Improvvisamente, qualcuno mi ha toccato sulla spalla e mi ha detto "dovresti parlare e dire qualcosa se non sei d'accordo". Poteva dire che qualcosa era sulla punta della mia lingua, ma ero riluttante a parlare. Non sapevo che questa persona sarebbe stata la persona che mi avrebbe portato ad un sacco di opportunità incredibili nella vita. Dopo questo incidente, ho iniziato ad essere più coinvolta nei gruppi scolastici (PTA, SSC, ELAC). Non avevo ancora una visione del lavoro, ma sapevo che volevo fare la differenza nella vita dei miei figli. Ben presto, la donna che mi aveva incoraggiato a parlare durante la riunione del consiglio scolastico - Lorena - mi stava allenando ad essere un organizzatore e un leader. A poco a poco, ho iniziato a dedicare più tempo come volontaria al San Francisco Organizing Project (SFOP), un'organizzazione non profit con sede a San Francisco, e anche Lorena stava lavorando con loro. Man mano che frequentavo più formazioni e raduni, ho cominciato lentamente a capire il sistema che sta dietro organizzando. Alla fine, Lorena ha iniziato a lavorare alla MAF e quando si è liberato un posto, me ne ha parlato e ho deciso di fare domanda.

Cosa la ispira a fare questo lavoro?

DV: La mia famiglia mi ispira. Come immigrato, conosco la fatica di arrivare in un nuovo paese e non sapere quali opportunità questo nuovo paese offre. Quando mio padre si è trasferito da El Salvador negli Stati Uniti, non ho avuto notizie di mio padre per settimane. Sapevo che era andato in un altro paese, ma non avevo capito che c'era uno status di immigrazione collegato a questo. Alla fine mio padre ci ha fatto venire negli Stati Uniti e all'inizio non volevo stare qui (negli Stati Uniti). A El Salvador mi sentivo più libero di essere un bambino e avevo il sostegno della mia famiglia. Sono sempre stato molto vicino alla mia abuelitos. Quando mi sono trasferita negli Stati Uniti, ho dovuto imparare una nuova lingua e navigare in un nuovo sistema scolastico. Inoltre, la mia famiglia stava attraversando una serie di problemi finanziari. Mio padre era l'unico a lavorare e a volte non avevamo cibo per cena. Ricordo che io e mia madre andavamo al negozio locale per comprare "TV dinners" o facevamo la fila alle banche del cibo. Anche se i miei genitori sono sempre stati in grado di sostenere finanziariamente la nostra famiglia, eravamo sicuramente in difficoltà economiche. Anche così, i miei genitori non mi hanno mai parlato della gestione delle finanze o di cosa significasse essere in debito. Come adulto indipendente, e specialmente dopo essere diventata madre, ho sperimentato la mia serie di lotte finanziarie. Quando ho iniziato a lavorare alla MAF, il mio ex collega Alex era l'allenatore finanziario della MAF all'epoca. Ha iniziato a guidarmi su come gestire il mio debito e pagarlo. Partecipavo alle lezioni e ai workshop finanziari che lui facilitava, e quando ho iniziato a imparare di più sulla gestione delle finanze, questo argomento è diventato molto interessante per me. La gestione delle finanze è una parte enorme della nostra vita quotidiana. Lentamente, sono stato anche in grado di uscire dai debiti.

Spesso, quando ascolto le storie che i nostri clienti condividono di essere in totale debito, lottando per mantenere la loro famiglia a casa, quelle storie iniziano a diventare parte di me e ripenso alle mie esperienze. Sento un forte bisogno di restituire aiutando la nostra comunità a far parte del sistema finanziario.

Dato che il lavoro del MAF è radicato nella "fiducia", come avete costruito la fiducia con la comunità?

DV: Penso di aver costruito la fiducia prendendo il tempo per ascoltare ogni persona che ha attraversato la porta e fornendo loro lo spazio e il tempo per aprirsi. All'inizio, avevo paura di essere troppo coinvolta perché sono naturalmente una persona molto empatica ed emotiva. Ci sono state volte in cui un cliente è stato nella mia mente per giorni, settimane, mesi e, a volte, anche anni. Ma anche se sono bombardato dal lavoro, se un cliente entra e vedo che vuole parlare di qualcosa, gli dedico il mio tempo. A volte, abbiamo solo bisogno di qualcuno che ci ascolti. Il più delle volte è quello che finisco per fare. Ci sono alcuni clienti con cui lavoro dal 2009, e mi sento come se mi avessero reso parte della loro famiglia. Mi sento molto fortunata ad avere clienti così premurosi - clienti che pensano a me anche quando non dovrebbero. Nel corso degli anni, sono stato in grado di costruire un forte rapporto con ogni persona che entra dalla porta della MAF.

Come si è evoluto il modo in cui ha affrontato il suo lavoro negli ultimi nove anni?

DV: Per tutta la mia vita, ho saputo che amo lavorare e incontrare le persone. Quando ho iniziato a lavorare al MAF, avevo pochissima esperienza formale di lavoro con la comunità. La maggior parte della mia esperienza precedente riguardava il lavoro di organizzazione che facevo nei distretti scolastici. Quando ho iniziato a lavorare al MAF, non sapevo cosa avrebbe richiesto questo lavoro. All'inizio, non mi sentivo come se stessi dando il mio 100% perché mi sentivo come se non avessi tutte le risposte alle domande dei clienti. C'è voluta molta ricerca indipendente per capire davvero i problemi che riguardano la comunità e come posso indirizzarli alle risorse giuste. Non avevo idea che ci fosse un ecosistema così forte di organizzazioni non profit a San Francisco. Nel corso degli anni, ho fatto un punto per conoscere queste organizzazioni e costruire la mia conoscenza e le relazioni con i miei compagni nella lotta di dove indirizzare i clienti per diverse risorse.

Anche se non posso aiutare qualcuno in quel momento, sento che è importante trattare tutti con rispetto, fare lo sforzo di indirizzarli verso un'altra risorsa e offrire tutto il sostegno possibile.

Dato che hai iniziato a lavorare con i giovani e ad organizzarti nello spazio educativo K-12, che cosa consigli ai giovani?

Per me, personalmente, Lorena, uno dei miei mentori, ha visto in me un potenziale che non vedevo in me stesso. È per questo che mi impongo di vedere sempre l'incredibile potenziale in tutti coloro che entrano dalla porta della MAF. Voglio che tutti sappiano che sono su questa terra per un motivo. Forse il motivo non è chiaro in questo momento, ma ad un certo punto vi renderete conto del perché siete qui e di cosa dovete fare. Ecco perché non potete mai arrendervi.

Vertice MAF 2019: E il premio va a...

Alla Mission Asset Fund (MAF), non perdiamo mai l'occasione di celebrare i nostri ispiratori e tutti gli incredibili membri della comunità.

Al MAF Summit di quest'anno, abbiamo steso il nostro tappeto rosso e ci siamo presi del tempo per riconoscere alcuni leader della comunità che incarnano il tema dell'evento: Trascendere, Evolvere, Prendere il volo.

Scopri di più sui premi e sui premiati!

Il premio Rabble

Frank Curiel (LIFT LA), Rob Lajoie (Peninsula Family Service), Wandy Peguero (Family Independence Initiative), Mariana Silva (Brown Boi Project), David Soto (Comunidades Latinas Unidas en Servicio), Natalie Zayas (Center for Changing Lives)

Membri del Consiglio consultivo dei partner (PAC)

Assistere a un gruppo di farfalle - conosciute come marmaglia - che migrano verso sud è uno spettacolo bellissimo. Ogni farfalla può volare con il proprio scopo, ma insieme, si muovono verso la stessa destinazione. I membri del Consiglio Consultivo dei Partner (PAC) di MAF sono un'incredibile marmaglia di loro stessi. Li ringraziamo per aver condiviso la loro prospettiva unica e per assicurarsi che MAF e la rete Lending Circle si muovano nella stessa direzione mentre lavoriamo tutti verso una società più giusta e inclusiva.

Il premio Monarch

Miguel Castillo, Pam Ortiz Cerda, Rosa Namgoong e Luis Quiroz

Partecipanti alla sessione 'Meet the Monarchs: Dreamers Share Stories of Resilience' MAF Summit

I monarchi fanno l'incredibile migrazione di 3.000 miglia ogni anno. Luis, Miguel, Pam e Rosa hanno fatto un viaggio incredibile per arrivare dove sono oggi. Sono imprenditori, studenti e attivisti. Parlano quando è importante e le loro parole prendono il volo. I loro colpi d'ala non stanno solo portando a risultati personali impressionanti, ma stanno anche creando onde per tutta la loro comunità. Li ringraziamo per la loro disponibilità a condividere tutto se stessi.

Il Premio Crisalide

Alicia Villanueva, Susana Aguilar e Patricia Fuentes

I partecipanti alla sessione 'Meet the Rainbow: I clienti condividono storie di evoluzione' sessione del vertice MAF

I bruchi creano una crisalide ed emergono come farfalle. Queste tre donne hanno subito un'incredibile metamorfosi nel corso della loro vita. Sono donne forti che hanno costruito fondamenta solide per se stesse e per far crescere la loro comunità. Noi applaudiamo la loro leadership e siamo entusiasti di continuare a vederle spiegare le loro ali e volare.

Il premio Caterpillar

Alleanza dei canali

Fornitore Lending Circles

I bruchi sono giovani, forti e trasformativi. Canal Alliance è un nuovo partner Lending Circles, e sono cresciuti a velocità impressionante non solo per fornire Lending Circles, ma anche Lending Circles per la cittadinanza. Hanno anche attraversato un territorio di programmazione inesplorato, immaginando creativamente un orizzonte più ampio. Li ringraziamo per aver ascoltato la loro comunità e per essersi evoluti costantemente per soddisfare le loro esigenze.

Il Premio Bussola Interna

East LA Community Corporation

Fornitore Lending Circles

Proprio come la bussola interna della farfalla Monarch che guida il suo viaggio migratorio, ELACC sapeva cosa era giusto e ha lavorato con la sua comunità per combattere per questo. Il percorso che hanno seguito è intrinseco e radicato nel loro DNA. Hanno fissato i loro obiettivi sulla legalizzazione del commercio ambulante e negli ultimi dieci anni, hanno fatto il lungo viaggio per arrivarci con i loro vicini e i politici. Complimenti alla loro capacità di dare priorità ai bisogni della loro comunità e di rispondere.

Il premio Cocoon

Servizi asiatici in azione

Fornitore Lending Circles

Proprio come un bozzolo fornisce il supporto e il nutrimento per l'evoluzione di un bruco, ASIA dà ai partecipanti il supporto per subire la propria evoluzione - costruendo le loro vite, creando la loro casa e prosperando in un nuovo ambiente. Essi tessono un programma che si adatta alle esigenze della loro comunità, andando il miglio supplementare per garantire che i loro clienti capiscano i sistemi che potrebbero essere nuovi per loro. C'è un sacco di trasformazione in corso in quel bozzolo e ASIA è emersa con zero spese!

Catalizzare il cambiamento: La storia di Antonio

Catalyst Miami è un membro del MAF nazionale Rete Lending Circles con sede nella contea di Miami-Dade in Florida. Attraverso i suoi diversi programmi e servizi, Catalizzatore di Miami è dedicato alla lotta contro la povertà e al miglioramento della salute, dell'educazione e delle opportunità economiche nelle comunità di Miami. Catalizzatore Miami è diventato un fornitore ufficiale di Lending Circles nel 2014, aggiungendo la costruzione del credito alla loro suite di programmi e servizi sociali.

Ad oggi, Catalyst Miami ha fornito oltre $350.000 in prestiti ai partecipanti. Hanno abilmente integrato Lending Circles nei loro altri programmi in modo che i clienti già impegnati con l'organizzazione possano facilmente accedere a un'opportunità tangibile e provata per costruire il loro credito. Hanno reclutato molti dei loro partecipanti presentandosi ai college della comunità locale e coinvolgendo gli studenti. Vogliono fornire agli studenti le risorse per minimizzare il loro debito e prepararli per un futuro di salute e prosperità finanziaria.

Nel settembre del 2014, Antonio è venuto a Catalyst Miami per un appuntamento con un coach finanziario. Era preoccupato per alcune cose che erano apparse sulla sua storia di credito, e voleva un consiglio.

Anche se non erano in cima ai suoi pensieri quando Antonio è arrivato a Catalyst Miami, ha finito per condividere alcune altre preoccupazioni durante il processo di assunzione con l'allenatore finanziario: lui e sua moglie si erano recentemente separati, e Antonio era preoccupato di come la separazione avrebbe influenzato il suo bambino. Ha anche condiviso il fatto di essere stato incarcerato in precedenza.

Antonio voleva essere aiutato a riparare il suo credito e a tracciare un piano per diventare più stabile finanziariamente.

Antonio ha sempre avuto una forte etica del lavoro. Quando è arrivato a Catalyst Miami, aveva già fatto il passo di iscriversi ai corsi del Miami Dade College. Aveva anche trovato un lavoro di assistenza alle navi al porto di Miami. Era un lavoro duro, ma ad Antonio piaceva, e prendeva tutti i turni che riusciva a trovare. Trovava il centro di Miami pieno di energia. Passava così tanto tempo nella zona che di solito non valeva la pena fare il pendolare per tornare a casa solo per qualche ora di riposo. Invece, Antonio passava la maggior parte del suo tempo libero nella "Chasers' Lodge", una struttura situata proprio sul porto dove i lavoratori potevano riposare tra le ore di lavoro.

Antonio ha condiviso con il suo allenatore che il lungo pendolarismo gli aveva fatto sognare di possedere un proprio condominio o una casa più vicina al porto. Ha anche condiviso che aveva un crescente interesse per le vendite immobiliari. Era attratto dall'idea di diventare un proprietario e di affittare le proprietà per aggiungere un'altra fonte di reddito.

Dopo quella prima conversazione a Catalyst Miami, l'allenatore finanziario ha incoraggiato Antonio a iscriversi al programma gratuito di Coaching finanziario di Catalyst per lavorare verso i suoi obiettivi. L'allenatore ha suggerito che i suoi primi passi dovrebbero essere quelli di rivedere il suo budget e iniziare a riparare il suo punteggio di credito.

Uno dei punti di forza di Catalyst Miami come organizzazione è la gamma di servizi che offre. E Antonio ha approfittato di molti.

Dopo essersi iscritto al programma, Antonio ha iniziato ad affrontare il suo budget. Ha lavorato con un allenatore per valutare il suo reddito e le sue spese e impostare obiettivi raggiungibili.

Poi ha lavorato con il team sanitario di Catalyst Miami per iscriversi a un piano di assicurazione sanitaria.

Infine, si è rivolto al suo punteggio di credito, che aveva sofferto negli ultimi anni. Antonio si è iscritto a un corso di formazione sul credito per identificare i modi per migliorare il suo punteggio. Una delle raccomandazioni del coach era di unirsi a Lending Circles, il programma di prestiti a tasso zero della MAF provato per aiutare le persone a stabilire e aumentare il loro punteggio di credito.

Da quando lavora con il personale di Catalyst Miami, Antonio si è avvicinato sempre di più alla stabilità finanziaria che voleva per sé e per la sua famiglia. Ha pagato l'intero $3.000 che aveva precedentemente in debito con la carta di credito. Ha una routine di risparmio mensile e ha $500 nel suo conto di risparmio in crescita. E il suo punteggio di credito?

Antonio è orgoglioso di condividere il suo attuale punteggio di credito: un impressionante 730.

Non solo Antonio ora si sente sicuro su come mantenere il suo forte punteggio di credito e continuare a costruirlo, ma il suo profilo di credito sano lo ha aiutato a comprare una macchina con un basso tasso di interesse, qualcosa per cui non si sarebbe qualificato prima.

Era così soddisfatto della sua esperienza nel programma che iniziò a lodare i risultati ad amici e colleghi.

Come risultato, quattro dei suoi amici si sono uniti al programma di coaching finanziario di Catalyst Miami e si sono iscritti al programma Lending Circles!

Antonio è orgoglioso di tutto ciò che ha raggiunto. E ora sa che i suoi sogni personali e professionali sono alla sua portata.

A proposito dell'autore: Vaughan Johnson è un Community Wealth Manager di Catalyst Miami, che offre coaching finanziario, educazione e programmi di salute a Miami, FL. Ha conseguito un master presso la Florida International University.

Una galassia tutta sua: il Mixcoatl di Connie

Quando si passeggia lungo la 24esima strada nel Mission District di San Francisco, non si può fare a meno di fermarsi quando si viene accolti da un'esposizione di luchador maschere fuori Mixcoatlla vetrina del negozio.

Il nome del negozio - Mixcoatl - significa "via lattea" nel Nahuatl lingua. È un nome appropriato per un negozio che riunisce veramente una vasta gamma di artigianato regionale e culturale del Messico e di tutto il Centro e Sud America.

Entrate nel negozio e rimarrete in soggezione di fronte alla gamma colorata di prodotti artigianali - borse tessute a mano dal Guatemala, calaca orecchini e vibrante guayaberas dal Messico.

Ogni pezzo è scelto con cura dai proprietari del negozio - Connie e Ricardo Rivera - nel tentativo di elevare gli artisti di tutta l'America Latina e di continuare a condividere una ricca storia culturale con i residenti locali.

Per Connie Rivera, la proprietaria di Mixcoatl, l'imprenditorialità le scorre nel sangue.

Connie è cresciuta a Toluca, Messico, la capitale dello stato centrale del Messico, vivendo con i suoi fratelli, genitori e nonni. All'inizio, i suoi nonni sono stati una forte fonte di ispirazione per Connie. Ha attinto dalla loro ammirevole etica del lavoro e dal modo abile in cui hanno svolto diversi lavori - come campesinosI due fratelli, artigiani e imprenditori, si occupavano del mantenimento della loro famiglia. Avevano un'attività che vendeva una varietà di prodotti alimentari, dai prodotti alle caramelle, e come era la norma in Messico, tutta la famiglia aiutava.

Connie non ha potuto frequentare la scuola, ma ha trovato una potente educazione nell'aiutare i suoi nonni a gestire la loro piccola attività:

Andavamo al mercato e mia nonna mi mandava al mercato per fare uno scambio, come scambiare pomodori con mais. Queste esperienze sono state la mia scuola, e i miei nonni sono stati i miei primi insegnanti, la mia prima ispirazione".

Quando si è trasferita negli Stati Uniti con suo marito alla fine degli anni '80, sapeva di voler incanalare il suo amore per l'imprenditoria in una propria iniziativa imprenditoriale.  

Essendo lontana da casa, sentiva una certa nostalgia per i colori, i profumi e i simboli del suo paese, e sapeva che altri membri della comunità provavano lo stesso. E per coloro che non avevano un legame diretto con il suo paese e la sua cultura, voleva trovare un modo per condividere le sue tradizioni anche con loro. Questa è stata l'origine di Mixcoatl.

"Numero uno, quando sono venuto qui e ho lasciato casa, sapevo di voler promuovere la mia cultura e mantenerla viva. E non solo la cultura di una città o di uno stato, ma di tutto il Centro e Sud America. Volevo anche creare qualcosa che permettesse ai molti artigiani di talento di continuare a creare".

Ha iniziato la sua attività su piccola scala vendendo prodotti ad amici e vicini. Quando suo fratello veniva a trovarla dal Messico, lei gli chiedeva di portare con sé alcuni articoli di gioielleria artigianale da aggiungere al suo inventario. Era in grado di vendere rapidamente questi oggetti, così ha iniziato a pensare di espandere la sua attività. Ma c'erano un paio di cose che la trattenevano dal fare il passo successivo.

In primo luogo, era preoccupata per l'investimento finanziario che avrebbe dovuto fare - un investimento che non avrebbe colpito solo lei, ma anche la sua famiglia. All'epoca, lei, suo marito e i suoi due figli vivevano con un fondo di risparmio limitato, e sapevano che avrebbero avuto bisogno di indebitarsi per costruire la loro attività. La sua seconda preoccupazione era quella di trovare le risorse giuste per sostenerla durante il processo. Sapeva di non poterlo fare da sola, e non aveva bisogno solo di un sostegno finanziario. Come avrebbe gestito l'attività? Ottenere le licenze giuste per operare?

Connie sapeva che aveva ancora molto da imparare sull'essere un imprenditore, ma era determinata a trovare le informazioni giuste.

La fortuna volle che un giorno, mentre Connie camminava nel suo quartiere, le capitò di passare davanti a un organizzazione senza scopo di lucro che offriva servizi di supporto completi per le donne imprenditrici.  

"Sono molto curioso quando voglio sapere qualcosa, così ho deciso di bussare alla loro porta, e mi hanno aperto"

Ben presto, Connie si è iscritta al loro programma di 8 settimane dove ha imparato come creare un business plan, come ottenere le giuste licenze e, soprattutto, se n'è andata con la fiducia necessaria per perseguire la sua espansione aziendale.

Il suo passo successivo è stato quello di assicurarsi una sede di mattoni e malta. Proprio come una passeggiata nel quartiere l'ha portata a trovare le risorse giuste prima, è stata un'altra passeggiata nel quartiere che l'ha portata ad assicurarsi la sua sede di mattoni e malta sulla 24esima strada e South Van Ness St. Quando ha visto la vetrina vuota, il suo istinto ha confermato che questa era la posizione giusta per Mixcoatl. E naturalmente, quale posizione migliore del Mission District - un quartiere che è diventato una roccaforte per la comunità Latinx.

Mixcoatl si trova in quello che ora è stato designato il "Distretto Culturale Latino".

Per affrontare gli effetti della gentrificazione in questa zona, il Consiglio dei Supervisori di San Francisco ha approvato una risoluzione nel 2014 che designa una parte del Mission District come Latino Cultural District. Questa designazione serve come un impegno sia del governo locale che delle organizzazioni della comunità:

"Preservare, migliorare e sostenere la continuità culturale latina, la vitalità e la comunità del Latino Cultural District di San Francisco e della grande comunità Mission".

- Calle 24 (Ventiquatro)

Il mantenimento e la conservazione del Distretto Culturale Latino è supervisionato dal gruppo comunitario Calle 24 (Ventiquatro), e Mixcoatl è esattamente il tipo di attività che si allinea con la missione di questo distretto culturale. Mixcoatl mira a promuovere, preservare e condividere la cultura latino-americana portando pezzi autentici, unici e fatti a mano dal Messico e da tutto il Centro e Sud America al Mission District di San Francisco.

Anche se Mixcoatl aperta molto prima che la risoluzione passasse, la designazione è stata un passo importante nel mitigare gli effetti di spostamento della gentrificazione e nell'assicurare che i nuovi proprietari di affari mantengano un impegno verso la comunità esistente - da chi servono, come assumono e come si impegnano con la comunità.

Connie è orgogliosa di ciò che lei e suo marito sono riusciti a costruire. Ma la sua attività ha continuato a sperimentare alti e bassi finanziari.

È stato durante un periodo di lotta finanziaria che si è avvicinata a Mission Asset Fund (MAF). Ha sentito parlare del MAF da un amico, così ha deciso di fare un'altra passeggiata. Questa volta ha camminato fino all'ufficio del MAF.

Dopo aver parlato con Doris Vasquez, manager del successo dei clienti di MAF, è stata attratta dal fatto che MAF offriva un prestito a tasso zero e ha trovato il processo di applicazione facile e accessibile. Connie ha deciso di unirsi a MAF Lending Circles per il business e ha usato il suo primo giro di fondi per comprare telecamere per migliorare la sicurezza del negozio. Il programma le è piaciuto così tanto che ha deciso di unirsi ad un altro Lending Circle.

Da Mission Asset Fund ad una serie di altre organizzazioni locali senza scopo di lucro, Connie accredita il forte ecosistema di supporto della comunità nel Mission District come una benedizione durante il suo viaggio.

Ma detto questo, mettersi in contatto con le risorse giuste non è stato un compito facile.

"Forse le risorse ci sono, ma non sappiamo dove andare. È difficile per i piccoli imprenditori perché spesso si lavora da soli senza dipendenti, quindi è difficile trovare il tempo per chiedere aiuto. Quando prendi del tempo dalla tua giornata, ti senti come se stessi perdendo delle entrate".

Qual è il prossimo obiettivo di Connie come imprenditore? Ha appena aperto un altro negozio, Colibri, si trova anche nel Latino Cultural District nel Mission District, quindi vorrebbe continuare a far crescere la sua nuova sede. Colibri vende anche prodotti artigianali dal Messico e da tutta l'America Latina. Vuole anche arrivare a un punto in cui può permettersi di assumere un altro membro dello staff. Vorrebbe avere più tempo da passare con i suoi figli, e vorrebbe anche usare la sua attività come piattaforma per servire come mentore e per creare opportunità di lavoro per i giovani.

"Voglio che la mia storia ispiri e motivi i giovani a credere in se stessi. Voglio che sappiano che c'è sempre una porta aperta per loro. Inoltre, come diceva sempre mio padre, se devi fare qualcosa, fallo al 100% e fallo con amore".

Gestire un'attività non è stato un viaggio facile per Connie, ma il suo intuito e la sua spinta intrinseca a chiedere le risorse giuste si sono rivelati una risorsa inestimabile.

Nella storia di Connie e MixcoatlVediamo la bellezza e il potere delle imprese che sono veramente radicate nella comunità - non solo queste imprese preservano e migliorano una cultura vibrante, ma hanno uno spirito incorporato di restituire alla loro comunità.

Se non avete visitato MixcoatlÈ un negozio che non si può perdere:

3201 24° Strada

San Francisco, CA 94110

Per saperne di più su Mixcoatl su Yelp e Facebook.

Échale ganas, mijo'/'Dai il massimo, figliolo': SECONDA PARTE

Cosa significa "Trascendere. Evolvere. Prendere il volo" significa per te?

Leggi la prima parte.

Ni de aqui, ni de alla'/'Non di qui, né di là'.

Ho mantenuto il mio legame con la mia eredità e cultura messicana, ma ho anche cercato di capire e adattarmi alla cultura americana. Mi ha sempre fatto impazzire quando ho notato che i miei amici e le loro famiglie cenavano in salotto piuttosto che intorno a un tavolo (come ero abituato a fare io). Ho sempre cercato di far entrare i miei amici più stretti nella mia cultura, e loro mi hanno accettato apertamente nella loro.

La mia assimilazione alla cultura americana aveva i suoi limiti. Sapevo che non sarei mai stato pienamente americano, né lo volevo. Ho seguito un codice "don't ask, don't tell", senza mai dire ai miei amici del mio status di immigrato. Hanno sempre dato per scontato che fossi venuto qui legalmente, e a volte mi prendevano in giro scherzosamente per sapere se avevo la mia carta verde. Ho sempre fatto del mio meglio per sviare queste conversazioni offrendo risposte spiritose come: "Sì, il mio nome non è veramente David, ma i miei documenti falsi vi stanno sicuramente ingannando tutti! Non mi sono mai sentito veramente a mio agio nel dire loro la verità.

D'altra parte, i miei compagni latini mi hanno etichettato come un "messicano americanizzato" perché il mio accento inglese è diventato meno pesante, e ho anche iniziato a fare fatica con alcune parole spagnole. Infatti, con la mia carnagione più chiara, molte persone della comunità latina pensavano che fossi nato negli Stati Uniti.

Un incubo dentro un sogno

Alla fine mi sono ritrovata a frequentare l'università pubblica per i miei meriti e con l'aiuto di una piccolissima borsa di studio. Sapevo che non potevo fare domanda per gli aiuti federali, e facevo qualche lavoro per pagare la retta e continuare a mantenere i miei genitori. Finalmente sentivo che ero in grado di perseguire i miei sogni e che stavo costruendo la mia vita in questo paese. Tuttavia, i sogni a volte possono prendere una svolta temporanea per il peggio. I miei genitori hanno acquistato una casa, ma alla fine l'abbiamo persa durante la crisi economica del 2007.

Abbiamo affrontato la nostra sfida più grande quando mio padre è stato trattenuto dall'ICE la mattina presto in una calda giornata estiva. Il giorno in cui è stato trattenuto ha segnato l'ultima volta che l'avrei visto di persona. Il ragionamento dell'ICE risaliva ai primi giorni dell'immigrazione di mio padre, quando ricevette una consulenza legale fraudolenta da un notario. Come famiglia, ci siamo dati da fare per trovare un modo per coprire le spese legali. Non avremmo permesso che mio padre fosse deportato. Poco dopo, l'ICE è venuto ancora una volta - questa volta per mio fratello maggiore, mia madre e me. Dato che mio fratello minore era cittadino americano e minorenne all'epoca, mia madre era immune dalla detenzione. Ma io e mio fratello non avevamo questa stessa immunità.

Siamo stati messi in custodia, ma siamo rimasti separati da mio padre. I miei sogni e le mie ambizioni di vivere negli Stati Uniti morirono rapidamente durante la detenzione. Mio padre ha scelto volontariamente di essere deportato dopo aver sentito la notizia della nostra detenzione. Era devastato e si sentiva responsabile della nostra situazione attuale. Ho anche deciso di mettere finalmente al corrente i miei amici più cari e ho ammesso loro la mia situazione. Erano molto sorpresi, come previsto, ma sono stata molto fortunata per la loro comprensione e il loro sostegno. Una settimana dopo l'espulsione di mio padre, io e mio fratello siamo finalmente riusciti a pagare la cauzione.

Quello che è seguito sono stati anni di continue udienze in tribunale, combattendo contro quello che credo sia un sistema d'immigrazione rotto, ed essendo costantemente monitorato (anche indossando un braccialetto alla caviglia). Prima, ho sempre capito i miei limiti e credevo che la riforma dell'immigrazione sarebbe stata la nostra salvezza. Tuttavia, durante il procedimento, ho iniziato a sentirmi meno ispirata sul mio futuro, specialmente quando il mio avvocato mi ha detto che la nostra migliore strategia era quella di sposare un cittadino americano o aspettare la riforma dell'immigrazione. Ma c'era un lato positivo in tutto questo. Mentre stavamo lottando contro la procedura di rimozione, siamo stati in grado di richiedere l'autorizzazione temporanea al lavoro. Siamo stati in grado di farlo perché in alcune situazioni, le autorità dell'immigrazione permettono alle persone che sono coinvolte in procedimenti di deportazione di richiedere l'autorizzazione temporanea al lavoro.

Sacrificio prima del risveglio

Dopo aver ottenuto il mio permesso di lavoro, ho avuto la fortuna di ottenere una grande opportunità di lavoro quando sono stata assunta a Comunidades Latinas Unidas en Servicio (CLUES), un'organizzazione no-profit nota per servire la comunità latina. La missione e i valori di CLUES corrispondevano a quelli che mio padre mi aveva inculcato. Anche da lontano, mio padre ha continuato a incoraggiarmi a continuare a lavorare sodo, rassicurandomi che il duro lavoro e il sacrificio pagheranno sempre. Mi ha incoraggiato a utilizzare la mia piattaforma come fornitore di servizi per servire chi ne ha bisogno, compresa la mia comunità latina e la più ampia comunità di immigrati.

Dopo l'introduzione del DACA nel 2012, ho potuto sognare ancora una volta. Non stavo più combattendo da solo. Ora stavo combattendo insieme ai miei compagni di sogno che vivevano una situazione simile. Il mio ottimismo per il futuro è tornato. Ero convinto che se mi fosse stata data una possibilità, la mia famiglia e la mia comunità che si trovavano nella stessa situazione avrebbero presto seguito l'esempio. Rispetto a quando ero più giovane e riservato, sono diventato una voce per coloro che non potevano parlare. Non sono mai stata appassionata di politica, ma ho capito che per diventare un'efficace sostenitrice per me stessa e per la mia comunità, dovevo armarmi di conoscenze di politica e politica. Ho colto ogni opportunità che mi è stata data per educare coloro che hanno una vaga comprensione di chi siamo veramente e dei contributi che diamo a questo paese.

Abbiamo sempre sostenuto mio padre a casa. Ha iniziato a stare male e in seguito gli è stato diagnosticato un mieloma multiplo. Abbiamo continuato a sostenerlo in ogni modo possibile mentre era in cura. Mio padre era un uomo molto orgoglioso. È un tratto che porto anch'io. Non voleva che ci preoccupassimo per lui, e diceva sempre che "si sentiva bene". Ma noi potevamo vedere attraverso questa facciata. Aveva bisogno della sua famiglia più di ogni altra cosa, e noi avevamo bisogno di lui. Ci sentivamo impotenti. Non potevamo semplicemente saltare su un aereo e volare in Messico per sostenerlo. Anche se avessimo potuto, lui non l'avrebbe mai permesso.

Il cancro di mio padre è peggiorato progressivamente nel 2016. Le sue difese immunitarie erano così basse che la chemio gli ha fatto più male che bene. È diventato un malato terminale, lasciandoci ad affrontare la nostra decisione più difficile fino ad oggi da migliaia di chilometri di distanza. Oltre a mio fratello minore, ero l'unica persona che avrebbe potuto richiedere la libertà condizionata anticipata per volare laggiù. Sfortunatamente, la mia domanda DACA era in ritardo in quel momento, e lasciare il paese avrebbe comportato un alto rischio per me. Il nostro avvocato ha confermato che se fossi volato laggiù, sarebbe stato molto difficile per me tornare. Se il mio status DACA fosse stato annullato, il sacrificio di mio padre sarebbe stato fatto invano. Non avevamo altra scelta che far volare mio fratello laggiù per sostenerlo nei suoi ultimi giorni. Mio padre è morto non appena mio fratello è atterrato.

Ogni giorno sento la presenza di mio padre. Rivivo costantemente i ricordi delle tante lezioni che mi ha dato. "Échale ganas mijo!", o "No te rindas por lo que estés luchando". È stato un martire che ha sacrificato la sua vita affinché noi avessimo l'opportunità di costruire la vita che abbiamo scelto di creare nella terra delle opportunità. Mio padre era un sognatore originale. I suoi ricordi vivono in me, perché io sono parte di lui. Continuerò a sognare. Continuerò ad evolvermi. Continuerò a portare l'eredità di mio padre.

Un enorme grazie a David Soto per aver scritto questo post e aver condiviso con noi la sua storia incredibilmente stimolante. David Soto è il supervisore del programma di capacità finanziaria presso Communidades Latinas Unidas en Servicio (CLUES). David supervisiona anche i programmi Lending Circles di CLUES.

Échale ganas, mijo'/'Dai il massimo, figliolo': PARTE PRIMA

Cosa significa "Trascendere. Evolvere. Prendere il volo" significa per te?

La vita è un sogno

Mi sono sempre considerato un sognatore - molto prima che il termine fosse usato per identificare una comunità di giovani immigrati che lavorano duramente e che lottano per avere una possibilità di successo nella terra delle opportunità. Io interpreto il termine a un livello molto più profondo, e questo ha influenzato lo sviluppo della mia ideologia. Spesso collego i sogni al mio passato e al mio presente. I miei sogni definiscono anche la visione del mio futuro.

Per me, il termine sognatore va oltre il mio attuale status di beneficiario DACA. Mi piace dormire bene. Soprattutto quando sono indotto nel mio personale "paese dei sogni" lucido. Ho preso lezioni dai miei sogni che mi hanno formato nella persona che sono oggi. Spesso mi ritrovo a sognare ad occhi aperti nello scrigno dei ricordi e delle esperienze passate della mia vita.

Sogno ad occhi aperti la mia vita in Messico. Sono nato nello stato di Veracruz - uno stato costiero i cui nativi sono spesso conosciuti come "Jarochos". Sono stata cresciuta dai miei genitori e dai miei parenti più stretti. Vedo mio nonno, Camilo, che ci ha insegnato il significato del rispetto per coloro che ci circondano e ha incoraggiato i miei genitori a stabilire norme disciplinari severe, ma giuste. Vedo mia nonna, Guillermina, che ha sempre dimostrato il suo amore per noi con un affetto costante e deliziosi piatti messicani.

Non avrei mai immaginato gli eventi che avrebbero cambiato drasticamente il corso della mia vita. Tutto è iniziato con un uomo, mio padre, che era disposto a correre un rischio per il benessere della sua famiglia e per la ricerca di una vita migliore - il cosiddetto sogno americano. Mio padre è emigrato nella California meridionale nel 1990. Mesi dopo, mia madre lo raggiunse oltre il confine. All'epoca avevo sei anni e la mia mente giovanile provava risentimento e confusione verso la partenza dei miei genitori. Perché avrebbero dovuto lasciarci? Semplicemente non aveva senso.

Un anno è passato vivendo senza i miei genitori. I miei nonni si sono presi cura di noi e hanno cercato di trarre il meglio dalla situazione esistente. Avere accesso a Skype o ai social media avrebbe reso la comunicazione con i miei genitori molto più facile allora.

Nel 1992, io e mio fratello maggiore ci siamo riuniti con i nostri genitori nel sud della California. Il viaggio fu lungo. Ricordo che saltavo da un autobus affollato all'altro. Ero eccitato e nervoso di vedere i miei genitori, e ci sentivamo a nostro agio a viaggiare con uno dei miei zii preferiti. Arrivammo a una destinazione che più tardi seppi essere Tijuana. Nostro zio ci presentò a due donne sconosciute e ci lasciò alle loro cure. Mentre ci salutava, lo zio ci rassicurò che queste donne ci avrebbero portato dai nostri genitori. Non capivo cosa stesse succedendo e mi sono aggrappato a mio fratello maggiore. Anche mio fratello era nello stesso stato di panico, ed ero felice che ci fossimo l'uno per l'altro.

Ho avuto la fortuna di dormire durante la nostra avventura attraverso la frontiera sulla cabina posteriore di un semi-camion - sognando una vita riunita con i miei genitori. Ma sentivo anche che ci dovevano una spiegazione per il loro abbandono.

Benvenuti nel nord del Messico

Anche se la vita in California ha richiesto un po' di tempo per abituarsi, sono riuscito ad assimilare rapidamente. Vivevamo in un quartiere con una grande comunità latina. I miei insegnanti parlavano spagnolo e i miei amici erano tutti messicani. Non ho provato il senso di shock culturale che mi aspettavo di provare. Anche se mi mancava la mia famiglia a casa, i miei genitori hanno compensato con l'amore incondizionato che solo un genitore può dare ai propri figli. Ci hanno anche dato un fratellino nato negli Stati Uniti.

I miei genitori hanno continuato a inculcare molte lezioni di vita a me e ai miei fratelli. Vedevo mio padre tornare a casa ogni sera tardi con i vestiti sporchi e un tono più scuro della sua pelle. Lavorava nell'industria delle costruzioni come operaio. Dedicava sempre del tempo per assicurarsi che noi rispettassimo i nostri valori e la nostra morale, assicurandosi che i nostri compiti fossero fatti e le faccende assegnate finite. Una volta completati, venivamo ricompensati con del tempo libero. Ho cominciato a capire la lezione di mio padre sul valore di avere una forte etica del lavoro. Mi ricordava costantemente che lavorando sodo, sia a scuola che nelle faccende domestiche, avrei ottenuto grandi risultati in futuro.

Mia madre mi ha inculcato i valori della pazienza e della compassione. Mi soffocava con affetto per il mio buon comportamento e per i miei voti positivi a scuola. Faceva fatica con le azioni disciplinari, e spesso delegava questi compiti a mio padre. Mia madre ha sempre avuto una mentalità imprenditoriale. Oltre a lavorare come custode per una famiglia americana, vendeva cosmetici e gioielli. Per acquistare il suo inventario, spesso partecipava a tandas per aiutarla a risparmiare denaro.

Mio padre lavorava molto di giorno e mia madre lavorava molto di notte, quindi avevo a cuore i fine settimana perché erano i momenti in cui potevamo stare insieme come una famiglia.

Come si dice questo in spagnolo?

Non è stato fino a pochi anni dopo il trasferimento negli Stati Uniti che ho sperimentato un vero senso di shock culturale. I miei genitori decisero di trasferirsi a nord, in Minnesota. All'epoca ero in prima media, ed ero arrabbiato e deluso per aver dovuto lasciare i miei amici in California. Dopo aver inizialmente condiviso un appartamento con un membro della famiglia allargata, alla fine ci siamo stabiliti nella città di Farmington.

Essere circondati da gringos è stata un'esperienza molto snervante. Il mio inglese era ancora limitato e il mio accento era pesante. In California, parlavo soprattutto spagnolo e mi è capitato di vivere in un quartiere a maggioranza latina. I miei compagni di classe mi ricordavano costantemente il mio accento, ed essendo uno dei pochi ragazzi messicani in una città prevalentemente caucasica, spiccavo come un pollice dolente. Tuttavia, sono stato in grado di accendere il loro interesse nell'imparare lo spagnolo, beh... le parolacce spagnole.

Molti compagni di classe mi trattavano con rispetto e accettavano la mia presenza, ma altri sentivano il bisogno di cercare di sminuirmi. Non ho mai sentito davvero di appartenere alla loro cerchia ristretta. Mi sentivo fuori posto, non sicuro di me e non come me stesso. Sono diventato molto riservato e tranquillo.

C'è voluto del tempo, ma alla fine ho cominciato ad accettare il Minnesota come la mia nuova casa. Ma naturalmente, ho lottato costantemente per tenermi fissata a vedere la vita da una nuova lente. Ho vissuto la mia parte di esperienze negative, specialmente intorno al razzismo. Durante questi momenti, invocavo un'altra delle lezioni di vita di mio padre: Non essere mai un aggressore o scatenare una rissa, ma non permettere agli altri di diminuire il tuo valore - o il valore di coloro a cui tieni - e difendere sempre i tuoi valori personali. Non avevo altra scelta che difendere la mia posizione quando venivo sfidato.

Ho avuto la fortuna di stringere alcune amicizie strette. Inutile dirlo.... sono tutti gringos. Ancora oggi fanno parte della mia vita. Si dà il caso che siano anche minnesotani come ci si può aspettare. Anche se il mio accento era ancora spesso, ho imparato a sentirmi più sicuro delle mie abilità orali e del mio accento. I miei amici mi davano ancora del filo da torcere, specialmente sulle distinzioni tra B e V e J e Y, ma sapevo che era tutto per divertimento.

Leggi la seconda parte.

Un enorme grazie a David Soto per aver scritto questo post e aver condiviso con noi la sua storia incredibilmente stimolante. David Soto è il supervisore del programma di capacità finanziaria presso Communidades Latinas Unidas en Servicio (CLUES). David supervisiona anche i programmi Lending Circles di CLUES.

Boni: Una storia di autosufficienza

Oggi, Boni parla della sua vita negli Stati Uniti con una fiducia umile. Nei cinque anni che Boni ha vissuto nel paese, ha costruito la sua sicurezza finanziaria. Ha navigato in ambienti e sistemi finanziari sconosciuti con forza e sagacia.

La storia di Boni è davvero una storia di indipendenza e autosufficienza - un marchio di fabbrica delle comunità di immigrati. Mentre condivide con noi il suo viaggio e le sue intuizioni, dice:

"È bello avere lo spazio per pensare a queste cose. Non ho spesso il tempo di riflettere sul mio viaggio".

Boni è cresciuto appena fuori Puebla, in Messico.

La famiglia di Boni apparteneva a un'origine indigena azteca, quindi è cresciuto parlando la sua lingua madre Nahuatlinvece dello spagnolo. Viveva in una famiglia con sua madre, suo padre e quattro fratelli.

La sua famiglia non era ricca e credeva nell'idea che "Ciò che hai è ciò che è tuo".

"In Messico, se non sei ricco, vedi i prestiti come se ti stessi scavando una fossa".

Credito era un concetto estraneo per Boni. Secondo Boni, in Messico, credito era usato solo da comunità ricche o da proprietari di affari con operazioni su larga scala. Inoltre, molte istituzioni finanziarie in Messico non sembravano molto affidabili o degne di fiducia, così la famiglia di Boni generalmente stava lontana da queste istituzioni. Quando Boni viveva in Messico, aveva sentito parlare di uno sfortunato incidente tra i membri della comunità locale e il personale di una banca locale. Alcuni membri della comunità avevano aperto un conto di risparmio presso la banca e vi avevano depositato i loro guadagni. Qualche settimana dopo, il loro denaro non c'era più e il direttore della filiale si è dimostrato poco disponibile a risolvere il problema.

All'età di 27 anni, Boni si è trasferito negli Stati Uniti per trovare lavoro e costruire la sua sicurezza finanziaria.

"Si sente spesso dire che ci sono più opportunità in questo paese, quindi si comincia a pensare a come si può arrivare qui e migliorare la propria vita".

Negli Stati Uniti, Boni ha capito rapidamente che il credito, e l'essere parte della corrente finanziaria, è necessario per tutti. Quando è arrivato in California, Boni si è concentrato sulle basi. Come avrebbe iniziato a guadagnarsi da vivere? Dove avrebbe vissuto? Come si sarebbe assicurato i pasti?

"Arrivi qui e non hai soldi, quindi inizialmente non ti preoccupi del credito. Il primo giorno che arrivi negli Stati Uniti, ti preoccupi di cosa mangerai, vivrai e indosserai".


Dopo aver trovato un alloggio e un lavoro, il bisogno di una storia di credito ha cominciato a insinuarsi nella vita di Boni. Con la sua abilità nel rimodellamento, Boni trovò facilmente lavoro nell'edilizia. Era un appaltatore indipendente, e man mano che la portata dei suoi progetti aumentava, aveva bisogno di noleggiare più prodotti da società di leasing di attrezzature. Ma per affittare le attrezzature, doveva mostrare una storia di credito positiva. Scoprì questo requisito solo dopo essere stato respinto da una società di leasing di attrezzature.

Boni aveva l'opzione di arruolare l'aiuto di amici per noleggiare l'attrezzatura per suo conto, ma voleva avere la proprietà del processo di noleggio. Non voleva gravare sugli altri o adattarsi ai loro programmi. Era tempo per lui di investire nella costruzione del suo credito.

Boni voleva costruire il suo credito per poter costruire la sua indipendenza.

Essendo cresciuto con il mantra che "ciò che hai è ciò che è tuo". Boni sapeva istintivamente che non voleva costruire un credito accumulando debiti.

Nel quartiere di Boni, l'acquisto di articoli per la casa a rate era un modo popolare per costruire il credito. I rappresentanti di un certo numero di aziende andavano porta a porta nella comunità e vendevano articoli per la casa. I membri della comunità potevano comprare gli articoli a rate, e il pagamento di ogni mese sarebbe stato segnalato agli uffici di credito.

Era scettico su questo metodo per alcuni motivi. In primo luogo, il piano di pagamento a rate dell'azienda era accompagnato da alti tassi d'interesse. Secondo, l'azienda non offriva una vera e propria educazione sul credito, quindi la gente era ancora all'oscuro di come funzionava il credito. In terzo luogo, dato che Boni è cresciuto con la mentalità che 'quello che hai è tuo". la sua intuizione lo ha portato lontano dalla costruzione del credito attraverso l'assunzione di debiti.

Durante un viaggio al Consolato generale del Messico a San Jose per i suoi documenti d'identità, Boni ha assistito a una presentazione sul programma Lending Circles. Era interessato a saperne di più sul programma, così si è fermato all'ufficio di educazione finanziaria del MAF al Consolato per parlare con Diana Adame, l'allenatore finanziario del MAF. All'inizio Boni era scettico sul programma Lending Circles, ma man mano che faceva più domande, Boni alla fine si è scaldato all'idea. È diventato particolarmente ricettivo al programma quando si è reso conto delle somiglianze tra Lending Circles e Tandas - il nome per la pratica del prestito sociale in Messico. Improvvisamente, l'idea di costruire un credito non sembrava così sconosciuta. Con un prestito a tasso zero, che costruisce il credito, Boni poteva costruire il suo credito ed evitare il debito.

MAF ha iniziato ad offrire servizi di empowerment finanziario presso il Consolato messicano di San Jose e San Francisco nel 2016. A San Jose, la coach finanziaria del MAF, Diana Adame, conduce il Ventanilla Financiera che letteralmente si traduce in "finestra di empowerment finanziario". Al VentanillaUna giornata tipica di Diana comprende la conduzione di mini presentazioni su una vasta gamma di argomenti come il credito, il risparmio e il budgeting e l'offerta di un supporto personalizzato ai clienti mentre navigano nella loro vita finanziaria.

Quando Diana riflette sul suo lavoro al consolato, pensa alla sua famiglia.

"Vorrei che i miei genitori avessero avuto l'opportunità di andare a una Ventanilla Financiera quando sono appena arrivati negli Stati Uniti. Avrebbero risparmiato molti soldi, tempo ed energia. Ci sono così tante risorse di cui a volte non siamo consapevoli nella nostra vita quotidiana. Non è finché non andiamo nei luoghi della nostra comunità che veniamo a conoscenza di queste risorse e servizi. Questo lavoro significa aiutare qualcuno a fissare un obiettivo e sapere che è alla loro portata. Non è più solo un sogno," dice Diana.

Dopo aver partecipato a due Lending Circles, Boni è stato in grado di costruire la sua storia di credito e noleggiare attrezzature per il suo lavoro di costruzione.

Boni ha recentemente aggiornato Diana sul suo punteggio di credito: un incredibile 699! Recentemente è stato anche approvato per la sua prima carta di credito. Boni vuole continuare a costruire il suo punteggio di credito in modo da poter eventualmente prendere un prestito e avviare la sua azienda di costruzioni. Essendo la persona ferocemente indipendente che è, ama l'idea di essere alla fine il proprio capo.

Abbiamo chiesto a Boni quale consiglio vorrebbe dare a coloro che stanno appena iniziando a costruire la loro vita in questo paese, e questo è quello che ha voluto condividere:

"Iniziate a costruire il vostro credito il più presto possibile. Spesso, non è fino a quando abbiamo bisogno di credito che ci rendiamo conto dell'importanza di costruire il credito, e questo può renderlo più difficile".

Cita l'importanza di servizi come il Ventanilla Financiera al consolato messicano. Il consolato si rivolge principalmente a persone che sono appena arrivate nel paese, quindi questa può essere una grande opportunità per introdurre gli immigrati appena arrivati a prodotti sicuri e affidabili per la costruzione del credito.

"Negli Stati Uniti, il credito ti dà la possibilità di costruire qualcosa che può aiutarti a costruire il tuo futuro", dice Boni.

Originariamente, Boni si è trasferito negli Stati Uniti con l'intenzione di risparmiare denaro e tornare a casa in Messico per stare con la sua famiglia. Tuttavia, mentre continua a costruire il suo futuro in questo paese, Boni continua a rimandare questa data. Gli piace lavorare in questo paese e ha a cuore l'indipendenza che si è costruito in pochi anni.

La storia di Rosa: Il viaggio di un avvocato

"Il mio nome è Rosa, e ho ricevuto un assegno da voi entro pochi giorni dalla mia richiesta. Avete capito che questo problema è incredibilmente sensibile al tempo, e non mi avete trascurato né trattato come un semplice numero. Come beneficiaria di DACA, questo è qualcosa a cui mi sono abituata, essere trattata come un numero. Sono uno degli 800.000. Ma attraverso il vostro atto di gentilezza e il vostro senso di scopo per qualcosa di più grande di voi stessi, mi avete dimostrato che sono più di un numero. Sono una persona, sono uno studente, sono un amico".

Abbiamo incontrato Rosa per la prima volta nel settembre 2017. Era una destinataria di Sovvenzione per l'assistenza DACA del MAFe ci ha inviato questo messaggio poche settimane dopo l'inizio della nostra campagna. Le sue parole sono rimaste con noi, in particolare questa linea - Sono più di un numero. Sono una persona, sono uno studente, sono un amico.

La storia dell'immigrazione di Rosa sfida le narrazioni unidimensionali sulle comunità di immigrati senza documenti negli Stati Uniti.

La famiglia di Rosa si è trasferita dalla Corea del Sud al Canada all'età di tre anni. Proprio quando la sua famiglia fece il secondo trasferimento dal Canada agli Stati Uniti, ottenne la cittadinanza canadese. A quel punto si sono stabiliti a Temecula, in California. Quando frequentava le scuole superiori nella California del sud, Rosa ha cominciato a capire le limitazioni che il suo status di immigrata le imponeva.

"La prima volta che mi sono reso conto di come tutto questo sistema mi abbia influenzato è stato al liceo. Tutti i miei amici stavano trovando lavoro, prendendo la patente, e mia madre mi diceva che non potevo farlo perché non avevo un numero di previdenza sociale".

Durante il suo terzo anno di scuola superiore, è stato annunciato il programma DACA (Deferred Action for Childhood Arrivals). La sua famiglia ha sentito parlare di DACA dalla loro comunità parrocchiale, e lei si è affrettata a fare domanda.

All'inizio del 2014, ha ricevuto la notifica che la sua domanda DACA era stata approvata. Subito dopo, ha raggiunto una serie di traguardi adolescenziali, come prendere la patente di guida e trovare il suo primo lavoro. Alla fine, ha ricevuto la sua lettera di accettazione all'Università della California, San Diego (UCSD).

Alla UCSD, Rosa è cresciuta nella sua voce come sostenitrice della comunità di immigrati.

Mentre era a scuola, Rosa è entrata in contatto con una comunità più ampia di destinatari e alleati DACA e ha capito che non era sola nelle sue esperienze. Come studentessa di Scienze Politiche, ha imparato una serie di strutture e strumenti utili - in particolare, la comprensione del processo politico - che hanno plasmato la sua identità di sostenitrice. Un corso in particolare, un corso di politica americana, ha insegnato a Rosa gli effetti a lungo termine delle aggressioni istituzionali come il gerrymandering e il redlining, e come queste politiche potrebbero avere effetti paralizzanti a lungo termine sulle comunità per generazioni.

Durante il suo terzo anno alla UCSD, l'amministrazione Trump ha annunciato la sua decisione di annullare il DACA. L'annullamento ha creato molto caos, rabbia e frustrazione, ma Rosa è stata anche ispirata ed energizzata dal numero travolgente di organizzazioni che l'hanno sostenuta mentre si affrettava a presentare la sua domanda di rinnovo DACA. In particolare, l'Undocumented Student Center alla UCSD ha giocato un ruolo fondamentale nell'assicurarsi che lei sapesse sempre quali passi successivi fare. Infatti, l'Undocumented Student Center l'ha messa in contatto con una serie di altre risorse, tra cui la borsa di studio per l'assistenza DACA di Mission Asset Fund.

"Sono così abituata a tutto ciò che ha a che fare con l'immigrazione che ci vuole una vita - aspettare, non sapere, ecc. Durante questo processo, tutti si sono riuniti così rapidamente - l'avvocato dell'immigrazione, il direttore dell'UC Immigration Center, Mission Asset Fund - perché hanno capito l'urgenza della situazione. Queste organizzazioni hanno capito l'urgenza anche prima di me".

Dopo la laurea alla UCSD nel 2018, il Council of Korean Americans ha sponsorizzato un'opportunità di lavoro per Rosa nel settore dei servizi pubblici. Ha incontrato il primo membro del Congresso coreano-americano a New York e gli ha chiesto Quali passi concreti state facendo per proteggere i Dreamers? All'inizio, ha ballato intorno all'argomento e non è riuscito a fornire una risposta ferma. Alla fine, il deputato ha detto questo: i politici non vogliono investire nei destinatari DACA perché non possono votare, e l'obiettivo finale dei politici è quello di aumentare i loro collegi elettorali.

"Questa è la realtà. Ho capito che i Dreamers devono parlare delle loro storie perché i cittadini si preoccupino e votino".

Rosa comprende la frustrante realtà di essere un sostenitore senza la possibilità di votare. Questo è esattamente il motivo per cui Rosa ha così ammirevolmente condiviso la sua storia con noi.

"Il modo più potente per trasmettere il mio messaggio è mostrare alla gente chi sono".

Nel corso degli anni, gli amici di Rosa hanno avuto un ruolo importante nella sua vita. Quelli che la conoscono meglio la conoscono come una vicina di casa, un'amica d'infanzia e una collega ballerina. Ultimamente, i suoi amici l'hanno vista attraversare un sacco di incertezze, e lei ha usato questa opportunità per portarli nella conversazione su come possono sostenere lei e altri che stanno affrontando situazioni simili.

"Recentemente mi sono aperto con i miei amici sui miei sentimenti per le elezioni di metà mandato e le mie paure per il mio futuro. Ho ricevuto una grande quantità di risposta e amore dai miei amici, e hanno promesso di votare alle elezioni di metà mandato quando normalmente non l'avrebbero fatto".

La storia di Rosa offre molti spunti preziosi. La sua storia ci permette di riflettere sugli strumenti che ognuno di noi può usare per sostenere le politiche che elevano le comunità di immigrati. La sua storia ci avverte di rimanere cauti e critici nel comunicare narrazioni unidimensionali sulle comunità. La sua storia evidenzia anche un fatto ben noto - che le comunità di immigrati prosperano anche entro limiti oppressivi.

"È un'arma a doppio taglio perché sono in grado di vivere questa vita 'normale'. Sì, ho accesso a certe opportunità, ma ci sono molte cose che non posso fare. Non posso lasciare il paese. Non posso vedere la mia famiglia per le vacanze. Non posso garantire che sarò ancora qui fra tre anni. Non posso pianificare il mio futuro. Non posso consolidare la mia carriera. Non posso limitare le mie opzioni. Queste sono limitazioni molto più ampie di cui la gente non si rende necessariamente conto".

Rosa ha intenzione di continuare a costruire la sua voce come sostenitrice perseguendo una formazione in diritto di interesse pubblico. Le sue esperienze personali hanno fatto luce sull'importanza della legge e sui modi in cui la legge può essere applicata per aiutare o danneggiare le persone.

"Voglio essere in grado di usare la legge per aiutare i diseredati, proprio come la legge ha fatto a volte per me".

Durante la nostra conversazione con Rosa, le abbiamo chiesto quali messaggi voleva trasmettere sia ai cittadini che alla comunità DACA.

Ai cittadini:

"Voglio che sappiano che probabilmente là fuori c'è un Dreamer che conoscono personalmente, ma che potrebbe avere troppa paura di uscire dall'ombra a causa dell'attuale clima politico. Questo è il luogo in cui i cittadini possono parlare verbalmente e mostrare il loro sostegno ai Dreamers".

Alla comunità DACA:

"A prescindere da quanto spaventosa possa sembrare la situazione, siamo comunque fortunati. Abbiamo un EAD {documento di autorizzazione al lavoro} e un numero di sicurezza sociale, quindi dovremmo usarlo al meglio delle nostre possibilità. Dovremmo usare questi strumenti non solo per adattarci allo status quo, ma per aiutare gli altri, perché sappiamo cosa significa quando il sistema è contro di noi".

Perché siamo eccitati per il vertice MAF del 2018

Al Summit di quest'anno, stiamo riunendo leader di pensiero da una varietà di settori - non profit, finanza, tecnologia e settore sociale. Non vediamo l'ora delle conversazioni e delle idee che si svilupperanno da questo incredibile mix di sostenitori, politici e pensatori creativi. Scopri alcune ragioni per cui i nostri fornitori Lending Circles sono entusiasti di partecipare al vertice di quest'anno:

 

"Sono ispirato a partecipare al MAF Summit 2018 e a connettermi con altre organizzazioni che si elevano per soddisfare le esigenze delle comunità che servono e vedere il valore delle soluzioni basate sulla comunità. Non vedo l'ora di condividere i successi, discutere le sfide ed esplorare le opportunità per crescere, innovare e approfondire il nostro impatto collettivo."

- Natalie Zayas, Center for Changing Lives, membro del consiglio consultivo dei partner

 

 

"Sono molto entusiasta di far parte di questo evento - per condividere conoscenze, strumenti e successi - ma anche per assorbire le conoscenze e le competenze degli altri membri. Sono felice di far parte della comunità di LC! Conosco le "Tandas" informali da quando ero bambino dai miei genitori, e ora posso adattare questa pratica unica di prestito in un programma di costruzione del credito tradizionale!"

- David Soto, Communidades Latinas Unidas en Servicio, membro del consiglio consultivo dei partner

 

 

"Ho partecipato al vertice MAF 2016 e mi è piaciuto molto. Oltre a condividere idee con i colleghi e ottenere informazioni utili dalle sessioni di breakout, è stato molto divertente!!! So che il Summit di quest'anno sarà più dello stesso. Non vedo l'ora!!!"

- Rob Lajoie, Peninsula Family Service, membro del consiglio consultivo dei partner

 

 

 

"Sono entusiasta di partecipare al summit di quest'anno perché non vedo l'ora di vedere le diverse ed eccitanti idee che verranno fuori dal summit e che aiuteranno le varie comunità che serviamo".

- Luis Gomez, Istituto per le politiche giovanili, membro del consiglio consultivo dei partner

 

 

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2021 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian