Échale ganas, mijo'/'Dai il massimo, figliolo': PARTE PRIMA

Cosa significa "Trascendere. Evolvere. Prendere il volo" significa per te?

La vita è un sogno

Mi sono sempre considerato un sognatore - molto prima che il termine fosse usato per identificare una comunità di giovani immigrati che lavorano duramente e che lottano per avere una possibilità di successo nella terra delle opportunità. Io interpreto il termine a un livello molto più profondo, e questo ha influenzato lo sviluppo della mia ideologia. Spesso collego i sogni al mio passato e al mio presente. I miei sogni definiscono anche la visione del mio futuro.

Per me, il termine sognatore va oltre il mio attuale status di beneficiario DACA. Mi piace dormire bene. Soprattutto quando sono indotto nel mio personale "paese dei sogni" lucido. Ho preso lezioni dai miei sogni che mi hanno formato nella persona che sono oggi. Spesso mi ritrovo a sognare ad occhi aperti nello scrigno dei ricordi e delle esperienze passate della mia vita.

Sogno ad occhi aperti la mia vita in Messico. Sono nato nello stato di Veracruz - uno stato costiero i cui nativi sono spesso conosciuti come "Jarochos". Sono stata cresciuta dai miei genitori e dai miei parenti più stretti. Vedo mio nonno, Camilo, che ci ha insegnato il significato del rispetto per coloro che ci circondano e ha incoraggiato i miei genitori a stabilire norme disciplinari severe, ma giuste. Vedo mia nonna, Guillermina, che ha sempre dimostrato il suo amore per noi con un affetto costante e deliziosi piatti messicani.

Non avrei mai immaginato gli eventi che avrebbero cambiato drasticamente il corso della mia vita. Tutto è iniziato con un uomo, mio padre, che era disposto a correre un rischio per il benessere della sua famiglia e per la ricerca di una vita migliore - il cosiddetto sogno americano. Mio padre è emigrato nella California meridionale nel 1990. Mesi dopo, mia madre lo raggiunse oltre il confine. All'epoca avevo sei anni e la mia mente giovanile provava risentimento e confusione verso la partenza dei miei genitori. Perché avrebbero dovuto lasciarci? Semplicemente non aveva senso.

Un anno è passato vivendo senza i miei genitori. I miei nonni si sono presi cura di noi e hanno cercato di trarre il meglio dalla situazione esistente. Avere accesso a Skype o ai social media avrebbe reso la comunicazione con i miei genitori molto più facile allora.

Nel 1992, io e mio fratello maggiore ci siamo riuniti con i nostri genitori nel sud della California. Il viaggio fu lungo. Ricordo che saltavo da un autobus affollato all'altro. Ero eccitato e nervoso di vedere i miei genitori, e ci sentivamo a nostro agio a viaggiare con uno dei miei zii preferiti. Arrivammo a una destinazione che più tardi seppi essere Tijuana. Nostro zio ci presentò a due donne sconosciute e ci lasciò alle loro cure. Mentre ci salutava, lo zio ci rassicurò che queste donne ci avrebbero portato dai nostri genitori. Non capivo cosa stesse succedendo e mi sono aggrappato a mio fratello maggiore. Anche mio fratello era nello stesso stato di panico, ed ero felice che ci fossimo l'uno per l'altro.

Ho avuto la fortuna di dormire durante la nostra avventura attraverso la frontiera sulla cabina posteriore di un semi-camion - sognando una vita riunita con i miei genitori. Ma sentivo anche che ci dovevano una spiegazione per il loro abbandono.

Benvenuti nel nord del Messico

Anche se la vita in California ha richiesto un po' di tempo per abituarsi, sono riuscito ad assimilare rapidamente. Vivevamo in un quartiere con una grande comunità latina. I miei insegnanti parlavano spagnolo e i miei amici erano tutti messicani. Non ho provato il senso di shock culturale che mi aspettavo di provare. Anche se mi mancava la mia famiglia a casa, i miei genitori hanno compensato con l'amore incondizionato che solo un genitore può dare ai propri figli. Ci hanno anche dato un fratellino nato negli Stati Uniti.

I miei genitori hanno continuato a inculcare molte lezioni di vita a me e ai miei fratelli. Vedevo mio padre tornare a casa ogni sera tardi con i vestiti sporchi e un tono più scuro della sua pelle. Lavorava nell'industria delle costruzioni come operaio. Dedicava sempre del tempo per assicurarsi che noi rispettassimo i nostri valori e la nostra morale, assicurandosi che i nostri compiti fossero fatti e le faccende assegnate finite. Una volta completati, venivamo ricompensati con del tempo libero. Ho cominciato a capire la lezione di mio padre sul valore di avere una forte etica del lavoro. Mi ricordava costantemente che lavorando sodo, sia a scuola che nelle faccende domestiche, avrei ottenuto grandi risultati in futuro.

Mia madre mi ha inculcato i valori della pazienza e della compassione. Mi soffocava con affetto per il mio buon comportamento e per i miei voti positivi a scuola. Faceva fatica con le azioni disciplinari, e spesso delegava questi compiti a mio padre. Mia madre ha sempre avuto una mentalità imprenditoriale. Oltre a lavorare come custode per una famiglia americana, vendeva cosmetici e gioielli. Per acquistare il suo inventario, spesso partecipava a tandas per aiutarla a risparmiare denaro.

Mio padre lavorava molto di giorno e mia madre lavorava molto di notte, quindi avevo a cuore i fine settimana perché erano i momenti in cui potevamo stare insieme come una famiglia.

Come si dice questo in spagnolo?

Non è stato fino a pochi anni dopo il trasferimento negli Stati Uniti che ho sperimentato un vero senso di shock culturale. I miei genitori decisero di trasferirsi a nord, in Minnesota. All'epoca ero in prima media, ed ero arrabbiato e deluso per aver dovuto lasciare i miei amici in California. Dopo aver inizialmente condiviso un appartamento con un membro della famiglia allargata, alla fine ci siamo stabiliti nella città di Farmington.

Essere circondati da gringos è stata un'esperienza molto snervante. Il mio inglese era ancora limitato e il mio accento era pesante. In California, parlavo soprattutto spagnolo e mi è capitato di vivere in un quartiere a maggioranza latina. I miei compagni di classe mi ricordavano costantemente il mio accento, ed essendo uno dei pochi ragazzi messicani in una città prevalentemente caucasica, spiccavo come un pollice dolente. Tuttavia, sono stato in grado di accendere il loro interesse nell'imparare lo spagnolo, beh... le parolacce spagnole.

Molti compagni di classe mi trattavano con rispetto e accettavano la mia presenza, ma altri sentivano il bisogno di cercare di sminuirmi. Non ho mai sentito davvero di appartenere alla loro cerchia ristretta. Mi sentivo fuori posto, non sicuro di me e non come me stesso. Sono diventato molto riservato e tranquillo.

C'è voluto del tempo, ma alla fine ho cominciato ad accettare il Minnesota come la mia nuova casa. Ma naturalmente, ho lottato costantemente per tenermi fissata a vedere la vita da una nuova lente. Ho vissuto la mia parte di esperienze negative, specialmente intorno al razzismo. Durante questi momenti, invocavo un'altra delle lezioni di vita di mio padre: Non essere mai un aggressore o scatenare una rissa, ma non permettere agli altri di diminuire il tuo valore - o il valore di coloro a cui tieni - e difendere sempre i tuoi valori personali. Non avevo altra scelta che difendere la mia posizione quando venivo sfidato.

Ho avuto la fortuna di stringere alcune amicizie strette. Inutile dirlo.... sono tutti gringos. Ancora oggi fanno parte della mia vita. Si dà il caso che siano anche minnesotani come ci si può aspettare. Anche se il mio accento era ancora spesso, ho imparato a sentirmi più sicuro delle mie abilità orali e del mio accento. I miei amici mi davano ancora del filo da torcere, specialmente sulle distinzioni tra B e V e J e Y, ma sapevo che era tutto per divertimento.

Leggi la seconda parte.

Un enorme grazie a David Soto per aver scritto questo post e aver condiviso con noi la sua storia incredibilmente stimolante. David Soto è il supervisore del programma di capacità finanziaria presso Communidades Latinas Unidas en Servicio (CLUES). David supervisiona anche i programmi Lending Circles di CLUES.

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2021 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian