Lending Circles al progetto Brown Boi


Costruire credito e fiducia nelle comunità LGBTQ di colore

La prima esperienza di Carla con un circolo di prestito è avvenuta molto prima che iniziasse a lavorare con il Brown Boi Project, e molto prima di aver sentito parlare del MAF. Lei li conosceva come "cundinas", e li ha incontrati per la prima volta nella fabbrica di abbigliamento di Los Angeles dove ha iniziato a lavorare da adolescente.

Lei e le sue colleghe hanno formato la cundina per sostenersi a vicenda nel risparmio. Ognuno di loro ha accettato di dare un contributo settimanale di $100.

Non era una somma facile da risparmiare. Carla ha fatto gli straordinari per assicurarsi di poter fare ogni pagamento. Alla fine, ha risparmiato abbastanza soldi attraverso la cundina per finanziare un viaggio in Messico, dove viveva gran parte della sua famiglia.

Carla aveva accettato il lavoro in fabbrica sapendo che il suo obiettivo finale era quello di continuare la sua istruzione, e presto si iscrisse ai corsi serali in un college locale.

I soldi erano pochi e i corsi erano costosi, così si è indebitata pesantemente per finanziare i suoi studi. Non si è resa conto che avrebbe potuto qualificarsi per un aiuto finanziario.

Poco dopo aver iniziato i suoi studi, Carla ha subito un infortunio alla schiena al lavoro. I suoi datori di lavoro hanno smesso di darle delle ore, e alla fine è diventata invalida ed è diventata una studentessa a tempo pieno. Si è trasferita alla UC Santa Cruz, e un professore l'ha aiutata a richiedere un aiuto finanziario. Carla amava i suoi corsi di studi femministi e sociologia, ma il peso del suo crescente debito era in agguato sullo sfondo. Cominciò a evitare le chiamate degli esattori. Ha tirato avanti in questo modo per anni.

È sprofondata ancora di più nei debiti. Il suo forte punteggio di credito di 720 è crollato, scendendo sotto 500.

Da Cundinas a Lending Circles

Poco dopo essersi laureata, Carla si è imbattuta in un annuncio di lavoro con Progetto Brown Boiun'organizzazione no-profit di Oakland che riunisce donne, uomini, persone con due spiriti, trans e alleati di sesso maschile per cambiare il modo in cui le comunità di colore parlano di genere.

Ha capito subito che questo lavoro era per lei. La missione e i valori di Brown Boi riecheggiavano la sua identità ed esperienza. Si è candidata senza esitazione. La concorrenza era forte, con oltre 80 candidati in lizza per la posizione. Ma Carla aveva ragione sulla sua idoneità al ruolo. Come lei stessa racconta, lei e lo staff di Brown Boi "hanno dato il via libera".

Aveva ottenuto il lavoro dei suoi sogni. Ma il suo debito e il suo credito danneggiato continuavano a limitarla.

Ha lottato per trovare un alloggio a Oakland che accettasse il suo basso punteggio di credito. Fortunatamente, Carla aveva un amico che l'ha aiutata a trovare un appartamento. Ma senza una carta di credito, non poteva permettersi di arredare la sua nuova casa.

"Tutte queste cose sono così emotivamente drenanti e stressanti. Mi sentivo depresso. Il tuo punteggio di credito può quasi sentirsi attaccato al tuo valore".

È stato a Brown Boi che Carla è venuta a conoscenza del programma Lending Circles che il MAF gestisce. Il concetto le era familiare dalla sua precedente esperienza con le cundine. La promessa di migliorare il suo punteggio di credito attraverso la partecipazione ha sollevato il suo spirito - ha iniziato a immaginare il sollievo che avrebbe provato se la sua vita non fosse stata più controllata dai debiti, le sue opzioni non più limitate dal suo punteggio di credito. Dopo tanti anni di esclusione finanziaria, Carla ha apprezzato che Lending Circles fosse aperto a lei indipendentemente dal suo punteggio di credito.

Carla ha portato al suo Lending Circle la stessa disciplina e dedizione che aveva portato alla cundina anni prima. Dopo Brown Boi è diventato un fornitore ufficiale di Lending CirclesCarla ha colto l'opportunità di diventare l'organizzatore principale del programma.

Carla ha finito il suo Lending Circle con 100% di pagamenti puntuali. Ha pagato il suo debito ed è anche riuscita ad accumulare risparmi.

Ma nonostante il suo curriculum perfetto, era nervosa all'idea di controllare il suo punteggio di credito. Era arrivata ad equiparare un punteggio di credito al sentirsi scoraggiata, scoraggiata e bloccata.

Per quasi un mese dopo la fine del Lending Circle, Carla ha rimandato il controllo del suo credito. Lo stesso mese in cui Carla ha completato il suo Lending Circle, è stata invitata a partecipare a un summit per innovatori di colore alla Casa Bianca. Si è portata a fare shopping di vestiti, confortata dal fatto che ora aveva abbastanza risparmi per coprire le spese.

Carla ha trovato il vestito perfetto: un abito grigio con una cravatta rossa. Alla cassa, la cassiera le ha offerto una domanda per la carta di credito del negozio. Carla era abituata a rifiutare queste offerte, sapendo che probabilmente non si sarebbe qualificata. Ma questa volta ha fatto domanda.

E con suo grande shock, si è qualificata.

"Mi sono qualificato ad un limite di $500! Ero super sorpreso. Ho detto, aspetta... Cosa? Mi sono qualificato?!".

Incoraggiata da questa notizia, Carla si spinse finalmente a controllare il suo punteggio di credito. Ha controllato: era salito di 100 punti a 650.

Ha pagato la carta di credito del negozio e ha fatto domanda per una carta diversa che offriva miglia aeree. Di nuovo, è stata approvata - questa volta per un limite di $5000. Il suo prossimo obiettivo è risparmiare abbastanza soldi per far volare sua madre in Europa il prossimo anno.

Cosa riserva il futuro

La stabilità finanziaria ha trasformato la visione della vita di Carla.

"Sarò sincero", dice. "Mi sento bene. Ho una carta di credito in caso di emergenza. Sono meno stressata sapendo che quando ho bisogno di soldi, sono lì". Aggiunge: "Mi sento più a terra, come se la mia vita stesse tornando a posto".

Carla si sente appassionata di iniziare più Lending Circles e di incoraggiare conversazioni più aperte sull'esclusione finanziaria con le persone di colore nella comunità LGBTQ:

"C'è molta vergogna. È spesso un tabù parlare delle lotte finanziarie nella nostra comunità... A volte pensiamo di non avere questo tipo di problemi, ma è così".

Ora mantiene le sue spese sotto il 25% del suo limite di credito e paga ogni mese l'intero saldo delle sue carte. Queste abilità sono pratiche, ma hanno un significato più grande per Carla. Vede l'educazione finanziaria come un modo potente di padroneggiare un sistema economico che spesso esclude e svantaggia le persone di colore e i membri della comunità LGBTQ.

"Nessuno ci ha insegnato come giocare a questo gioco", spiega Carla. "Ma con i moduli di educazione finanziaria, impariamo le regole".

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2020 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian