Passa al contenuto principale

CAFFÈ CON MAF
EPISODIO 2

Hanno bisogno di me, io ho bisogno di loro

GIUGNO 2022

EPISODIO 2

In una sola notte, Diana, imprenditrice e mamma lavoratrice, ha dovuto chiudere la sua attività di asilo nido, chiamando i suoi clienti uno per uno per informarli che la pandemia di COVID-19 la stava costringendo a chiudere il suo sogno, almeno temporaneamente. 

Ascolta come Diana chatta Doris Vasquez, Senior Client Success Manager MAF. Diana descrive in dettaglio le sfide che ha dovuto affrontare come imprenditrice durante la pandemia. Ma anche in questi tempi difficili, Diana ha trovato speranza attraverso forti legami comunitari e sistemi di supporto.

La seguente conversazione è stata modificata per lunghezza e chiarezza.

ROCIO: Benvenuti a Cafecito con MAF. Un podcast su come presentarsi, fare di più e fare meglio per le persone. La nostra missione è aiutare le persone a diventare visibili, attive e di successo nelle loro vite finanziarie. Unisciti a noi!

DORIS: Ciao a tutti! Mi chiamo Doris Vasquez e sono un Senior Client Success Manager qui a MAF e host di podcast di oggi. La scorsa settimana abbiamo sentito parlare di Diana, un'imprenditrice che gestisce la sua attività di dog walking e asilo nido. E, come molte altre piccole imprese, ha dovuto affrontare le sfide del COVID-19 mentre supportava suo figlio, se stessa e i suoi sogni. 

DIANA: Penso che abbia colpito a casa una volta che ho dovuto chiudere la mia attività. Ho dovuto chiamare tutti i miei clienti, ringraziarli e ricordare loro che sarei stato qui ad aspettarli. E non sapendo chi alla fine sarebbe tornato. E non avevo idea o aspettativa se quella notte stavo perdendo i miei affari, facendo quelle chiamate o se le cose sarebbero tornate alla normalità alla fine. 

Presentazione di Diana

DORIS: Oggi facciamo un passo indietro per saperne di più sulle esperienze di prima mano delle persone che hanno lavorato durante il COVID-19. Diana è in MAF da circa 10 anni. Ed è qui oggi per condividere la sua storia. Allora, ciao Diana! Grazie mille per essere il nostro ospite speciale. Prima di iniziare, puoi parlarci un po' di te?

DIANA: Prima di tutto, grazie Doris per avermi ospitato qui. Sono stato con la vostra organizzazione come cliente — non so se questa è la parola corretta perché voi ragazzi siete solo un grande aiuto per me e molti nuovi imprenditori. Allora mi chiamo Diana. Gestisco la mia piccola impresa da circa 10 anni. Ho iniziato nel 2012 con voi ragazzi, ed è stato allora che avevo appena ottenuto tutto: il mio permesso, la mia ragione sociale, tutto. E sono stato molto fortunato ad incontrare voi ragazzi perché l'aiuto che mi avete fornito è stato fondamentale per la mia crescita e tutto il resto.

Navigare nei primi giorni della pandemia

DORIS: È fantastico, Diana. Grazie per aver condiviso. Ricordo ancora il momento in cui abbiamo presentato la domanda e fatto tutti i requisiti per quell'attività. Sono contento che stia ancora fiorendo. Ma sai, volevamo anche parlare del momento in cui è iniziata la pandemia e di come la nostra comunità è stata colpita dalla pandemia. Saresti in grado di condividere con me quando hai iniziato a sentire parlare di COVID-19? Qual è stata la tua reazione iniziale? Pensavi che avrebbe avuto un impatto sulla tua vita e, in tal caso, in che modo questa pandemia avrebbe avuto un impatto sulla tua vita? Hai avuto qualche idea?

DIANA: Quindi è divertente. Quando ne ho sentito parlare per la prima volta, eravamo spaventati perché sapevamo che stava succedendo là fuori - penso che fosse tornato in altri paesi e stava appena iniziando ad arrivare qui. Non credo che me stesso o nessuno sapessimo fino a che punto avrebbe avuto un impatto sulla nostra routine quotidiana. È stato spaventoso sentirne parlare, ma non avevo davvero alcuna aspettativa. Non sapevo davvero come avrebbe avuto un impatto su ogni singola area della nostra vita.

Penso che abbia colpito a casa una volta che ho dovuto chiudere la mia attività. Quindi penso che fosse il 16 marzo 2020 quando ho dovuto fare quelle chiamate, perché stavamo chiudendo a San Francisco - tutte le operazioni. E quella notte, ho dovuto chiamare tutti i nostri clienti, dire grazie, ricordare loro che sarei stato ancora qui ad aspettarli, ma non sapendo chi sarebbe tornato. E non avendo idea o aspettativa se stavo perdendo i miei affari quella notte, facendo quelle chiamate. O se le cose dovessero tornare alla normalità alla fine.

Che, nessuno dei due è accaduto. Era una specie di via di mezzo. Ho perso oltre 40% della mia clientela, perché molti di loro hanno continuato a lavorare da casa. Ma non avevo idea di quanto grande sarebbe stato l'impatto sulla mia vita quotidiana.

Trovare supporto attraverso la comunità

DORIS: Sì, penso che molte persone ricordino il 16 marzo. Quello è un giorno che sarà ricordato nella storia, perché non abbiamo mai vissuto in questo modo prima. Deve essere stato davvero difficile per te chiamare i tuoi clienti. Puoi forse condividere un po 'qual è stata la reazione? E se potessi continuare a lavorare durante questa crisi del 16 marzo? 

DIANA: L'unica cosa che devo solo dire: ogni singolo dei miei clienti è stato di grande supporto. Sono più come amici e parenti per me, perché mi prendo cura dei loro cagnolini proprio come un membro della famiglia ogni singolo giorno. Quindi costruisco legami davvero forti con ciascuno dei miei clienti. Quindi chiamarli, è stato bello sentire il loro sostegno, è stato davvero bello sentire l'amore, quanto erano grati per me. 

Ma alla fine sapevo solo che non sapevo chi avrebbe perso il lavoro. Molti di loro hanno perso il lavoro, molti si sono trasferiti fuori città. Ma mi ha dato solo speranza. Mi ha dato speranza che, indipendentemente da chi sarebbe stato in grado di tornare all'asilo nido con noi e chi no, sapendo che eravamo lì l'uno per l'altro durante tutto questo. Anche quelli che si sono trasferiti. Ci parliamo ancora.

Penso che questa volta sia stata molto — ha portato il meglio in molti di noi. So che sono successe cose brutte là fuori con il crimine e cose del genere, ma le persone buone e di buon cuore - hanno tirato fuori tutto l'amore, tutto il supporto. Eravamo lì l'uno per l'altro. Non sapendo come ci saremmo sostenuti a vicenda, eravamo lì a offrire. Sai? 

E questo era solo - devo dire che mi sento davvero fortunato e fortunato ad avere le persone che ho nella mia vita. Ragazzi, i miei clienti, la mia famiglia, siete davvero fortunati.

DORIS: Sì, ti sento Diana. Penso di aver visto molte persone fare cose buone, e questo la dice lunga sulla comunità e su quanto siano vicine e solidali l'una con l'altra.

Ma durante la pandemia, so che hai menzionato che eri un dog sitter. Una volta che hai iniziato a tornare al lavoro, a portare a spasso i tuoi cani, il fatto che dovevi incontrare persone... Voglio dire, avevi paura? Ti sei sentito al sicuro? Come l'hai fatto durante la pandemia in particolare? 

Impatti sull'attività di Diana

DIANA: Se riesco a ricordare, credo di aver iniziato ad aprire la mia attività due o tre settimane dopo la chiusura. Forse tre settimane. E il motivo per cui siamo stati in grado di ricominciare ad operare prima rispetto ad altri posti, è perché siamo un asilo nido all'aperto. Quindi è stato davvero difficile. Ho questa community di dog walking su Facebook, ed è stato un sacco di andare avanti e indietro – ci piacerebbe? Siamo stati solo molto diligenti nel non infrangere nessuna delle regole: sai come le regole continuavano ad aggiornarsi e nuove informazioni venivano fuori? Volevamo solo assicurarci di seguire tutte le regole e di tenere tutti al sicuro.

Quando ho iniziato a riaprire tre settimane dopo, ho cambiato molte delle mie routine quotidiane. Prima: andare a casa dei miei clienti, nessuno sarebbe stato lì, prendere il loro cucciolo, metterlo nella mia macchina. Non ci ho pensato due volte. Dopo, post-pandemia, quando abbiamo iniziato ad aprire, avevo il disinfettante per le mani, avevo i guanti in macchina, avevo le mascherine. I clienti, se lavorassero da casa, dovrebbero venirmi incontro per strada, sul marciapiede. Non potrei entrare nelle loro case.

E se non fossero in casa mi igienizzerei le mani, indosserei la mascherina, aprirò la porta, entrerei, afferrerei il loro cagnolino, tornerei in macchina, mi igienizzerei di nuovo le mani. Stava solo sanificando ogni scambio di consegna e ritiro.

È divertente. Ora non ho paura. Ora sto solo seguendo cose che ora sono routine quotidiane per tutti noi. Come igienizzare le mani, indossare una mascherina. Ma a quel tempo, tre settimane, dopo che avevamo chiuso e che avevo riaperto, ti rimane ancora nella testa, perché non lo sapevamo nemmeno, come anche aprendo un pacco Amazon, stavo usando salviette e disinfettante per le mani. 

Quindi è stato un po' spaventoso, soprattutto perché ho un bambino a casa. Mio figlio ha cinque anni. Era avere quello nella parte posteriore della testa, di non trascinare il virus a casa tua, nella tua famiglia. Destra? Era così per tutti. 

Appoggiarsi uno sull'altro

DORIS: E quando stavi apportando quei cambiamenti, hai mai avuto la possibilità di parlare con i tuoi clienti? Hanno condiviso qualcosa con te che forse li stava influenzando emotivamente? O altro?

DIANA: Sì. Siamo diventati il nostro sistema di supporto e terapisti. Se avessi una buona o una brutta giornata, la condividerei con loro. Cercherebbero di farmi ridere, io proverei a farli ridere. È stato difficile per molti di loro lavorare da casa.

Sono stato davvero fortunato che fossimo un'attività all'aperto. Perché anche molte persone che lavoravano da casa tutto il tempo erano sull'orlo della depressione. Perché non ci sei abituato. Hai bisogno dei tuoi sistemi di supporto sociale, quindi sì, ci siamo avvicinati. 

Oh, devo dire che - prima, non ho mai visto nessuno dei miei clienti. Starebbero sempre lavorando. Firmerei solo il contratto e non li vedrei quasi mai per mesi. Questo ha reso ognuna di quelle relazioni molto più forti. Ora direi che siamo più che lavorare insieme, sono miei amici, sono il mio sistema di supporto. Si aprono con me, io mi apro con loro. Siamo cambiati in meglio.

Trovare risorse

DORIS: Dove ti sei rivolto per chiedere aiuto? Che fosse finanziario o altro?

DIANA: Quindi sono stato molto fortunato ad avere sistemi di supporto a casa, con la mia famiglia. Sono stato molto fortunato ad avere sistemi di supporto con ognuno dei nostri clienti. Sono stati molto di supporto. Alcuni di loro mi hanno persino pagato durante la chiusura. Molti di loro lo hanno fatto. Sapevano solo che volevano che fossi qui fuori dopo averlo scoperto, quindi se potevano permetterselo, mi hanno aiutato perché sapevano che questo era il mio unico sostegno finanziario per me e la mia famiglia. 

L'altra cosa era mia madre. Era così piena di risorse! Era lei che mi chiamava per cercare l'aiuto. Non credo che potrei candidarmi per molti di loro, perché all'epoca ero una ditta individuale, lavorando da sola. Mio marito a volte mi aiutava, perché uno di noi sarebbe stato in servizio come genitore e l'altro sarebbe stato in servizio per i cani. Ma ero un unico proprietario. Non mi consideravo un'azienda.

Mi ci è voluto molto tempo – forse ho perso un mese o poco più – per scoprire che potevo chiedere aiuto, considerandomi un dipendente. La mia azienda ne aveva uno, ed ero io. Mi ci è voluto molto tempo per capirlo. Pensavo fosse solo per le aziende più grandi che avevano dipendenti al di fuori di se stesse, quindi per fortuna mia madre era lì per dirmi "No, non era così". Così ho iniziato a chiamare posti e chiedere aiuto, forse un mese dopo aver chiuso i battenti.

DORIS: E durante quella ricerca, hai sentito che mancava qualcosa?

DIANA: Sì, il supporto per richiedere materiale. È stato molto travolgente uscire con tutti i requisiti per molti di questi. Alcuni di noi non sono così smaliziati con le scartoffie, quindi non avere nessuno di persona... quando vengo da voi ragazzi, nel vostro ufficio, voi ragazzi saresti in grado di guidarmi in ogni fase del processo. Quindi solo essere a casa e non avere quel sistema di supporto. Perché a quel tempo non eravamo così virtuali allora. Adesso è normale dopo un anno e mezzo. 

Ma all'inizio non avevi un sistema di supporto. Gli uffici erano chiusi, le banche... Era come se, se trovassi qualcuno al telefono, come MAF e molte organizzazioni senza scopo di lucro, venissero chiusi. Quindi è stato davvero difficile richiedere questo aiuto da solo senza un sistema di supporto di: ok, ho bisogno di questo documento, non so dove trovarlo - quei piccoli dettagli. È stato difficile finire dall'inizio alla fine.

Mai rinunciare ai tuoi sogni

DORIS: Sì, l'ho sentito dire anche da molti dei nostri clienti. Ora che penso... la pandemia ci accompagna da un anno e mezzo, giusto? Quali sono le tue speranze, Diana, per il post-pandemia? Per il futuro? Per le cose che tornano come erano? C'è qualcosa che non vedi l'ora?

DIANA: Uno, mi sento davvero benedetto. Non mi sembra che la mia vita sia cambiata molto, solo perché il mio lavoro è sempre stato da solo. Ma il post-pandemia, l'unica cosa dalla mia esperienza personale, non è solo avere una fonte di reddito da cui dipendo. 

Ho avuto un grande risveglio durante quel periodo. E invece di guardare verso l'esterno, ho iniziato a guardare verso l'interno. Così ho iniziato da solo un percorso di crescita personale. Ero tipo "Oh mio Dio, niente è permanente". Potresti avere un lavoro e sentirti come se fossi a posto, ma qualcosa del genere potrebbe accadere e butta via tutto. E la tua vita dipende da questo. Tuo figlio, i tuoi cani, tutto.

È stato un campanello d'allarme per allargare il mio - come si dice "non mettere tutte le uova nello stesso paniere?" Così ho iniziato a imparare a investire. Ho iniziato a conoscere la crescita personale. Ho iniziato a lavorare sulla mia mentalità.

Quindi penso che dopo la pandemia, sarebbe per le persone sapere che hanno delle opzioni, per non tornare a dipendere da un'azienda, o una cosa o un lavoro, perché se non c'è più, la tua sicurezza - tutto va con esso. Quindi, dopo la pandemia, auguro a tutti di fare più opzioni per se stessi, in modo che non siano nella situazione in cui mi trovavo io e molti di noi - migliaia e milioni erano in.

L'altra cosa sarebbe: mi sento come se fossi pre-pandemia, molti di noi si stavano solo dicendo che siamo solo occupati. Siamo così impegnati a lavorare. Dopo la pandemia, dici, ho davvero bisogno di costruire queste relazioni perché sono la mia comunità. Hanno bisogno di me, io ho bisogno di loro. E la costruzione della comunità è vitale per non deprimersi, per rimanere positivi. 

Quindi faccio parte di una comunità di dog walking su Facebook e abbiamo continuato a fare il tifo l'uno per l'altro, invitando i clienti. Alcuni dei miei clienti si stavano trasferendo in un quartiere diverso, anche in un'altra città o stato: avevamo solo questa comunità di asilo nido che portava a spasso i cani dove ci riferivamo gli affari l'un l'altro. Era una parte vitale della sopravvivenza. Devi prenderti del tempo per socializzare e conoscere i tuoi fratelli e sorelle là fuori che fanno tutti i tipi di sogni incredibili, anche se non sono legati alla tua attività immediata. È così gratificante. Dopo averlo fatto, sei tipo "Oh mio Dio, mi sono perso l'opportunità di conoscere questo uomo straordinario, questa donna straordinaria, per aver fatto questo per la comunità". Ci stavamo perdendo prima di rimanere nella nostra corsia. Ora è come, no, dobbiamo aiutarci a vicenda per renderlo più forte.

DORIS: Grazie! Questa è la cosa fondamentale, giusto? Non rinunciare mai ai tuoi sogni. Apprezzo davvero che tu abbia condiviso con noi tutto ciò che hai passato, dall'inizio della tua attività attraverso la pandemia alle parole stimolanti che condividi con le persone. Apprezzo molto il rapporto che hai con MAF e tutto il supporto che ci hai fornito. Quindi grazie mille, Diana. Ti auguro il meglio per la tua attività, affinché continui a crescere, a più cagnolini, a continuare a espandersi. Quindi grazie. Vi auguriamo il meglio.

DIANA: Grazie mille, Doris, per avermi ospitato qui. Non sarei potuto arrivare così lontano con la mia attività senza organizzazioni come MAF e così tante organizzazioni di piccole imprese in città, e anche in tutta la California. Ma sono così grato di avervi nella mia squadra. 

DORIS: Certo. E saremo sempre qui per te, Diana. E per i nostri ascoltatori, grazie mille per essere stati con noi per questo episodio. La prossima settimana, torneremo sulla storia del Fondo di risposta rapida e sull'enorme sforzo necessario per fornire migliaia di sovvenzioni agli immigrati in tutto il paese in un momento terribile. Ci vediamo.

ROCIO: Grazie per aver ascoltato Cafecito con MAF! Assicurati di iscriverti al nostro podcast su Spotify, Apple o ovunque tu ascolti i podcast, così puoi guardare il prossimo episodio non appena viene pubblicato.

E assicurati di seguirci online se vuoi saperne di più sul nostro lavoro, partecipare a un corso gratuito di educazione finanziaria o ricevere più notizie e aggiornamenti su Cafecito con MAF. Erano a missionassetfund.org e su Twitter, Instagram e Facebook.