Come MAF ha lanciato la più grande campagna di rinnovo DACA in 3 giorni

L'amministrazione Trump ha messo fine al DACA il 5 settembre 2017, accendendo un'ondata di angoscia e paura nelle comunità di tutto il paese. Dal 2012, centinaia di migliaia di giovani sono usciti dall'ombra per iscriversi al programma DACA sperando che quello sarebbe stato il primo passo per diventare partecipanti a pieno titolo negli Stati Uniti, il paese che molti conoscono come loro unica casa. Nonostante la nuvola scura di incertezza nelle loro vite, i giovani immigrati si stanno alzando, pieni di speranza. Stanno organizzando il movimento di giustizia sociale della nostra generazione, sostenendo un DREAM Act che darebbe ai giovani immigrati un percorso verso la cittadinanza, e spingendo per una riforma globale dell'immigrazione per aiutare anche i milioni di immigrati senza documenti.

Mi stavo imbarcando su un volo alle prime luci dell'alba per Los Angeles quando l'amministrazione Trump ha annunciato la fine del programma Deferred Action for Childhood Arrivals (DACA).

Dal 2012, questo programma ha fornito ai giovani immigrati senza documenti portati negli Stati Uniti da bambini - comunemente chiamati "Dreamers" - protezione dalla deportazione e permessi di lavoro. Scorrendo i titoli dei giornali, sapevo che sarebbe stata una giornata dura. Non solo l'amministrazione stava mettendo fine a DACA, ma lo stava facendo in un modo ridicolmente crudele. L'annuncio ha messo fine al DACA per i nuovi richiedenti - molti dei quali erano studenti delle scuole superiori che sognavano di perseguire l'istruzione superiore utilizzando il DACA - mentre dava a quelli già con DACA solo un mese per presentare le domande per rinnovare il loro status se la loro autorizzazione al lavoro finiva entro il 5 marzo 2018. I sognatori sono stati lasciati a conoscere l'annuncio da soli e a determinare se erano qualificati o meno.

154.000 Dreamers potrebbero estendere il loro status di protezione per altri due anni. Ma non hanno ricevuto nessuna lettera o telefonata. Non c'è stata nessuna campagna di sensibilizzazione per incoraggiarli a rinnovare.

Le comunità di immigrati e i sostenitori sono stati indignati dall'annuncio. Proteste sono scoppiate nelle città di tutto il paese. La gente era arrabbiata, e giustamente. Il nostro governo stava rompendo una promessa fatta dal presidente Obama che aveva radicalmente migliorato la vita degli 800.000 giovani immigrati iscritti al programma. Per anni il Congresso aveva riconosciuto la necessità di riformare il sistema d'immigrazione americano, ma non era riuscito a farlo, lasciando milioni di immigrati incapaci di uscire dall'ombra. DACA era una piccola soluzione temporanea per i giovani mentre aspettavamo che il Congresso sistemasse il nostro sistema rotto.

Dreamers say this is akin to psychological torture

I sognatori dicono che questo è simile alla tortura psicologica

Sessions announces DACA will end

Sessions annuncia la fine di DACA

No official notification from the government

Nessuna notifica ufficiale da parte del governo

Nel 2012, il presidente Obama ha dato l'ordine esecutivo per stabilire DACA, in base al quale il governo federale ha promesso di non deportare gli immigrati che sono stati portati negli Stati Uniti prima del loro 16° compleanno, erano iscritti a scuola, si erano diplomati, o erano veterani della Guardia Costiera o delle Forze Armate degli Stati Uniti congedati con onore. In cambio, i Dreamers si registrerebbero con il Dipartimento della Sicurezza Nazionale e fornirebbero loro tutte le loro informazioni personali. Come gli 800.000 Dreamers che si sono registrati per DACA, anche noi del MAF abbiamo creduto in quella promessa: che potessero vivere apertamente alla luce del sole.

Quando il presidente Obama ha creato DACA, abbiamo iniziato a fornire prestiti a tasso zero per finanziare l'alta tassa di domanda (ora $495). Abbiamo lavorato con oltre 1.000 Dreamers negli ultimi 5 anni. Per MAF, questo era personale.

Siamo stati testimoni dei benefici di DACA ogni giorno. Con DACA, abbiamo visto in prima persona che i nostri clienti sostenevano meglio se stessi e le loro famiglie accedendo a lavori più pagati. Hanno aperto conti bancari e iniziato a risparmiare. Da ogni punto di vista, DACA li ha spinti in avanti, liberando la loro energia creativa e il loro potenziale umano. Con DACA, alcuni dei nostri clienti si sono iscritti a scuola, sono diventati medici o infermieri. Altri, come GustavoSi è assicurato un lavoro meglio retribuito. Ha smesso di pulire le case ed è riuscito a trovare lavoro come cassiere della banca Wells Fargo che serve la comunità latina

Ho passato il giorno successivo a Los Angeles, rispondendo alle e-mail e cercando di pensare ai prossimi passi. Giovedì mattina, ero di nuovo nell'ufficio del MAF dove abbiamo avuto la nostra prima riunione dello staff post-annuncio. Abbiamo parlato delle nostre opzioni, cercando di capire come procedere. Non fare nulla non era un'opzione. Senza sapere esattamente come, quella mattina abbiamo deciso di aiutare quanti più Dreamers possibile a rinnovare il loro status.

I sognatori avevano solo quattro settimane per rinnovare prima della scadenza del 5 ottobre, quindi ogni minuto era importante. Con questo in mente, abbiamo accettato di offrire prestiti a tasso zero, ma su una scala molto più grande che mai. Stavamo andando a livello nazionale con questi prestiti. Questa sarebbe stata un'enorme sfida operativa per noi per due motivi. In primo luogo, fino a questo punto, avevamo finanziato solo le spese per la domanda DACA per i Dreamers in California. Secondo, anche se MAF è un'organizzazione nazionale, lavoriamo attraverso una rete di partner senza scopo di lucro per servire i clienti al di fuori della California. Per motivi di efficienza, avevamo bisogno di raggiungere e servire direttamente i clienti in tutti gli Stati Uniti, indipendentemente dalla geografia, per la prima volta.

Abbiamo fissato l'obiettivo di finanziare 1.000 domande in 30 giorni - lo stesso numero di prestiti che avevamo fornito negli ultimi cinque anni.

Ho iniziato a contattare i finanziatori per sollecitare il sostegno al nostro nuovo fondo di prestito. Avevamo bisogno di $500.000, e velocemente. Mentre io lavoravo ai telefoni per i finanziamenti, i membri dello staff del MAF lavoravano furiosamente per rendere operativo il nuovo fondo prestiti. Il nostro team di comunicazione ha costruito un nuovo sito web appositamente per i prestiti di rinnovo DACA, completo di un orologio che tracciava il numero di minuti rimasti prima della chiusura della finestra per richiedere il rinnovo. Il nostro team tecnico ha semplificato la nostra domanda di prestito esistente, eliminando tutte le informazioni che non erano assolutamente essenziali per elaborare le richieste di prestito, e ha costruito un sistema per rivedere e confermare rapidamente l'idoneità di un richiedente a rinnovare in questo momento.

Entro la fine di quella prima settimana, avevamo assicurato un milione di dollari di impegni dalla Fondazione Weingart, dalla Fondazione James Irvine, dalla Fondazione Chavez Family e dalla Comunità Tipping Point. Con il loro sostegno, abbiamo raddoppiato il nostro obiettivo originale e abbiamo puntato ad aiutare 2.000 destinatari DACA a fare domanda di rinnovo. Era un obiettivo assurdamente ambizioso e rischioso, che poteva mettere le finanze del MAF in una potenziale crisi di liquidità. Ma dovevamo farlo. Se mai c'è stato un momento per mettere tutto in gioco, era ora.

 

Una settimana dopo l'annuncio della fine di DACA, eravamo pronti a lanciare il nuovo fondo di prestito. Mancavano 21 giorni alla scadenza.

La mattina di martedì 12 settembre, abbiamo inviato una serie di e-mail e comunicati stampa a media, colleghi, finanziatori e attivisti per i diritti degli immigrati. Quel giorno mi trovavo nel New Jersey e mi stavo preparando a tenere un discorso più tardi la sera stessa, quando ho ricevuto una telefonata da Fred Ali, l'amministratore delegato della Fondazione Weingart, che ci chiedeva di considerare la possibilità di offrire sovvenzioni invece di prestiti. Sosteneva che l'urgenza e la gravità della situazione richiedevano sovvenzioni e che i prestiti, anche a tasso zero, avrebbero costituito una barriera per alcuni Dreamers. Ero riluttante a fare il cambiamento subito dopo aver lanciato la campagna, ma sentire il suo impegno a lavorare con noi ha reso più facile fare il passo. Grazie a Fred, si è aperta una nuova strada per noi.

Ho subito chiamato il team di leadership del MAF e abbiamo concordato di rivedere la nostra strategia. Abbiamo rilanciato la campagna più tardi quel giorno, offrendo $495 borse di studio ai destinatari DACA che dovevano rinnovare. Entro giovedì 14 settembre, solo due giorni dopo il lancio della campagna, abbiamo ricevuto più di 2.000 domande. Il sito web della campagna si è brevemente bloccato a causa del traffico intenso. Eravamo estasiati dalla risposta, ma l'interesse travolgente ha creato una serie di nuove sfide operative. In primo luogo, c'era una possibilità molto reale che avremmo finito i soldi. Parte del problema era la tempistica. Mentre ci eravamo assicurati impegni da parte dei finanziatori, non avevamo ricevuto il denaro sul nostro conto bancario. Abbiamo dovuto anticipare il denaro operativo generale del MAF mentre i finanziatori lavoravano attraverso i loro processi di approvazione ed erogazione.

A sole 48 ore dall'inizio della campagna, i primi 2.000 richiedenti avevano già reclamato tutti i $1.000.000 di fondi DACA.

Ricordo le conversazioni con il mio team di leadership su come procedere come alcune delle più snervanti dell'intera campagna. Stavamo letteralmente guardando l'orologio, contando le ore che mancavano all'esaurimento dei fondi. Quella notte, abbiamo considerato di chiudere il programma. Molto rapidamente, avevamo raggiunto il nostro obiettivo di aiutare 2.000 Dreamers, che era già il doppio di quello che avevamo inizialmente previsto. Ma la verità era che non potevamo fermarci. La fine di DACA era un'emergenza nazionale, e ci siamo rifiutati di abbandonare la nostra comunità nel bel mezzo di essa.

Abbiamo considerato di tornare ai prestiti a tasso zero. Ma non volevamo fare neanche questo. Sarebbe stato estremamente complicato e confuso. Invece, abbiamo cambiato la nostra messaggistica per alleviare un po' di pressione. Abbiamo iniziato ad incoraggiare i richiedenti a considerare la possibilità di chiedere sostegno ad amici o familiari prima di richiedere fondi alla MAF. Confidavamo che coloro che potevano auto-selezionarsi dal processo lo avrebbero fatto, riducendo così la domanda e aumentando la probabilità di assistere i più bisognosi. Eravamo d'accordo che avrei lavorato al telefono per spingere per ottenere più fondi.

Mohan printing hundreds of checks

Mohan che stampa centinaia di assegni

The

La "Situation Room" in azione

Dina, a special ed teacher, picks up her check

Dina, un'insegnante di educazione speciale, ritira il suo assegno

Alla fine, nel corso della campagna abbiamo raccolto $4 milioni di dollari, otto volte di più del nostro obiettivo iniziale. Anche se mi piacerebbe dire che il denaro è stato una risposta alle mie eccezionali capacità di raccolta fondi, non è stato così.

I finanziatori hanno capito l'urgenza della situazione, e molti di loro sono stati in grado di accelerare i loro processi di approvazione - che di solito richiedono mesi - in poche ore o giorni. Anche Fred Ali lavorava al telefono; ha contattato i suoi colleghi di altre fondazioni, garantendo per noi e chiedendo loro di considerare di sostenere la campagna. E come Fred, avevamo tanti altri finanziatori che lavoravano dietro le quinte, chiamando colleghi e alleati che sapevano che si sarebbero preoccupati e avrebbero potuto impegnarsi rapidamente. Molti di loro hanno contribuito al fondo per il rinnovo, aumentando il nostro obiettivo di aiutare 6.000 Dreamers a rinnovare il loro status DACA. A parte le sfide di finanziamento e di flusso di cassa, ci siamo trovati di fronte a una serie di grandi sfide operative.

In teoria, il processo di consegna dei fondi ai richiedenti era semplice. Il MAF faceva un assegno al Dipartimento della Sicurezza Nazionale per $495 e lo spediva al richiedente, che lo includeva nel suo pacchetto di domanda. Ma in pratica, ci siamo scontrati con un muro dopo l'altro. Per cominciare, c'era la questione di come tagliare così tanti assegni così velocemente. Durante i primi giorni della campagna, quando ricevevamo più di 800 domande al giorno, io ero in viaggio per lavoro e il nostro direttore operativo era in Cile. Poiché siamo le uniche due persone autorizzate a firmare gli assegni MAF, questo ha creato un collo di bottiglia immediato.

Il nostro primo workaround era un timbro per la firma. Aparna Ananthasubramaniam, direttore della ricerca e della tecnologia, ha confermato che la nostra banca avrebbe riconosciuto un timbro e mi ha fatto accettare l'idea in pochi giorni, ma anche questo era troppo lento.

 Con centinaia di richieste che arrivavano ogni giorno, e vedendo il nostro obiettivo passare da 3.000 a 4.000, e poi finalmente a 6.000 rinnovi, avevamo bisogno di trovare un'alternativa migliore.

Nel giro di pochi giorni, abbiamo esternalizzato il compito a un processore terzo per gestire la maggior parte del lavoro, permettendoci di concentrarci sul processo di approvazione e sulle domande che avevano bisogno di attenzione individuale. Questo è stato un enorme peso sulle nostre spalle. Proprio come per il taglio degli assegni, la spedizione sembrava semplice, ma si è rivelata enormemente difficile. Prima di questa campagna, MAF non aveva mai comunicato principalmente con i clienti tramite posta ordinaria. Di conseguenza, non avevamo molta esperienza nell'invio di grandi volumi di posta, e non ci siamo resi conto che è sia un'arte che una scienza, finché non è stato quasi troppo tardi.

Il nostro piano originale era di inviare gli assegni per posta prioritaria. Per fare questo avevamo bisogno delle appropriate buste di "posta prioritaria", che sono disponibili per l'acquisto in ogni ufficio postale. Così, il primo giorno, Mohan Kanungo, direttore dei programmi e dell'impegno, si è recato all'ufficio postale più vicino per comprare le forniture. Tuttavia, non c'erano abbastanza buste per le centinaia di assegni che dovevamo spedire. Così, ha guidato fino ad un altro. E poi un altro ancora.

Presto, il personale del MAF e i loro cari stavano guidando in tutta la Bay Area per razziare le forniture dell'ufficio postale. Ad un certo punto, Mohan ha addebitato $2.400 dollari di materiale postale sulla sua carta di credito personale.

Non poteva usare una carta aziendale perché l'aveva data a un collega del MAF che la stava usando per acquistare forniture in altri uffici postali. Dato che eravamo nuovi alle spedizioni di massa, non sapevamo nemmeno che c'è un modo specifico in cui si dovrebbe fare. Il personale del MAF si è presentato con enormi scatole di buste, immaginando che le avremmo spedite come faremmo con qualsiasi altra lettera. Si è scoperto che il nostro metodo era estremamente inefficiente perché l'ufficio postale non aveva modo di processare le buste in blocco. Piuttosto, ognuna doveva essere processata individualmente, il che richiedeva circa 1 - 2 minuti, il che significava che spedire centinaia di buste poteva richiedere ore.

Nessuno era felice di questo. Gli impiegati postali erano frustrati per l'enorme inconveniente che causava loro, perché anche loro erano a corto di personale. Anche noi eravamo arrabbiati con noi stessi. Il personale del MAF doveva rimanere all'ufficio postale per ore mentre ogni lettera veniva elaborata. Era tempo che non avevamo. Presto gli impiegati postali cominciarono semplicemente a rifiutarsi di elaborare i nostri invii. Il personale veniva respinto in un ufficio postale e guidava fino ad un altro nella speranza di poterlo spedire da lì. Oppure dividevano un grande invio in un paio di più piccoli che sarebbero stati meno onerosi da elaborare, e li facevano uscire in questo modo

Tara Robinson, Chief Development Officer, ha chiamato l'ufficio locale del rappresentante regionale del Servizio Postale degli Stati Uniti, dove ha parlato con una donna nel dipartimento della rete dei servizi commerciali. Tara le ha chiesto: "Sai dei Dreamers?". Lei ha risposto: "Sì!". Dopo aver spiegato cosa stava facendo la MAF e perché c'era così tanto tempo a disposizione, l'impiegata delle poste è entrata in azione. Abbiamo trovato il nostro avvocato. Quello stesso giorno, ha organizzato una conferenza telefonica con i supervisori di numerosi uffici postali della zona, durante la quale li ha istruiti ad accettare tutti gli invii della MAF. Il nostro shero postale ha spiegato come creare un manifesto per la nostra posta in modo che i lavoratori postali potessero scansionare tutte le nostre buste in blocco invece che individualmente. Ha anche fornito il nome e il numero diretto del Postmaster General se avessimo avuto altri problemi.

Ad alimentare la nostra ansia c'era il fatto che avevamo promesso ai richiedenti una risposta entro 48 ore dalla presentazione della domanda iniziale.

Inizialmente, pensavamo che 48 ore fosse un tempo relativamente veloce. Ma in un momento di crisi, 48 ore possono sembrare un'eternità. Il nostro ufficio è stato costantemente inondato di chiamate, e-mail, messaggi su Facebook e visite di persona, da parte dei richiedenti che volevano confermare che avevamo ricevuto la loro richiesta e volevano sapere quando aspettarsi l'assegno.

Ogni singola persona dello staff rispondeva al telefono e rispondeva alle domande, me compreso. Eravamo tristemente a corto di personale per far fronte al volume di richieste che stavamo ricevendo e abbiamo deciso che avevamo bisogno di una serie di comunicazioni più trasparenti e robuste con i nostri candidati. Aparna ha redatto una serie di e-mail che sarebbero state inviate automaticamente ai candidati man mano che la loro domanda si faceva strada nel nostro processo. Una mail veniva inviata per confermare la ricezione della domanda; un'altra veniva inviata per confermare che avevamo tutto il materiale necessario per esaminarla; una terza veniva inviata per confermare che era stata approvata; e un'ultima mail veniva inviata per confermare quando aspettarsi l'assegno. Abbiamo anche creato un'altra e-mail automatica per dire ai richiedenti di aspettarsi presto un'altra e-mail con le informazioni di monitoraggio. Sembra esagerato, ma queste comunicazioni via e-mail hanno notevolmente ridotto il volume delle chiamate.

Mentre le comunicazioni automatizzate hanno aiutato a ridurre significativamente il volume delle chiamate e delle e-mail che abbiamo ricevuto, siamo rimasti gravemente sotto organico rispetto al carico di lavoro. Abbiamo assunto personale temporaneo, ma ci siamo subito resi conto che non avrebbe funzionato a causa della natura delle informazioni altamente sensibili che stavamo elaborando. Così, ci siamo rivolti ai nostri amici e colleghi, tra cui La Cocina, e altri alleati chiave di Salesforce e Tipping Point, che hanno esonerato il personale dal lavoro e lo hanno mandato nel nostro ufficio a fare volontariato.

Poi l'ufficio del governatore di Washington ci ha contattato e ha detto: "Abbiamo sentito che siete il fornitore nazionale di borse di studio DACA. Abbiamo un donatore anonimo nello stato di Washington. Potete elaborare $125.000 di borse di studio per i nostri residenti?".

Centinaia di organizzazioni - piccole e grandi - ci hanno aiutato a diffondere la parola. C'erano video, meme, vlogger e persino una lotteria sui social media sponsorizzata dalla Clever Girls Collaborative. Il presidente dell'Università della California ha inviato diversi comunicati stampa e messaggi sui social media per informare gli studenti delle borse di studio, così come il presidente dei California Community Colleges. Senza sollecitazione da parte del nostro team, alcuni finanziatori ci hanno contattato chiedendoci come potevano sostenere l'iniziativa. In tutto il paese, gruppi per i diritti degli immigrati e organizzazioni di assistenza legale con cui non avevamo mai lavorato prima stavano pubblicizzando il nostro fondo di rinnovo ai loro clienti.

Diffondere la parola oltre la Bay Area è stato importante perché molte di queste organizzazioni operavano in comunità che mancavano di supporto per i Dreamers, sia a causa del clima politico locale o perché erano in zone rurali e isolate, come Mississippi e Utah. Attribuiamo gran parte della nostra capacità di raggiungere queste comunità alle incredibili risposte dei media e dei social media. La campagna ha ricevuto più di 1.000.000 di visite sui social media e più di 100 menzioni sui media, compresa la copertura in New York Times, NPR, e Washington Post, tra le altre uscite di rilievo.

Siamo stati umiliati nel dare $3.8M a 7.678 Dreamers - rendendo questo il più grande fondo di rinnovo DACA nella nazione.

Nell'autunno del 2017, il MAF ha fornito $2.513.610 per finanziare 5.078 domande di rinnovo DACA in 46 stati - cioè il 6,7% di tutte le domande di rinnovo presentate. Ciò significa che abbiamo finanziato un sognatore su dieci nello stato della California che ha fatto domanda di rinnovo, compreso il 16% di tutti i richiedenti nella Bay Area. E nel gennaio 2018, giorni dopo L'ingiunzione del giudice distrettuale William AlsupIl MAF ha emesso altre 2.600 borse di studio per i Dreamers.

Come mi ha detto un avvocato della Bay Area, "Ancora e ancora e ancora, i Dreamers sono entrati nei nostri uffici per richiedere un rinnovo con un assegno MAF in mano".

Negli ultimi mesi, tutti noi del MAF abbiamo passato molto tempo a riflettere sulla campagna, pensando a cosa ha funzionato, cosa no, e come l'esperienza dovrebbe modellare il nostro lavoro in futuro. La campagna è una vittoria agrodolce. In termini di impatto, abbiamo superato le nostre ambizioni più selvagge. Siamo stati un faro di amore e sostegno per gli immigrati in un momento in cui molti dei nostri amici, famiglie e clienti si sentivano sotto attacco. Tuttavia, come organizzazione abbiamo lottato per celebrare la campagna perché rappresenta la fine di DACA. Crediamo in un'America che è molto meglio di questa, e rimaniamo sbalorditi e assolutamente lividi che l'amministrazione Trump abbia messo fine al DACA senza offrire una soluzione legislativa permanente, lasciando milioni di giovani immigrati e le loro famiglie nell'angoscia. Vivere con questo tipo di dolore è difficile. Per tutta la tristezza e il disgusto che abbiamo provato in risposta alle azioni dell'amministrazione Trump, abbiamo anche scoperto una risoluzione più profonda e potente. Mentre so che ogni MAFista ha portato via qualcosa di personale da questa esperienza, condividiamo queste lezioni generali:

1. Il tempismo è tutto.

Le soluzioni collaudate - per quanto grandiose - non sono sempre la soluzione *giusta* per ogni situazione. Abbiamo lanciato il nostro fondo con i prestiti perché fare prestiti è quello che facciamo, e lo facciamo bene. Ma data l'urgenza della crisi DACA - quando non avevamo tempo per affrontare anche il più modesto dei processi di sottoscrizione - i prestiti semplicemente non erano il prodotto giusto. All'inizio, eravamo così immersi nella nostra storia che non potevamo vedere oltre i prestiti. C'è voluto un esterno per aprire la porta alla possibilità delle borse di studio. Tuttavia, una volta aperta quella porta, eravamo flessibili, pronti ad abbracciare l'approccio alternativo e a renderlo operativo rapidamente.

2. La tecnologia è fondamentale per scalare.

Più e più volte durante la nostra campagna, abbiamo risolto i colli di bottiglia e scalato i servizi con la tecnologia. Abbiamo coinvolto i richiedenti in tutto il paese creando una domanda online sicura attraverso il nostro CRM Salesforce che le persone potevano completare e presentare in pochi minuti. Abbiamo creato delle e-mail automatiche per tenere i Dreamers informati e impegnati durante tutto il processo di applicazione. Abbiamo esternalizzato il processo di taglio dei controlli ai clienti costruendo un database elettronico dei candidati che abbiamo inviato via e-mail al nostro processore di terze parti. Senza dubbio, senza la tecnologia, non potremmo risolvere gli ostacoli in tempo reale, e saremmo stati molto più limitati nella nostra capacità di raggiungere le comunità al di fuori della Bay Area.

3. La fiducia è imperativa per il successo.

I sognatori erano disposti a condividere le loro informazioni personali con MAF - nonostante il clima di paura in cui operavano - perché sapevano che eravamo - e siamo - dalla loro parte. Allo stesso modo, i finanziatori, compresi quelli che non avevano mai lavorato con noi, erano disposti a scommettere su di noi perché si fidavano dei loro colleghi che garantivano per noi. Allo stesso modo, le organizzazioni non profit ci hanno indirizzato i loro clienti sapendo che avremmo fatto bene per loro. Tutto questo è avvenuto velocemente e la fiducia è stata la chiave per il successo della campagna.

4. L'incertezza può essere tua amica.

Come organizzazioni non profit, pianifichiamo il nostro lavoro nel corso degli anni. Creiamo teorie di cambiamento, piani strategici e bilanci per dimostrare la nostra buona amministrazione e gestione fiscale. In tempi normali, queste pratiche provate e vere aiutano a segnare i nostri progressi verso il raggiungimento degli obiettivi. Ho capito. Ma non siamo in tempi normali. In momenti come questi, non importa quanto perfetti siano i nostri piani, il fatto è che il destino di milioni di famiglie è in bilico con il prossimo tweet incendiario di Trump. Non conosciamo davvero la natura, o la portata, della prossima crisi creata da Trump. Questo tipo di incertezza richiede la volontà e la capacità di prendere in considerazione il clima politico sempre mutevole, e cambiare le strategie programmatiche di conseguenza.

La lotta per la giustizia sociale è lunga. Ora abbiamo almeno altre 7.600 persone pronte ad unirsi alla battaglia.

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2020 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian