Le "finestre di empowerment finanziario" sicure e affidabili per la comunità messicana sono una luce in questi tempi difficili

Gli immigrati messicani negli Stati Uniti sono più probabilità di essere unbanked o underbanked rispetto ad altri gruppi di immigrati. Allo stesso tempo, la ricerca mostra che gli immigrati hanno alti livelli di disciplina del risparmio, e una percentuale più alta di immigrati messicani - indipendentemente dal fatto che avessero o meno un conto in banca - accumulano risparmi rispetto ad altre comunità di immigrati. Con 36,6 milioni di ispanici di origine messicana che vivono negli Stati Uniti, tra cui circa 12 milioni che sono nati in Messico, avere prodotti finanziari mirati e su misura aiuta la comunità ad andare avanti finanziariamente.

Creare prodotti, servizi e approcci che siano culturalmente rilevanti e appropriati - e incontrare le persone dove sono e costruire sui loro punti di forza -. massimizza il loro potenziale di successo finanziario.

Al fine di espandere l'accesso finanziario per gli immigrati messicani, CitiIl MAF, un partner di lunga data, ha avviato un'iniziativa unica che fornisce servizi in lingua in luoghi fidati, chiamati Ventanillas de Asesoría Financiera (VAF), o "Finestre di empowerment finanziario", presso i consolati messicani negli Stati Uniti. La partnership, che include l'Istituto del governo messicano per i messicani all'estero (IME) e una rete nazionale di organizzazioni non profit, fornisce un'educazione finanziaria gratuita, di alta qualità e culturalmente competente alla comunità messicana negli Stati Uniti.

L'iniziativa è stata cruciale perché i prodotti che il mercato ha sviluppato non sono mai stati progettati per, o anche concepiti, con i clienti di Mission Asset Fund (MAF) in mente. Gli immigrati, in particolare quelli a basso reddito, diventano utenti secondari.

MAF amministra l'iniziativa VAF a livello nazionale come parte della sua missione di creare un mercato finanziario equo per le famiglie che lavorano duramente e di creare soluzioni scalabili, come il App MyMAF.

Fornire un coaching individuale ai clienti in spazi sicuri e fidati ha permesso alla MAF di conoscere più a fondo le vite finanziarie della comunità messicana che vive negli Stati Uniti, comprese le paure reali che i messicani che vivono negli Stati Uniti hanno riguardo a ciò che accadrebbe ai loro beni finanziari se dovessero affrontare un procedimento di deportazione o altre crisi finanziarie.

"Lo spazio fisico nei consolati è percepito dalla comunità come un luogo molto sicuro, e un luogo dove si possono ricevere informazioni giuste, e anche le informazioni di cui si ha bisogno. È su misura per te", ha detto l'ambasciatore messicano Ivan Roberto Sierra-Medel.

Infatti, incontrando i clienti in questi ambienti di fiducia, il MAF ha potuto ottenere risposte e domande più oneste dalla comunità. Il feedback ha portato il MAF a sviluppare un intero nuovo curriculum relativo alle emergenze finanziarie per aiutare i membri della comunità a prepararsi meglio ai momenti di crisi, che si tratti di procedure di espulsione, terremoti o pandemie.

Nonostante il fatto che la stragrande maggioranza degli immigrati paghi le tasse sul reddito federale, statale e locale, non sono in grado di accedere all'assicurazione contro la disoccupazione, ai benefici sanitari, ai buoni pasto e ad altri programmi di sicurezza su cui i cittadini statunitensi contano nei momenti di bisogno.

Il curriculum del MAF include un "Piano d'azione di emergenza finanziaria per gli immigrati" con strategie semplici e tangibili per prepararsi alle emergenze legate all'immigrazione, compresi consigli per proteggere il denaro, le case e altri beni, e consigli su come prepararsi in tempi di stress finanziario.

"Non abbiamo smesso di lavorare".

La preparazione alle emergenze è più di una parola d'ordine in California, dove la minaccia di incendi, terremoti e altri disastri incombe.

Secondo un rapporto di marzo 2020 del Migration Policy Institute, ci sono sei milioni di immigrati che lavorano in prima linea nella crisi della COVID-19, rischiando la loro salute per continuare a fornire servizi durante la pandemia, tra cui la fornitura di servizi medici e sanitari a domicilio, la pulizia delle stanze d'ospedale, la raccolta e la produzione di cibo, e il personale di negozi di alimentari e altre attività essenziali. Allo stesso tempo, la comunità di immigrati, e le donne ispaniche in particolare, sono state tra le più colpite dalla perdita di posti di lavoro della COVID-19.

Fortunatamente, gli strumenti e i sistemi sviluppati dal MAF per aiutare le persone a prepararsi ai momenti di crisi hanno gettato le basi necessarie per rispondere immediatamente alla pandemia COVID-19.

Quando arrivarono gli ordini di rifugio sul posto, il MAF iniziò ascoltare i clienti che stavano perdendo le loro fonti di reddito. In risposta, il MAF si è mosso rapidamente per istituire un Fondo di risposta rapida per portare il denaro tanto necessario ai lavoratori a basso salario, agli studenti e alle famiglie di immigrati lasciati fuori dagli aiuti federali.

Lanciato a marzo, il Fondo di risposta rapida fornisce $500 sussidi in contanti a lavoratori a basso salario, studenti e famiglie di immigrati lasciati fuori dal sollievo del CARES Act, compresi i titolari di ITIN che pagano le tasse e i loro partner e figli cittadini statunitensi. Mobilitando una rete nazionale, il MAF ha raccolto oltre $33 milioni per fornire sovvenzioni in contanti e prestiti di recupero a 46.000 persone in tutta la nazione.

Jesús, un cliente di Partner del quartiere di Central City, il partner no-profit che fornisce servizi al VAF nel Consolato messicano di Los Angeles, ha sentito parlare del Fondo di risposta rapida e ha fatto domanda per una sovvenzione. Prima della pandemia, lavorava a tempo pieno nel settore della ristorazione, a volte tenendo due o anche tre lavori per poter mantenere la sua famiglia e ridurre il suo debito.  

"La pandemia ha colpito di più noi, latini e immigrati", ha detto Jesús. "I latini sono esposti di più, proprio perché non abbiamo smesso di lavorare. Ecco perché a volte si chiede aiuto".

"In questo caso, ho visto la sovvenzione (Rapid Response) e ho fatto domanda. Mi ha aiutato molto perché la tavola aveva più cibo, almeno per qualche giorno, e ho potuto comprare qualche extra e pagare alcune cose. E questo è stato davvero un grande aiuto".

L'esperienza di Jesús sottolinea l'importanza di avere servizi rilevanti e culturalmente appropriati per la comunità di immigrati.

 "Grazie a organizzazioni come questa che lavorano con amore, dedizione e professionalità. Grazie per dire alla gente: 'Qui ci sono risorse. Qui c'è la possibilità di aiuto".

"Posso dire con orgoglio che stiamo servendo la nostra comunità".

Mentre molte organizzazioni sono state costrette a chiudere le operazioni a causa del "shelter-in-place", il VAF ha rapidamente fatto perno, creando un nuovo approccio per continuare il suo lavoro vitale, offrendo anche servizi di coaching finanziario online e webinar informativi su come navigare nella nuova realtà.  

"Covid è stato un periodo difficile", ha detto Sierra-Medel. "Abbiamo la strategia in atto che tutti i consolati continuano a fornire servizi, alcuni di loro di persona e alcuni di loro in remoto, perché la comunità in questo momento affronta le sfide più gravi".

"COVID è stato quasi lo scenario peggiore per la comunità messicana negli Stati Uniti", ha detto il console Julio César Huerta-García, Dipartimento degli affari comunitari, Consolato messicano di San Francisco. "Abbiamo lavorato con il MAF per usare la tecnologia, lanciare video informativi e webinar, e per essere molto proattivi nel fornire informazioni e risorse per aiutare durante la crisi".

"La Ventanilla è una luce in questi tempi molto difficili, e posso dire con orgoglio che stiamo servendo la nostra comunità", ha detto Huerta-Garcia.

Le partnership improbabili sono la chiave del successo

L'improbabile partnership dietro l'iniziativa VAF - il governo messicano, un'istituzione finanziaria globale e una rete di organizzazioni non profit basate sulla comunità - illustra i tipi di approcci profondi e intersettoriali che sono necessari per affrontare le sfide complesse e sistemiche delle comunità a basso reddito.

Questo articolo è stato scritto in collaborazione tra José A. Quiñonez, fondatore e CEO di MAF, e Marco Chavarin, vicepresidente di Citi Community Investing and Development, California del Nord.

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2021 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian