Passa al contenuto principale
Small Business Week

Onorare gli imprenditori immigrati durante la National Small Business Week

Ogni volta che facciamo commissioni in un droghiere locale, pranziamo in un ristorante a conduzione familiare o riforniamo le nostre biblioteche personali con ordini in librerie indipendenti, reinvestiamo nelle comunità in cui viviamo. Le piccole imprese sono la linfa vitale dei quartieri: oltre a rendere il nostro locale paesaggi speciali, le piccole imprese tengono i soldi dalla comunità, nella comunità

Naturalmente, le piccole imprese non sarebbero possibili senza le persone creative che le hanno avviate, molte delle quali hanno affrontato sfide impossibili durante la pandemia di COVID-19. Navigare in mari di burocrazia per accedere a un sostegno finanziario cruciale è stata una lotta, soprattutto per immigrati e persone di colore, che sono stati danneggiati in modo sproporzionato dalla progettazione di prestiti come il programma di protezione della busta paga. 

Di fronte a queste barriere, MAF ha visto un'incredibile capacità di recupero e saggezza da parte degli immigrati e degli imprenditori BIPOC. In questa #SmallBusinessWeek, ci prendiamo un momento per condividere le loro lezioni e onorare le loro storie. Dietro ogni piccola impresa c'è un sognatore, imprenditore e vicino, ognuno con la propria storia:

Tahmena

“All'epoca non avevo una carta di credito. Non avevo familiarità con le imprese o altro,” dice Tahmeena. Non aveva precedenti di credito quando è immigrata negli Stati Uniti dall'Afghanistan. Ma non si è scoraggiata. Tahmeena, che si era interessata alla moda sin da quando era bambina, vide subito il bisogno nella sua comunità di abiti e accessori culturali comuni all'estero, ma difficili da acquistare in America. 

Per capriccio, ha riportato alcuni oggetti dopo una vacanza in Turchia per vedere se ci sarebbe stato qualche interesse. E nel giro di un mese, aveva quasi troppi clienti che chiedono di più. 

Così Tahmeena si unì Lending Circles di MAF tramite la Rete delle donne rifugiate per stabilire un punteggio di credito e far crescere la sua boutique online, Takho'z Choice, oltre. Ha preso i $1.000 che ha risparmiato grazie al prestito a tasso zero e li ha usati per acquistare merce. In soli tre mesi, la sua piccola impresa ha iniziato a generare profitti, e il suo punteggio di credito precedentemente inesistente è balzato di centinaia di punti.

Reyna

La madre di Reyna ha piantato i primi semi per la loro attività quando ha venduto tamales come venditore ambulante a San Francisco. Con il supporto dell'incubatrice La Cocina, Reyna e sua madre hanno aperto La cucina della GuerreraIl primo mattone e malta del 2019, subito prima che la pandemia li costringesse a chiudere il negozio. Dopo due anni di pop-up e ordini online su Instagram, La Guerrera's Kitchen è stata finalmente in grado di trovare una nuova casa allo Swan's Market di Oakland nel 2022. 

Per molti, il tutoraggio è una parte essenziale di questo processo per decollare, specialmente per gli imprenditori immigrati. Attraverso il processo di avvio di La Guerrera's Kitchen, Reyna ha imparato a conoscere il marketing e le proiezioni, come negoziare e come le case a status misto possono creare credito con i numeri di identificazione dei contribuenti individuali o ITINS.

"Mi sarebbe piaciuto ricevere questo supporto in giovane età", lei dice. È un supporto come questo che Reyna vuole per tutti gli immigrati: “Fai sapere alla gente che sì, puoi essere privo di documenti e continuare ad aprire un'attività. Questo è il modo in cui lo fai.” 

Diana

È bastato uno sguardo al suo bulldog inglese perché Diana si rendesse conto che era destinata a un'avventura imprenditoriale. Nel bel mezzo della crisi finanziaria del 2008, Diana si sentiva bloccata. Era difficile trovare lavori rilevanti per la sua laurea in interior design e il lavoro che ha ottenuto in un asilo nido per cani non era soddisfatta. "Sapevo che potevo farlo meglio", dice Diana. "E il mio bulldog mi ha appena guardato e me ne sono andato da solo." 

Quel piccolo sguardo si è rivelato cambiare la vita. "Mi ha aperto così tante opportunità che non vedevo prima", dice. Oltre un decennio dopo, Diana gestisce con successo la sua attività di asilo nido per cani, un'impresa che attribuisce alla sua fiducia nei suoi sogni imprenditoriali e alle persone (e agli animali domestici) che l'hanno aiutata a costruire quella base di fiducia e supporto. Ciò include tutti, dal suo bulldog inglese ai suoi clienti fino al MAF. Come cliente MAF, Diana è stata in grado di risparmiare i soldi per un acconto sul suo primo furgone per cani. 

Fiducia e supporto sono fondamentali per qualsiasi piccolo imprenditore, afferma Diana. Anche oltre a trovare queste cose dalla tua famiglia o dalla tua comunità, è importante avere quella fiducia in te stesso.

“Sei il capo della tua vita, non solo del tuo lavoro. Non stai creando un lavoro solo per te, stai creando posti di lavoro per altre persone, stai aiutando la tua comunità e stai creando la tua vita e i tuoi sogni", dice Diana. "Tu sei il creatore."