Passa al contenuto principale

Tag: DACA

DACA = lavori migliori, famiglie stabili

$460 miliardi. Questo è il valore stimato che i destinatari DACA aggiungono al nostro PIL. Oltre ai ben noti impatti economici per il nostro paese, c'è una buona quantità di ricerca sui benefici positivi il programma DACA ha fornito ai suoi 790.000 Destinatari DACA e le loro famiglie. La MAF è stata onorata di avere l'opportunità di aiutare più di migliaia di destinatari DACA con sovvenzioni per l'assistenza a pagamento, per assicurarsi che il costo non fosse un ostacolo alla protezione. Sappiamo che DACA è cruciale, ma volevamo sentirlo direttamente dai nostri clienti. Li abbiamo invitati in un sondaggio per:

  • Spiegare come DACA li ha aiutati (442 risposte)
  • Condividi storie su come DACA ha aiutato loro, la loro famiglia o la loro comunità. (363 risposte)
  • Condividi storie su come l'annuncio dell'amministrazione di porre fine al DACA ha avuto un impatto su di loro, sulla loro famiglia o sulla loro comunità. (379 risposte)

60%+ hanno detto che DACA li ha aiutati a ottenere lavori di migliore qualità

DACA è stato determinante nell'aiutare i nostri clienti ad accedere a migliori opportunità professionali, dall'ottenere lavori di migliore qualità al perseguire obiettivi di carriera e opportunità educative. I beneficiari di DACA hanno detto di aver trovato lavori con una paga migliore e migliori condizioni di lavoro, di aver aperto imprese o di aver avuto opportunità di carriera soddisfacenti a lungo termine. Per esempio, una cliente, una ventenne del Texas, ci ha raccontato come DACA le abbia permesso di ottenere un numero di previdenza sociale, aprendole la porta a una carriera da infermiera. DACA mi ha aiutato a perseguire la mia carriera di infermiera. Ho partecipato a un programma CNA al liceo, ma dopo il diploma non ho potuto fare l'esame perché non avevo un numero di previdenza sociale. Dopo essere stata qualificata per il DACA, sono stata in grado di ottenere la mia licenza CNA, lavorare come CNA e ora continuare i corsi universitari per diventare un RN.– 20 anni, Texas

 

 

64% ha detto che DACA li ha aiutati a sostenere meglio le loro famiglie

Con una media di 4 persone per famiglia, migliori posti di lavoro e opportunità di istruzione significano famiglie più stabili. Sono il maggiore di quattro figli. Mio padre faceva lavori saltuari per assicurarsi che fossimo stabili. Dopo aver ricevuto il DACA, mi sono diplomato, ho avuto la possibilità di andare al college e ora ho un lavoro ben pagato per poter aiutare mio padre a mantenere la nostra famiglia. Siamo passati dall'avere a malapenadi avere quello di cui abbiamo bisogno un po' di più e tutto grazie a DACA". – 20 anni, California

48% ha detto che DACA ha dato loro un maggiore senso di appartenenza agli Stati Uniti.

Non è una sorpresa che i destinatari di DACA sperimentino la vita negli Stati Uniti sia come insider che come outsider - integrati nella società fino a un certo punto ma non in grado di avere le stesse opportunità e privilegi dei loro coetanei. Ricevere la protezione legale e della forza lavoro ha spesso aiutato a sbloccare sogni e obiettivi. DACA mi ha dato più fiducia in me stesso. Mi ha mostrato che le opportunità sono proprio lì, tutto quello che devo fare è lavorare sodo e prosperare per quello che voglio diventare. DACA è un alleato per gli studenti senza documenti. Non solo mi sento al sicuro con DACA, ma mi ha anche dato molta forza per non arrendermi, – 19 anni, California

 

Con la minaccia di perdere DACA, i clienti sono molto preoccupati di perdere tutto nella loro casa e di dover ricominciare da capo

Centinaia di persone hanno scritto risposte su quanto sarebbero tangibili le loro perdite: perdita di stabilità finanziaria, lavoro, istruzione, tranquillità, o un senso di fiducia e appartenenza. Le persone sono preoccupate di come lotterebbero per adattarsi alla cultura e imparare la lingua del loro paese di nascita, se dovessero partire. 

Eppure, molti hanno espresso resilienza e positività, esprimendo fiducia nella forza delle loro comunità e la certezza di poter trovare opportunità in ciò che li aspetta, come questo 24enne della California:

"A proposito di tutti gli 800.000 sogni e richiedenti DACA, noi non abbiamo paura. Non ci arrendiamo così facilmente. Noi rappresentiamo il futuro di questo paese. Noi siamo gli Stati Uniti e stiamo aiutando questa nazione del primo mondo ad avere successo economicamente e finanziariamente. Abbiamo lavorato duramente per essere dove siamo in questo momento. I nostri genitori hanno lasciato tutto per noi per avere un futuro migliore, una migliore educazione, una vita migliore. La decisione [di rescindere il DACA] ci ha reso più forti che mai e ci ha dato lo strumento per non smettere di raggiungere i nostri obiettivi."

DACA: 44 Stati e 70 paesi

Nel settembre 2017, MAF ha lanciato il più grande programma di assistenza tariffaria DACA della nazione che serve 7.600 Dreamers in tutto il paese. In una serie di post sul blog, condivideremo informazioni su chi abbiamo servito e cosa stiamo imparando sulle vite finanziarie dei destinatari DACA dopo aver lanciato un sondaggio a migliaia di clienti DACA.

Il programma di assistenza DACA a pagamento della MAF ha sostenuto 1 su 10 destinatari DACA in California nell'autunno 2017

Quando l'attuale amministrazione ha annunciato la fine di DACA, MAF ha fatto perno per rispondere a un bisogno urgente. In pochi giorni, abbiamo lanciato un Programma di assistenza per le tasse di rinnovo DACA per fornire sovvenzioni di $495 agli individui idonei a rinnovare il loro permesso di lavoro DACA entro la scadenza del 5 ottobre. Entro 4 settimane, abbiamo aiutato 5.078 destinatari DACA (entro gennaio 2018 questo numero è salito a 7.600). A settembre e ottobre 2017, abbiamo aiutato quasi il 7% di tutti coloro che hanno presentato una domanda all'USCIS per rinnovare il loro DACA - e 1 su 10 destinatari DACA che vivevano in California.

Abbiamo fornito un aiuto d'emergenza ai clienti più bisognosi: 89% dei richiedenti l'assistenza DACA 2017 provenivano da famiglie a basso reddito

Rispecchiando il distribuzione nazionale di tutti i destinatari DACAIl 57% dei clienti MAF che abbiamo servito nel 2017 si identificano come donne e il tipico destinatario dell'assistenza a pagamento aveva 23 anni. Circa 89% dei destinatari provenivano da famiglie a basso reddito¹; il reddito familiare annuale mediano era $24.000 per una famiglia di 4 persone.

Conosci i destinatari dell'assistenza DACA 2017 del MAF:

I destinatari DACA serviti provenivano da 44 stati e da 71 paesi:

 

Ascoltare la comunità è fondamentale per una buona progettazione del programma

Anche se il programma di assistenza a pagamento DACA era limitato nel tempo, sapevamo di voler continuare a costruire programmi per sostenere questa comunità di beneficiari DACA e le loro famiglie. Oltre a raccogliere dati demografici per ogni cliente, abbiamo condotto un sondaggio² - in inglese e in spagnolo - su tutti i 5.078 richiedenti assistenza a pagamento che hanno fatto domanda nel 2017 per capire meglio le loro esigenze emergenti.

Questo sondaggio si basa su ricerche passate e approfondisce i bisogni e le aspirazioni finanziarie

Basandosi su una ricerca passata sui destinatari DACA condotta da Tom Wong e Uniti sogniamoIl nostro sondaggio è stato progettato per porre domande ai candidati per conoscere:

  • Come li ha aiutati ricevere DACA
  • Come i nostri intervistati hanno usato DACA per sostenere le loro famiglie
  • Le principali preoccupazioni finanziarie dei candidati per se stessi e le loro famiglie
  • Le aspirazioni personali, finanziarie e di carriera dei nostri intervistati
  • Esperienza e feedback dei candidati su diversi aspetti del programma MAF

Alla fine del periodo di indagine di 2 settimane, abbiamo ricevuto 447 risposte per un tasso di risposta dell'8,8%. Circa il 6% di queste risposte (26 risposte) erano in spagnolo.

In generale, gli intervistati del nostro sondaggio corrispondono perfettamente alla nostra popolazione di candidati, con alcune eccezioni. Simile a altri sondaggi online di questa comunitàAbbiamo ricevuto un tasso di risposta più alto tra le donne: 63% delle persone che hanno risposto al nostro sondaggio erano donne, rispetto ai 57% dei clienti del MAF. Abbiamo anche avuto la tendenza a ricevere più risposte da un gruppo di età leggermente più avanzata: Il 55% di coloro che hanno risposto al sondaggio avevano più di 23 anni rispetto al 45% dei clienti del MAF.³

Condividere intuizioni significa usare le voci della comunità per far progredire i servizi finanziari

Questo sondaggio ci ha dato una ricca conoscenza dei candidati al nostro programma - i loro sogni e le loro paure. Nei seguenti post del blog, condivideremo le intuizioni che abbiamo sentito e i dati che abbiamo raccolto. Abbiamo anche usato i dati per informare il nostro lavoro. Siamo entusiasti di condividere queste intuizioni come parte della nostra strategia continua di ascoltare le comunità che serviamo - e condividere le loro storie con i partner con cui lavoriamo. Nei prossimi post del blog, imparerete di più su come i nostri programmi stanno soddisfacendo i bisogni che abbiamo scoperto attraverso la ricerca.

Sulla base di questi dati del sondaggio, stiamo lanciando nuovi programmi per aiutare i clienti ad accedere a un'occupazione di qualità, a pagare le spese per la domanda d'immigrazione e a costruire credito e sicurezza finanziaria.

 

¹ "Reddito basso" qui significa che il reddito familiare del beneficiario è inferiore a 80% del reddito medio di area per le famiglie della stessa dimensione nella loro contea. I dati per il reddito mediano di zona provengono dal Department of Housing and Urban Development del 2017 database.
² Abbiamo condotto il sondaggio nell'ottobre 2017 con uno strumento di 12 domande che includeva otto domande a risposta chiusa e quattro domande aperte. Abbiamo inviato una mail iniziale a tutti i clienti e una mail di follow-up per ricordare a coloro che non avevano completato il sondaggio.
³ Stiamo riportando solo su statisticamente significativo differenze con almeno un dimensione media dell'effetto.

#HereToStay: Annuncio dei nuovi programmi di prestito per l'immigrazione della MAF

Mission Asset Fund è entusiasta di lanciare nuovi prestiti a tasso zero per la costruzione del credito, disponibili in tutta la California, per coprire le spese di deposito presso l'USCIS per la cittadinanza statunitense ($725), i rinnovi DACA ($495), le carte verdi ($1.225), lo status temporaneo protetto ($495) e la petizione per parenti immigrati ($535). Gli individui idonei possono fare domanda ora su bit.ly/MAFheretostay

Siamo stati ispirati dalle intuizioni che abbiamo raccolto dalla nostra comunità

Nel corso degli anni, abbiamo mantenuto l'impegno di costruire programmi progettati da e per la nostra comunità.

Più recentemente, in seguito alla decisione dell'amministrazione di rescindere il programma Deferred Action for Childhood Arrivals (DACA) nel settembre 2017, abbiamo risposto a un'emergenza finanziaria molto immediata quando le famiglie si sono date da fare per trovare l'$495 necessario per coprire la tassa di deposito USCIS. Nel corso di alcuni mesi, siamo stati in grado di emettere oltre 7.500 sovvenzioni per i destinatari DACA per un totale di $3.8M+ in tutto il paese per coprire la tassa di rinnovo USCIS. Abbiamo anche continuato il nostro lavoro di coaching finanziario presso i consolati messicani di San Francisco e San Jose, e siamo in procinto di lanciare diverse nuove applicazioni mobili e risorse come il nostro Piano d'azione di emergenza finanziaria per gli immigrati.

 

 

Attraverso il nostro lavoro con le comunità di immigrati nell'ultimo anno, abbiamo approfondito la nostra comprensione delle principali preoccupazioni e priorità finanziarie per gli individui, indipendentemente dallo status di immigrazione. Abbiamo imparato l'importanza della sicurezza finanziaria e dell'accesso al capitale nei momenti di emergenza. Abbiamo appreso l'onere finanziario che le tasse di deposito dell'USCIS possono rappresentare per le famiglie, impedendo a un gran numero di individui idonei di assicurarsi la protezione dell'immigrazione. Abbiamo appreso la necessità di un lavoro sicuro e stabile per gli individui per coprire le spese di vita di base e provvedere alle loro famiglie.  

Abbiamo usato queste intuizioni per informare il prossimo capitolo del nostro lavoro. Se siete interessati a saperne di più sulle intuizioni della nostra ricerca, rimanete sintonizzati per una serie di blog del nostro team di ricerca e sviluppo che descrive in dettaglio alcuni dei nostri risultati chiave da un sondaggio che abbiamo condotto con i destinatari DACA.   

Per saperne di più sui programmi e spargere la voce

Siamo entusiasti di iniziare a offrire una serie di nuovi programmi di prestito in California che facilitano i percorsi per la protezione dell'immigrazione e il lavoro stabile per gli individui e le loro famiglie.

 

 

Ecco alcuni passi successivi che potete fare:

1. Guarda la registrazione del nostro webinar.

Scopri di più sul processo di iscrizione e su come fare domanda. Condividi il video con la tua comunità e con altre organizzazioni non profit in tutta la California!

2. Se vivi in California, richiedere un prestito per finanziare la sua domanda all'USCIS.

Hai bisogno di aiuto per finanziare la tua tassa di domanda USCIS per la cittadinanza statunitense, il rinnovo DACA, la carta verde, la petizione per parenti o lo status temporaneo protetto? Applicare qui se vivi in California.

3. Diffondere la parola sui social media.

Dillo ai tuoi amici e familiari e pubblica uno di questi immagini su questi nuovi programmi su Facebook, Twitter o Instagram.

Vogliamo che la nostra comunità sappia che MAF è #HereToStay. Non dimenticate di seguirci su Facebook, Twitter, e Instagram per rimanere nel giro dei nostri nuovi programmi.

Come MAF ha lanciato la più grande campagna di rinnovo DACA in 3 giorni

L'amministrazione Trump ha messo fine al DACA il 5 settembre 2017, accendendo un'ondata di angoscia e paura nelle comunità di tutto il paese. Dal 2012, centinaia di migliaia di giovani sono usciti dall'ombra per iscriversi al programma DACA sperando che quello sarebbe stato il primo passo per diventare partecipanti a pieno titolo negli Stati Uniti, il paese che molti conoscono come loro unica casa. Nonostante la nuvola scura di incertezza nelle loro vite, i giovani immigrati si stanno alzando, pieni di speranza. Stanno organizzando il movimento di giustizia sociale della nostra generazione, sostenendo un DREAM Act che darebbe ai giovani immigrati un percorso verso la cittadinanza, e spingendo per una riforma globale dell'immigrazione per aiutare anche i milioni di immigrati senza documenti.

Mi stavo imbarcando su un volo alle prime luci dell'alba per Los Angeles quando l'amministrazione Trump ha annunciato la fine del programma Deferred Action for Childhood Arrivals (DACA).

Dal 2012, questo programma ha fornito ai giovani immigrati senza documenti portati negli Stati Uniti da bambini - comunemente chiamati "Dreamers" - protezione dalla deportazione e permessi di lavoro. Scorrendo i titoli dei giornali, sapevo che sarebbe stata una giornata dura. Non solo l'amministrazione stava mettendo fine a DACA, ma lo stava facendo in un modo ridicolmente crudele. L'annuncio ha messo fine al DACA per i nuovi richiedenti - molti dei quali erano studenti delle scuole superiori che sognavano di perseguire l'istruzione superiore utilizzando il DACA - mentre dava a quelli già con DACA solo un mese per presentare le domande per rinnovare il loro status se la loro autorizzazione al lavoro finiva entro il 5 marzo 2018. I sognatori sono stati lasciati a conoscere l'annuncio da soli e a determinare se erano qualificati o meno.

154.000 Dreamers potrebbero estendere il loro status di protezione per altri due anni. Ma non hanno ricevuto nessuna lettera o telefonata. Non c'è stata nessuna campagna di sensibilizzazione per incoraggiarli a rinnovare.

Le comunità di immigrati e i sostenitori sono stati indignati dall'annuncio. Proteste sono scoppiate nelle città di tutto il paese. La gente era arrabbiata, e giustamente. Il nostro governo stava rompendo una promessa fatta dal presidente Obama che aveva radicalmente migliorato la vita degli 800.000 giovani immigrati iscritti al programma. Per anni il Congresso aveva riconosciuto la necessità di riformare il sistema d'immigrazione americano, ma non era riuscito a farlo, lasciando milioni di immigrati incapaci di uscire dall'ombra. DACA era una piccola soluzione temporanea per i giovani mentre aspettavamo che il Congresso sistemasse il nostro sistema rotto.

No official notification from the government

Nessuna notifica ufficiale da parte del governo

Dreamers say this is akin to psychological torture

I sognatori dicono che questo è simile alla tortura psicologica

Sessions announces DACA will end

Sessions annuncia la fine di DACA

Nel 2012, il presidente Obama ha dato l'ordine esecutivo per stabilire DACA, in base al quale il governo federale ha promesso di non deportare gli immigrati che sono stati portati negli Stati Uniti prima del loro 16° compleanno, erano iscritti a scuola, si erano diplomati, o erano veterani della Guardia Costiera o delle Forze Armate degli Stati Uniti congedati con onore. In cambio, i Dreamers si registrerebbero con il Dipartimento della Sicurezza Nazionale e fornirebbero loro tutte le loro informazioni personali. Come gli 800.000 Dreamers che si sono registrati per DACA, anche noi del MAF abbiamo creduto in quella promessa: che potessero vivere apertamente alla luce del sole.

Quando il presidente Obama ha creato DACA, abbiamo iniziato a fornire prestiti a tasso zero per finanziare l'alta tassa di domanda (ora $495). Abbiamo lavorato con oltre 1.000 Dreamers negli ultimi 5 anni. Per MAF, questo era personale.

Siamo stati testimoni dei benefici di DACA ogni giorno. Con DACA, abbiamo visto in prima persona che i nostri clienti sostenevano meglio se stessi e le loro famiglie accedendo a lavori più pagati. Hanno aperto conti bancari e iniziato a risparmiare. Da ogni punto di vista, DACA li ha spinti in avanti, liberando la loro energia creativa e il loro potenziale umano. Con DACA, alcuni dei nostri clienti si sono iscritti a scuola, sono diventati medici o infermieri. Altri, come GustavoSi è assicurato un lavoro meglio retribuito. Ha smesso di pulire le case ed è riuscito a trovare lavoro come cassiere della banca Wells Fargo che serve la comunità latina

Ho passato il giorno successivo a Los Angeles, rispondendo alle e-mail e cercando di pensare ai prossimi passi. Giovedì mattina, ero di nuovo nell'ufficio del MAF dove abbiamo avuto la nostra prima riunione dello staff post-annuncio. Abbiamo parlato delle nostre opzioni, cercando di capire come procedere. Non fare nulla non era un'opzione. Senza sapere esattamente come, quella mattina abbiamo deciso di aiutare quanti più Dreamers possibile a rinnovare il loro status.

I sognatori avevano solo quattro settimane per rinnovare prima della scadenza del 5 ottobre, quindi ogni minuto era importante. Con questo in mente, abbiamo accettato di offrire prestiti a tasso zero, ma su una scala molto più grande che mai. Stavamo andando a livello nazionale con questi prestiti. Questa sarebbe stata un'enorme sfida operativa per noi per due motivi. In primo luogo, fino a questo punto, avevamo finanziato solo le spese per la domanda DACA per i Dreamers in California. Secondo, anche se MAF è un'organizzazione nazionale, lavoriamo attraverso una rete di partner senza scopo di lucro per servire i clienti al di fuori della California. Per motivi di efficienza, avevamo bisogno di raggiungere e servire direttamente i clienti in tutti gli Stati Uniti, indipendentemente dalla geografia, per la prima volta.

Abbiamo fissato l'obiettivo di finanziare 1.000 domande in 30 giorni - lo stesso numero di prestiti che avevamo fornito negli ultimi cinque anni.

Ho iniziato a contattare i finanziatori per sollecitare il sostegno al nostro nuovo fondo di prestito. Avevamo bisogno di $500.000, e velocemente. Mentre io lavoravo ai telefoni per i finanziamenti, i membri dello staff del MAF lavoravano furiosamente per rendere operativo il nuovo fondo prestiti. Il nostro team di comunicazione ha costruito un nuovo sito web appositamente per i prestiti di rinnovo DACA, completo di un orologio che tracciava il numero di minuti rimasti prima della chiusura della finestra per richiedere il rinnovo. Il nostro team tecnico ha semplificato la nostra domanda di prestito esistente, eliminando tutte le informazioni che non erano assolutamente essenziali per elaborare le richieste di prestito, e ha costruito un sistema per rivedere e confermare rapidamente l'idoneità di un richiedente a rinnovare in questo momento.

Entro la fine di quella prima settimana, avevamo assicurato un milione di dollari di impegni dalla Fondazione Weingart, dalla Fondazione James Irvine, dalla Fondazione Chavez Family e dalla Comunità Tipping Point. Con il loro sostegno, abbiamo raddoppiato il nostro obiettivo originale e abbiamo puntato ad aiutare 2.000 destinatari DACA a fare domanda di rinnovo. Era un obiettivo assurdamente ambizioso e rischioso, che poteva mettere le finanze del MAF in una potenziale crisi di liquidità. Ma dovevamo farlo. Se mai c'è stato un momento per mettere tutto in gioco, era ora.

 

Una settimana dopo l'annuncio della fine di DACA, eravamo pronti a lanciare il nuovo fondo di prestito. Mancavano 21 giorni alla scadenza.

La mattina di martedì 12 settembre, abbiamo inviato una serie di e-mail e comunicati stampa a media, colleghi, finanziatori e attivisti per i diritti degli immigrati. Quel giorno mi trovavo nel New Jersey e mi stavo preparando a tenere un discorso più tardi la sera stessa, quando ho ricevuto una telefonata da Fred Ali, l'amministratore delegato della Fondazione Weingart, che ci chiedeva di considerare la possibilità di offrire sovvenzioni invece di prestiti. Sosteneva che l'urgenza e la gravità della situazione richiedevano sovvenzioni e che i prestiti, anche a tasso zero, avrebbero costituito una barriera per alcuni Dreamers. Ero riluttante a fare il cambiamento subito dopo aver lanciato la campagna, ma sentire il suo impegno a lavorare con noi ha reso più facile fare il passo. Grazie a Fred, si è aperta una nuova strada per noi.

Ho subito chiamato il team di leadership del MAF e abbiamo concordato di rivedere la nostra strategia. Abbiamo rilanciato la campagna più tardi quel giorno, offrendo $495 borse di studio ai destinatari DACA che dovevano rinnovare. Entro giovedì 14 settembre, solo due giorni dopo il lancio della campagna, abbiamo ricevuto più di 2.000 domande. Il sito web della campagna si è brevemente bloccato a causa del traffico intenso. Eravamo estasiati dalla risposta, ma l'interesse travolgente ha creato una serie di nuove sfide operative. In primo luogo, c'era una possibilità molto reale che avremmo finito i soldi. Parte del problema era la tempistica. Mentre ci eravamo assicurati impegni da parte dei finanziatori, non avevamo ricevuto il denaro sul nostro conto bancario. Abbiamo dovuto anticipare il denaro operativo generale del MAF mentre i finanziatori lavoravano attraverso i loro processi di approvazione ed erogazione.

A sole 48 ore dall'inizio della campagna, i primi 2.000 richiedenti avevano già reclamato tutti i $1.000.000 di fondi DACA.

Ricordo le conversazioni con il mio team di leadership su come procedere come alcune delle più snervanti dell'intera campagna. Stavamo letteralmente guardando l'orologio, contando le ore che mancavano all'esaurimento dei fondi. Quella notte, abbiamo considerato di chiudere il programma. Molto rapidamente, avevamo raggiunto il nostro obiettivo di aiutare 2.000 Dreamers, che era già il doppio di quello che avevamo inizialmente previsto. Ma la verità era che non potevamo fermarci. La fine di DACA era un'emergenza nazionale, e ci siamo rifiutati di abbandonare la nostra comunità nel bel mezzo di essa.

Abbiamo considerato di tornare ai prestiti a tasso zero. Ma non volevamo fare neanche questo. Sarebbe stato estremamente complicato e confuso. Invece, abbiamo cambiato la nostra messaggistica per alleviare un po' di pressione. Abbiamo iniziato ad incoraggiare i richiedenti a considerare la possibilità di chiedere sostegno ad amici o familiari prima di richiedere fondi alla MAF. Confidavamo che coloro che potevano auto-selezionarsi dal processo lo avrebbero fatto, riducendo così la domanda e aumentando la probabilità di assistere i più bisognosi. Eravamo d'accordo che avrei lavorato al telefono per spingere per ottenere più fondi.

Mohan printing hundreds of checks

Mohan che stampa centinaia di assegni

The "Situation Room" in action

La "Situation Room" in azione

Dina, a special ed teacher, picks up her check

Dina, un'insegnante di educazione speciale, ritira il suo assegno

Alla fine, nel corso della campagna abbiamo raccolto $4 milioni di dollari, otto volte di più del nostro obiettivo iniziale. Anche se mi piacerebbe dire che il denaro è stato una risposta alle mie eccezionali capacità di raccolta fondi, non è stato così.

I finanziatori hanno capito l'urgenza della situazione, e molti di loro sono stati in grado di accelerare i loro processi di approvazione - che di solito richiedono mesi - in poche ore o giorni. Anche Fred Ali lavorava al telefono; ha contattato i suoi colleghi di altre fondazioni, garantendo per noi e chiedendo loro di considerare di sostenere la campagna. E come Fred, avevamo tanti altri finanziatori che lavoravano dietro le quinte, chiamando colleghi e alleati che sapevano che si sarebbero preoccupati e avrebbero potuto impegnarsi rapidamente. Molti di loro hanno contribuito al fondo per il rinnovo, aumentando il nostro obiettivo di aiutare 6.000 Dreamers a rinnovare il loro status DACA. A parte le sfide di finanziamento e di flusso di cassa, ci siamo trovati di fronte a una serie di grandi sfide operative.

In teoria, il processo di consegna dei fondi ai richiedenti era semplice. Il MAF faceva un assegno al Dipartimento della Sicurezza Nazionale per $495 e lo spediva al richiedente, che lo includeva nel suo pacchetto di domanda. Ma in pratica, ci siamo scontrati con un muro dopo l'altro. Per cominciare, c'era la questione di come tagliare così tanti assegni così velocemente. Durante i primi giorni della campagna, quando ricevevamo più di 800 domande al giorno, io ero in viaggio per lavoro e il nostro direttore operativo era in Cile. Poiché siamo le uniche due persone autorizzate a firmare gli assegni MAF, questo ha creato un collo di bottiglia immediato.

Il nostro primo workaround era un timbro per la firma. Aparna Ananthasubramaniam, direttore della ricerca e della tecnologia, ha confermato che la nostra banca avrebbe riconosciuto un timbro e mi ha fatto accettare l'idea in pochi giorni, ma anche questo era troppo lento.

 Con centinaia di richieste che arrivavano ogni giorno, e vedendo il nostro obiettivo passare da 3.000 a 4.000, e poi finalmente a 6.000 rinnovi, avevamo bisogno di trovare un'alternativa migliore.

Nel giro di pochi giorni, abbiamo esternalizzato il compito a un processore terzo per gestire la maggior parte del lavoro, permettendoci di concentrarci sul processo di approvazione e sulle domande che avevano bisogno di attenzione individuale. Questo è stato un enorme peso sulle nostre spalle. Proprio come per il taglio degli assegni, la spedizione sembrava semplice, ma si è rivelata enormemente difficile. Prima di questa campagna, MAF non aveva mai comunicato principalmente con i clienti tramite posta ordinaria. Di conseguenza, non avevamo molta esperienza nell'invio di grandi volumi di posta, e non ci siamo resi conto che è sia un'arte che una scienza, finché non è stato quasi troppo tardi.

Il nostro piano originale era di inviare gli assegni per posta prioritaria. Per fare questo avevamo bisogno delle appropriate buste di "posta prioritaria", che sono disponibili per l'acquisto in ogni ufficio postale. Così, il primo giorno, Mohan Kanungo, direttore dei programmi e dell'impegno, si è recato all'ufficio postale più vicino per comprare le forniture. Tuttavia, non c'erano abbastanza buste per le centinaia di assegni che dovevamo spedire. Così, ha guidato fino ad un altro. E poi un altro ancora.

Presto, il personale del MAF e i loro cari stavano guidando in tutta la Bay Area per razziare le forniture dell'ufficio postale. Ad un certo punto, Mohan ha addebitato $2.400 dollari di materiale postale sulla sua carta di credito personale.

Non poteva usare una carta aziendale perché l'aveva data a un collega del MAF che la stava usando per acquistare forniture in altri uffici postali. Dato che eravamo nuovi alle spedizioni di massa, non sapevamo nemmeno che c'è un modo specifico in cui si dovrebbe fare. Il personale del MAF si è presentato con enormi scatole di buste, immaginando che le avremmo spedite come faremmo con qualsiasi altra lettera. Si è scoperto che il nostro metodo era estremamente inefficiente perché l'ufficio postale non aveva modo di processare le buste in blocco. Piuttosto, ognuna doveva essere processata individualmente, il che richiedeva circa 1 - 2 minuti, il che significava che spedire centinaia di buste poteva richiedere ore.

Nessuno era felice di questo. Gli impiegati postali erano frustrati per l'enorme inconveniente che causava loro, perché anche loro erano a corto di personale. Anche noi eravamo arrabbiati con noi stessi. Il personale del MAF doveva rimanere all'ufficio postale per ore mentre ogni lettera veniva elaborata. Era tempo che non avevamo. Presto gli impiegati postali cominciarono semplicemente a rifiutarsi di elaborare i nostri invii. Il personale veniva respinto in un ufficio postale e guidava fino ad un altro nella speranza di poterlo spedire da lì. Oppure dividevano un grande invio in un paio di più piccoli che sarebbero stati meno onerosi da elaborare, e li facevano uscire in questo modo

Tara Robinson, Chief Development Officer, ha chiamato l'ufficio locale del rappresentante regionale del Servizio Postale degli Stati Uniti, dove ha parlato con una donna nel dipartimento della rete dei servizi commerciali. Tara le ha chiesto: "Sai dei Dreamers?". Lei ha risposto: "Sì!". Dopo aver spiegato cosa stava facendo la MAF e perché c'era così tanto tempo a disposizione, l'impiegata delle poste è entrata in azione. Abbiamo trovato il nostro avvocato. Quello stesso giorno, ha organizzato una conferenza telefonica con i supervisori di numerosi uffici postali della zona, durante la quale li ha istruiti ad accettare tutti gli invii della MAF. Il nostro shero postale ha spiegato come creare un manifesto per la nostra posta in modo che i lavoratori postali potessero scansionare tutte le nostre buste in blocco invece che individualmente. Ha anche fornito il nome e il numero diretto del Postmaster General se avessimo avuto altri problemi.

Ad alimentare la nostra ansia c'era il fatto che avevamo promesso ai richiedenti una risposta entro 48 ore dalla presentazione della domanda iniziale.

Inizialmente, pensavamo che 48 ore fosse un tempo relativamente veloce. Ma in un momento di crisi, 48 ore possono sembrare un'eternità. Il nostro ufficio è stato costantemente inondato di chiamate, e-mail, messaggi su Facebook e visite di persona, da parte dei richiedenti che volevano confermare che avevamo ricevuto la loro richiesta e volevano sapere quando aspettarsi l'assegno.

Ogni singola persona dello staff rispondeva al telefono e rispondeva alle domande, me compreso. Eravamo tristemente a corto di personale per far fronte al volume di richieste che stavamo ricevendo e abbiamo deciso che avevamo bisogno di una serie di comunicazioni più trasparenti e robuste con i nostri candidati. Aparna ha redatto una serie di e-mail che sarebbero state inviate automaticamente ai candidati man mano che la loro domanda si faceva strada nel nostro processo. Una mail veniva inviata per confermare la ricezione della domanda; un'altra veniva inviata per confermare che avevamo tutto il materiale necessario per esaminarla; una terza veniva inviata per confermare che era stata approvata; e un'ultima mail veniva inviata per confermare quando aspettarsi l'assegno. Abbiamo anche creato un'altra e-mail automatica per dire ai richiedenti di aspettarsi presto un'altra e-mail con le informazioni di monitoraggio. Sembra esagerato, ma queste comunicazioni via e-mail hanno notevolmente ridotto il volume delle chiamate.

Mentre le comunicazioni automatizzate hanno aiutato a ridurre significativamente il volume delle chiamate e delle e-mail che abbiamo ricevuto, siamo rimasti gravemente sotto organico rispetto al carico di lavoro. Abbiamo assunto personale temporaneo, ma ci siamo subito resi conto che non avrebbe funzionato a causa della natura delle informazioni altamente sensibili che stavamo elaborando. Così, ci siamo rivolti ai nostri amici e colleghi, tra cui La Cocina, e altri alleati chiave di Salesforce e Tipping Point, che hanno esonerato il personale dal lavoro e lo hanno mandato nel nostro ufficio a fare volontariato.

Poi l'ufficio del governatore di Washington ci ha contattato e ha detto: "Abbiamo sentito che siete il fornitore nazionale di borse di studio DACA. Abbiamo un donatore anonimo nello stato di Washington. Potete elaborare $125.000 di borse di studio per i nostri residenti?".

Centinaia di organizzazioni - piccole e grandi - ci hanno aiutato a diffondere la parola. C'erano video, meme, vlogger e persino una lotteria sui social media sponsorizzata dalla Clever Girls Collaborative. Il presidente dell'Università della California ha inviato diversi comunicati stampa e messaggi sui social media per informare gli studenti delle borse di studio, così come il presidente dei California Community Colleges. Senza sollecitazione da parte del nostro team, alcuni finanziatori ci hanno contattato chiedendoci come potevano sostenere l'iniziativa. In tutto il paese, gruppi per i diritti degli immigrati e organizzazioni di assistenza legale con cui non avevamo mai lavorato prima stavano pubblicizzando il nostro fondo di rinnovo ai loro clienti.

Diffondere la parola oltre la Bay Area è stato importante perché molte di queste organizzazioni operavano in comunità che mancavano di supporto per i Dreamers, sia a causa del clima politico locale o perché erano in zone rurali e isolate, come Mississippi e Utah. Attribuiamo gran parte della nostra capacità di raggiungere queste comunità alle incredibili risposte dei media e dei social media. La campagna ha ricevuto più di 1.000.000 di visite sui social media e più di 100 menzioni sui media, compresa la copertura in New York Times, NPR, e Washington Post, tra le altre uscite di rilievo.

Siamo stati umiliati nel dare $3.8M a 7.678 Dreamers - rendendo questo il più grande fondo di rinnovo DACA nella nazione.

Nell'autunno del 2017, il MAF ha fornito $2.513.610 per finanziare 5.078 domande di rinnovo DACA in 46 stati - cioè il 6,7% di tutte le domande di rinnovo presentate. Ciò significa che abbiamo finanziato un sognatore su dieci nello stato della California che ha fatto domanda di rinnovo, compreso il 16% di tutti i richiedenti nella Bay Area. E nel gennaio 2018, giorni dopo L'ingiunzione del giudice distrettuale William AlsupIl MAF ha emesso altre 2.600 borse di studio per i Dreamers.

Come mi ha detto un avvocato della Bay Area, "Ancora e ancora e ancora, i Dreamers sono entrati nei nostri uffici per richiedere un rinnovo con un assegno MAF in mano".

Negli ultimi mesi, tutti noi del MAF abbiamo passato molto tempo a riflettere sulla campagna, pensando a cosa ha funzionato, cosa no, e come l'esperienza dovrebbe modellare il nostro lavoro in futuro. La campagna è una vittoria agrodolce. In termini di impatto, abbiamo superato le nostre ambizioni più selvagge. Siamo stati un faro di amore e sostegno per gli immigrati in un momento in cui molti dei nostri amici, famiglie e clienti si sentivano sotto attacco. Tuttavia, come organizzazione abbiamo lottato per celebrare la campagna perché rappresenta la fine di DACA. Crediamo in un'America che è molto meglio di questa, e rimaniamo sbalorditi e assolutamente lividi che l'amministrazione Trump abbia messo fine al DACA senza offrire una soluzione legislativa permanente, lasciando milioni di giovani immigrati e le loro famiglie nell'angoscia. Vivere con questo tipo di dolore è difficile. Per tutta la tristezza e il disgusto che abbiamo provato in risposta alle azioni dell'amministrazione Trump, abbiamo anche scoperto una risoluzione più profonda e potente. Mentre so che ogni MAFista ha portato via qualcosa di personale da questa esperienza, condividiamo queste lezioni generali:

1. Il tempismo è tutto.

Le soluzioni collaudate - per quanto grandiose - non sono sempre la soluzione *giusta* per ogni situazione. Abbiamo lanciato il nostro fondo con i prestiti perché fare prestiti è quello che facciamo, e lo facciamo bene. Ma data l'urgenza della crisi DACA - quando non avevamo tempo per affrontare anche il più modesto dei processi di sottoscrizione - i prestiti semplicemente non erano il prodotto giusto. All'inizio, eravamo così immersi nella nostra storia che non potevamo vedere oltre i prestiti. C'è voluto un esterno per aprire la porta alla possibilità delle borse di studio. Tuttavia, una volta aperta quella porta, eravamo flessibili, pronti ad abbracciare l'approccio alternativo e a renderlo operativo rapidamente.

2. La tecnologia è fondamentale per scalare.

Più e più volte durante la nostra campagna, abbiamo risolto i colli di bottiglia e scalato i servizi con la tecnologia. Abbiamo coinvolto i richiedenti in tutto il paese creando una domanda online sicura attraverso il nostro CRM Salesforce che le persone potevano completare e presentare in pochi minuti. Abbiamo creato delle e-mail automatiche per tenere i Dreamers informati e impegnati durante tutto il processo di applicazione. Abbiamo esternalizzato il processo di taglio dei controlli ai clienti costruendo un database elettronico dei candidati che abbiamo inviato via e-mail al nostro processore di terze parti. Senza dubbio, senza la tecnologia, non potremmo risolvere gli ostacoli in tempo reale, e saremmo stati molto più limitati nella nostra capacità di raggiungere le comunità al di fuori della Bay Area.

3. La fiducia è imperativa per il successo.

I sognatori erano disposti a condividere le loro informazioni personali con MAF - nonostante il clima di paura in cui operavano - perché sapevano che eravamo - e siamo - dalla loro parte. Allo stesso modo, i finanziatori, compresi quelli che non avevano mai lavorato con noi, erano disposti a scommettere su di noi perché si fidavano dei loro colleghi che garantivano per noi. Allo stesso modo, le organizzazioni non profit ci hanno indirizzato i loro clienti sapendo che avremmo fatto bene per loro. Tutto questo è avvenuto velocemente e la fiducia è stata la chiave per il successo della campagna.

4. L'incertezza può essere tua amica.

Come organizzazioni non profit, pianifichiamo il nostro lavoro nel corso degli anni. Creiamo teorie di cambiamento, piani strategici e bilanci per dimostrare la nostra buona amministrazione e gestione fiscale. In tempi normali, queste pratiche provate e vere aiutano a segnare i nostri progressi verso il raggiungimento degli obiettivi. Ho capito. Ma non siamo in tempi normali. In momenti come questi, non importa quanto perfetti siano i nostri piani, il fatto è che il destino di milioni di famiglie è in bilico con il prossimo tweet incendiario di Trump. Non conosciamo davvero la natura, o la portata, della prossima crisi creata da Trump. Questo tipo di incertezza richiede la volontà e la capacità di prendere in considerazione il clima politico sempre mutevole, e cambiare le strategie programmatiche di conseguenza.

La lotta per la giustizia sociale è lunga. Ora abbiamo almeno altre 7.600 persone pronte ad unirsi alla battaglia.

DACA: Le storie dietro i controlli

Dopo il 5 settembre 2017, il MAF si è rapidamente mobilitato per fornire assistenza finanziaria ai destinatari DACA in tutta la nazione. La nostra campagna è stata ispirata dalla nostra convinzione che i destinatari DACA e le loro famiglie meritano l'opportunità di continuare a costruire il loro futuro in questo paese. Centinaia di beneficiari di borse di studio hanno condiviso con noi l'importanza di ricevere un assegno $495 dal MAF per rinnovare i loro permessi di lavoro. Le storie che abbiamo ascoltato hanno rafforzato l'ingiustizia della decisione dell'amministrazione di annullare il DACA. Ma ogni storia ha anche rivelato una forza più potente dell'ingiustizia: la speranza nel futuro.

7.000+ borse di studio. Più di 7.000 storie potenti. Ecco solo alcuni dei messaggi che abbiamo ricevuto:

Ramos:

"È davvero difficile risparmiare $495 mentre si ha l'affitto, le utenze, i costi del veterinario e altre bollette da pagare. Sto anche risparmiando per il college e le mie spese mediche. Ci preoccupiamo sempre e cerchiamo di aiutare gli animali abbandonati in difficoltà piuttosto che aiutare noi stessi. Voi ci aiutate ad avvicinarci ai nostri sogni e obiettivi che un giorno aiuteranno il mondo. Potrebbe volerci un'eternità, ma ho la speranza che raggiungeremo i nostri sogni".

Josue:

"Ho avuto un anno molto difficile lottando contro il cancro, e sono appena tornato al lavoro. Senza il vostro aiuto, sarebbe stato incredibilmente difficile mettere insieme quella somma di denaro in così poco tempo. Ancora una volta, grazie mille per il vostro aiuto e per tutto quello che continuate a fare per noi Dreamers il cui unico scopo è quello di vivere come tutti gli altri, perché anche noi siamo americani".

Ana:

"Ero molto stressato perché sapevo che la mia famiglia stava passando un momento difficile dal punto di vista economico, e la scadenza per presentare le nostre domande di rinnovo era molto vicina. Ero preoccupata per il mio futuro, e ho persino parlato con il mio consulente universitario di cosa sarebbe successo se avessi perso DACA. Per fortuna, il presidente della nostra scuola ci ha informato subito che la revoca del DACA non avrebbe avuto ripercussioni sugli studenti DACA della mia scuola. Subito dopo, ho compilato la domanda per la vostra borsa di studio".

Kevin:

"Io e il mio fidanzato eravamo molto preoccupati di non riuscire a rinnovare a causa dei soldi. Voi ci avete ispirato. Grazie per tutte le cose che state facendo. Mi fa sentire che ho una voce e che sono ascoltata".

Rosa:

"Sono uno studente che studia Scienze Politiche con un minore in Filosofia. Ho intenzione di frequentare la facoltà di legge in futuro. Faccio parte di una squadra di danza competitiva, ho un cane e faccio tre lavori, non solo per mantenermi finanziariamente ma anche per prepararmi ad una futura carriera. Potreste pensare che questo sia bizzarro, ma volevo solo aiutare a dare vita al nome a cui avete scritto un assegno. Volevo farvi sapere che il vostro lavoro va oltre l'assistenza finanziaria. Ci stai aiutando a sentirci sicuri e a perseguire i nostri sogni".

E noi #RiseUpAsOne

Comunicato stampa: 2.000 Dreamers riceveranno borse di studio per il rinnovo del DACA

PER IL RILASCIO IMMEDIATO
Contatto con i media:
(888) 274-4808 x206
marketing@missionassetfund.org

$1.000.000 Fondo annunciato per aiutare i sognatori a rinnovare il DACA entro il 5 ottobre

San Francisco, CA - 13 settembre 2017 - Mission Asset Fund (MAF) ha annunciato oggi che fornirà $1.000.000 in borse di studio a 2.000+ Dreamers per pagare i rinnovi DACA entro la scadenza del 5 ottobre.

La scorsa settimana, l'amministrazione Trump ha annunciato che il programma DACA (Deferred Action for Childhood Arrivals) sta finendo. DACA ha fornito sicurezza, protezione e sostentamento a 800.000 giovani comunemente noti come "Dreamers". Dei 154.000 Dreamers idonei a rinnovare i loro permessi DACA prima che il programma finisca tra sei mesi, la maggior parte sarà in grado di coprire da sola i costi della domanda. Per quei Dreamers che hanno i requisiti per il rinnovo ma non possono permettersi la tassa di domanda $495, MAF sta intervenendo con una soluzione ora disponibile a livello nazionale: borse di studio per aiutare i Dreamers a rinnovare il loro status DACA (LC4DACA.org).

Tra oggi e la scadenza del 5 ottobre, il MAF fornirà a 2.000 Dreamers borse di studio di $495 per rinnovare il loro permesso DACA. Il capitale per finanziare queste borse di studio proviene dal DACA Renewal Fund, lanciato questa settimana con il crescente sostegno della comunità filantropica.

"Siamo rimasti scioccati e inorriditi nell'apprendere che il presidente Trump ha messo fine al DACA", dice José Quiñonez, CEO del MAF e 2016 MacArthur "Genius" Fellow. Ha aggiunto: "Siamo entrati in azione quando abbiamo visto una piccola finestra di opportunità per aiutare migliaia di Dreamers a rinnovare il loro status di protezione. Il momento di aiutare questi giovani è ora".

I destinatari DACA con un permesso che scade tra oggi e il 5 marzo in tutta la nazione hanno diritto a ricevere le borse di studio. $500.000 del fondo è stato specificamente indirizzato agli studenti della California che frequentano i community college, le università statali della California e l'Università della California. Poiché il tempo è fondamentale, questa borsa di studio online sarà elaborata entro un giorno, con assegni dello stesso giorno disponibili a San Francisco e per posta durante la notte in altre parti del paese.

MAF ha una lunga storia di lavoro con i Dreamers e ha aiutato centinaia di persone a pagare le tasse per la domanda DACA usando un prestito con interesse 0%. Questa iniziativa, che offre borse di studio entro 24-48 ore ai Dreamers, si basa su questa esperienza di successo. I destinatari DACA con permessi in scadenza sono incoraggiati a visitare LC4DACA.org e applicare immediatamente.

I sostenitori filantropici di questo fondo includono: la Fondazione Weingart, la Fondazione James Irvine, la Fondazione Chavez Family e la Fondazione San Francisco.

Informazioni su MAF

Mfondo patrimoniale di issione (MAF) è un'organizzazione no profit 501c3 con la missione di aiutare le persone a diventare visibili, attive e di successo nelle loro vite finanziarie. Oltre 7.000 persone in tutto il paese hanno utilizzato i pluripremiati programmi di servizi finanziari di MAF per aumentare i punteggi di credito, pagare il debito e risparmiare per obiettivi importanti come diventare proprietario di una casa, studente o cittadino statunitense. MAF attualmente gestisce una rete nazionale di over 50 fornitori Lending Circles in 17 stati e Washington D.C.

Scuola di legge e tamales: DACA apre le porte a Kimberly


Con l'aiuto di Lending Circles for DACA, Kimberly sta finendo la sua laurea e preparando le sue domande per la scuola di legge - il tutto mentre aiuta sua madre e sua sorella a far crescere la loro azienda familiare di tamale.

È difficile non notare il chiosco di tamale di Ynes.

Nelle mattine dei giorni feriali in un tranquillo quartiere di Oakland, si trova tutta l'energia di un mercato di strada racchiusa in un piccolo carrello di cibo. "Stavo per fare colazione dall'altra parte della strada, poi vi ho visti tutti!" ha gridato uno dei clienti abituali di Ynes mentre si avvicinava al carrello.

Da anni Ynes e le sue figlie, Kimberly e Maria, vengono nello stesso posto a servire autentici tamales messicani. Ynes e suo marito si sono trasferiti a Oakland da Cabo San Lucas 20 anni fa per creare una nuova vita, con più opportunità per le loro giovani figlie.

Fin da piccola, Kimberly era determinata a sfruttare al massimo queste opportunità.

Kimberly è una delle molte migliaia di giovani che hanno usato Azione differita per gli arrivi di bambini (DACA) per frequentare il college e assicurarsi un lavoro. E lei è una delle centinaia che hanno usato Lending Circles per i DREAMers per finanziare le loro domande DACA.

Ma prima di DACA, molte porte erano chiuse per lei.

Da bambina, Kimberly ha lavorato duramente a scuola e alla fine si è diplomata con i voti necessari per andare in un'università di 4 anni. Ma poiché non era nata negli Stati Uniti, non aveva diritto ad aiuti finanziari e nemmeno a tasse universitarie statali. Invece, si è iscritta a un college comunitario locale che poteva permettersi di pagare di tasca propria.

Una sera, Kimberly ha visto un segmento su Univision che avrebbe cambiato tutto: un profilo di una no-profit locale che fornisce prestiti sociali per aiutare gli immigrati a costruire il credito e fare domanda per DACA. Sperando che questa potesse essere la chiave per la scuola dei suoi sogni, è venuta nel nostro ufficio per saperne di più.

Due anni fa, Kimberly si è unita al suo primo Lending Circle.

Subito dopo, ha trovato estremamente utile l'addestramento alla gestione finanziaria del MAF. "A scuola ti insegnano a fare problemi di matematica e a scrivere documenti, ma non ti insegnano il credito", ha detto. Poi, con il suo prestito Lending Circles e un $232.50 partita dal consolato messicano di SFHa fatto domanda per DACA ed è stata presto approvata.

Il suo nuovo status ha eliminato le barriere che la trattenevano dai suoi sogni.

Kimberly poté finalmente accedere agli aiuti finanziari di cui aveva bisogno per trasferirsi alla San Francisco State University. È stata assunta per due lavori part-time. E con un credito migliore, ha ottenuto un prestito per comprare nuove attrezzature per l'attività di famiglia: tavoli, sedie e tettoie per permettere ai clienti di sedersi e socializzare.

Oggi, Kimberly sta finendo la sua laurea in scienze politiche alla SFSU - e il suo secondo Lending Circle.

Sta restituendo alla sua comunità facendo volontariato all'East Bay Sanctuary Covenant, un'organizzazione che sostiene i rifugiati e gli immigrati nella Bay Area. Sta anche studiando per il LSAT e preparando le sue domande per la scuola di legge, lavorando per una carriera nell'immigrazione e nel diritto di famiglia.

E per tutto il tempo, aiuta sua madre a far crescere l'attività di carrello alimentare di famiglia.

Kimberly e sua sorella Maria sono ancora al fianco della madre e servono tamales a una clientela sempre più numerosa. Qual è il prossimo passo per l'azienda di famiglia? Con una storia di credito migliorata, stanno cercando un prestito più grande per espandere le loro operazioni con un secondo carrello alimentare. Infine, Ynes sogna di aprire un ristorante per portare i suoi deliziosi tamales a un numero ancora maggiore di clienti desiderosi e affamati.

Guardando avanti nel 2015


Stiamo approfondendo il nostro impegno nei confronti dei richiedenti Deferred Action e dei proprietari di imprese con nuovi programmi.

È un nuovo anno e abbiamo una serie di nuovi cambiamenti nella nostra programmazione nel 2015, mentre prendiamo provvedimenti per aiutare più persone a navigare nel mercato finanziario e realizzare il loro pieno potenziale economico.

Tassa d'iscrizione

Dopo il emanazione di SB 896 nell'agosto 2014, ora abbiamo il riconoscimento in California per i prestiti a tasso zero e per la costruzione del credito come strumento per il bene. Mentre scaliamo e ci espandiamo nella San Francisco Bay Area, la sostenibilità è un elemento chiave per la capacità di MAF di raggiungere più clienti. Al fine di continuare a fornire il livello di qualità del servizio e dei prodotti, a partire dal 2015, stiamo istituendo una piccola tassa di originazione di 5 a 7% per i clienti di MAF in California.

I nostri prestiti rimarranno ancora a tasso zero, ma questa nuova tassa sostenuta da SB896 ci permetterà di coprire i costi amministrativi dalla fornitura di educazione finanziaria, riportando i dati di pagamento agli uffici di credito, facilitando le transazioni, e assicurando i dati privati con la migliore tecnologia nel campo. Con questa nuova fonte di finanziamento, abbiamo intenzione di investire profondamente nella comunità e garantire che più persone siano in grado di partecipare al programma Lending Circles.

Siamo anche entusiasti di condividere alcuni nuovi programmi che usciranno quest'anno:

Lending Circles per Deferred Action

Con il presidente Obama recente azione esecutiva sull'immigrazionecirca 5 milioni di immigrati in più negli Stati Uniti hanno l'opportunità di richiedere la Deferred Action, un sollievo amministrativo dalla deportazione per gli immigrati senza documenti.

Alla MAF, abbiamo offerto due programmi specifici, Lending Circles per la cittadinanza e Lending Circles per i DREAMersper aiutare gli aspiranti cittadini e i giovani a finanziare il costo delle loro domande di cittadinanza e DACA. Siamo orgogliosi di approfondire il nostro sostegno agli immigrati che lavorano duramente con il lancio di Lending Circles per Deferred Action per includere i richiedenti previsti per il nuovo programma DAPA nei prossimi mesi. L'espansione di questo nuovo programma è resa possibile grazie a un PRI della Fondazione Rosenberg.

Lending Circles per Deferred Action prenderà il via a Los Angeles, grazie a una sovvenzione della Roy and Patricia Disney Family Foundation. Il programma sosterrà 300 richiedenti idonei per ridurre il costo della richiesta di Deferred Action di 33% - da $465 a $310. Fondazione messicana americana di opportunità, Centro dei lavoratori filippini e Centro risorse coreane sono i primi partner di Lending Circles ad offrire questo programma alla comunità.

E a San Francisco, stiamo collaborando con il Consolato messicano per sostenere i richiedenti di Deferred Action di origine messicana con un match 50%.

Lending Circles per il business

MAF ha molti membri Lending Circles che stanno costruendo o riparando il loro credito per investire nelle loro piccole imprese, così abbiamo creato Lending Circles per il business. Questo programma è specificamente focalizzato su aspiranti e attuali proprietari di imprese che hanno già completato un Lending Circle. I partecipanti otterranno un prestito anticipato che aiuta a costruire il credito e ad aprire le porte a opzioni di prestito più convenienti in futuro.

Guarda cosa sono alcuni dei i nostri membri imprenditoriali hanno realizzato finora per vedere quanto sia importante un buon credito per gestire un business di successo.

Se sei entusiasta di queste opportunità, assicurati di controllare di più su Lending Circles e iscriversi per partecipare!

Diamo il benvenuto a Carmen Chan, DREAMSF Fellow!


Carmen, una Dreamer del Venezuela, condivide la sua storia e il suo sogno di aiutare i giovani senza documenti.

Carmen Chan si è recentemente unita al team del MAF come Outreach Fellow attraverso il Ufficio per l'impegno civico e gli affari degli immigrati di San Francisco Borsa di studio DREAMSF. La DREAMSF Fellowship è un'opportunità per i giovani approvati dalla DACA di servire le comunità di immigrati di San Francisco mentre acquisiscono una preziosa esperienza professionale e di formazione. Siamo entusiasti di avere Carmen a lavorare con noi e vogliamo condividere un po' di lei attraverso un'intervista!

1.Cosa ti ha ispirato a fare domanda per la Dream SF Fellowship?

Stavo cercando qualcosa da fare durante l'estate e poi il mio consigliere accademico mi ha mandato un'e-mail sulla Dream SF Fellowship. Volevo anche fare qualcosa per la comunità senza documenti perché volevo scoprire che tipo di leader posso essere. Ho fatto domanda e sono stata accettata!

2. Parlaci un po' di te.

Sono nato e cresciuto in Venezuela. Mi sono appena laureata alla San Francisco State University con doppia specializzazione in storia e spagnolo. Ho frequentato la Everett Middle School e la Galileo High School a San Francisco. Sono venuta a San Francisco quando avevo 12 anni con i miei genitori. I miei genitori sono rimasti per una settimana e hanno deciso di lasciare me e mia sorella alle cure di mio zio. È stato difficile per me, perché ho dovuto ricominciare da capo. Volevo rimanere nel mio paese, perché la maggior parte dei miei familiari e amici vivevano lì.

Mi consideravo una persona di due mondi perché crescendo la cultura cinese era nel mio ambiente e una volta andato a scuola, la cultura venezuelana era molto importante. A casa, i miei genitori mi parlavano in cinese e le usanze e la religione erano molto importanti crescendo. Per esempio, il Capodanno cinese mia madre si svegliava presto e iniziava a preparare da mangiare. La mia cosa preferita era svegliarmi e sentire il profumo della cucina di mia madre, le buste rosse e i fuochi d'artificio. Inoltre, la cultura venezuelana era molto importante perché passavo molto tempo nelle case dei miei vicini. Mi ricordo di aver mangiato Arepas, Cachapas e Sancocho. A scuola, giocavo con i bambini del barrio. Ho anche imparato un sacco di slang venezuelano.

Il Venezuela è sempre in subbuglio. Il mio paese è diviso ancora oggi. Ricordo che quando ero un bambino ho perso molto tempo a scuola a causa delle proteste e degli scontri tra il partito di Hugo Chavez e l'opposizione. I miei genitori pensavano che l'opzione migliore fosse venire in America, studiare e migliorare la mia istruzione. La situazione politica in questo momento è peggiore di quando sono partito. I miei genitori non hanno nemmeno la carta igienica da usare o il pollo da mangiare. Mi sento davvero male per come è il paese in questo momento.

3. Quali sono alcune attività o progetti in cui sei stato coinvolto e di cui sei veramente orgoglioso?

Quando ero uno stagista di Pact, Inc, Ho aiutato una studentessa asiatica con i suoi aiuti finanziari. Facendo questo ho scoperto che era AB540 e lei era così sorpresa perché i suoi genitori non le avevano detto del suo status. L'AB540 è una legge dell'assemblea che è stata approvata nel 2001, che permette agli studenti senza documenti di pagare le tasse universitarie nello stato. Molti studenti senza documenti si chiamano AB540 per specificare il loro status.

Lo studente mi ha ricordato molto me stesso, perché anche i miei genitori non mi hanno detto che ero senza documenti. Ho scoperto il mio status al liceo, quando la mia consulente scolastica mi ha detto che non avevo i requisiti per il FAFSA. La mia consulente non sapeva cosa fare con la mia situazione, perché ero probabilmente il primo studente senza documenti che conosceva a quel tempo.

Il giorno dopo, la studentessa è venuta e mi ha detto che non voleva andare al college perché era troppo costoso. Le ho detto che c'erano molti modi per ottenere aiuto, come le borse di studio. Ho continuato ad incoraggiarla a fare domanda per tutte le borse di studio disponibili e lei l'ha fatto. Quando ho scoperto che aveva ottenuto una borsa di studio di quattro anni per frequentare il City College, ero così felice per lei. Sono ancora in contatto con lei su Facebook.

4. Perché eri interessato a lavorare al MAF come Outreach Fellow?

Avere il permesso di lavoro è stata un'esperienza che mi ha aperto gli occhi. Ho fatto degli errori e ho imparato delle grandi lezioni importanti. Per esempio, la compilazione delle tasse era così confusa e ho fatto alcuni errori nel mio W-4. Non sapevo perché l'IRS dovesse prelevare soldi dal mio stipendio. Alcuni dei miei amici senza documenti hanno iniziato a parlarmi della sottoscrizione di carte di credito, perché era importante iniziare a costruire un punteggio di credito. Ero perso e un po' confuso. La ragione per cui ho voluto unirmi al MAF è perché voglio fornire quel supporto e quella guida a molti giovani senza documenti sulle loro finanze.

5. Cosa non vedi l'ora di fare durante la tua borsa di studio?

Non vedo l'ora di imparare molte abilità, specialmente nella divulgazione, perché credo che la divulgazione sia uno strumento potente che può influenzare e potenziare la comunità che serviamo. Inoltre, il networking e la costruzione di connessioni.

6. Quali sono alcuni dei suoi obiettivi nei prossimi cinque anni?

Spero tra 5 anni di avere un lavoro che mi piaccia, specialmente lavorando con i giovani o con le comunità a basso reddito nella Bay Area. Spero tra 5 anni di avere la possibilità di portare i miei genitori a vivere qui con me. Non vedo mia madre da circa 10 anni e mi manca molto.

7. Quali sono le sue speranze per la comunità dei Dreamer e per gli americani senza documenti?

Spero che presto avremo una riforma dell'immigrazione che beneficerà tutti allo stesso modo, una riforma che beneficerà non solo i giovani, ma i genitori laboriosi. Il Azione differita per gli arrivi di bambini ha così tante limitazioni, come il fatto che devi essere arrivato negli Stati Uniti prima dei 16 anni e devi avere meno di 31 anni al 15 giugno 2012, quindi non beneficia tutti i Dreamer. Una delle mie più care amiche non ha potuto fare domanda per il Deferred Action perché è arrivata qui nel luglio del 2007, ma per qualificarsi bisogna essere stati residenti negli Stati Uniti dal giugno 2007. A causa della differenza di un mese, non ha potuto fare domanda per la Deferred Action.

Non possiamo arrenderci ora. C'è ancora speranza. Non è mai troppo tardi per lottare per i nostri sogni. Non siamo soli in questa lotta. Le nostre lotte ci rendono più forti e ci rendono ciò che siamo.

Chiamando tutti i sognatori


Jesus Castro condivide la sua storia e spera che ispiri altri a fare domanda per il DACA.

Una delle cose che trovo così potente del nostro lavoro al MAF è vedere i giovani leader seguire la loro passione e restituire alla comunità. Gesù Castro è uno di quei leader che si è unito a Lending Circle for Dreamers e ha continuato a sostenere i giovani immigrati. L'ho intervistato su un emozionante annuncio di servizio pubblico ha sviluppato con il SF Office of Civicagement and Immigrant Affairs per aumentare la consapevolezza sulla Deferred Action for Childhood Arrivals (DACA).

Come sei stato coinvolto nell'Ufficio per l'impegno civico e gli affari degli immigrati di SF?

La prima volta che sono entrato in contatto con l'Office of Civic Engagement and Immigrant Affairs (OCEIA), o più precisamente con il direttore dell'OCEIA, Adrienne Pon, è stato al pranzo annuale del Coro. Dopo aver tenuto un discorso su come Programma di esplorazione della leadership del Coro ha cambiato la mia vita, diverse persone si sono avvicinate a me per congratularsi con me e discutere del mio percorso di carriera, ero davvero onorata. Un paio di minuti dopo il direttore Pon si è avvicinato a me e penso che si sia distinto più di tutti per il nome del suo ufficio. Sono molto appassionata della lotta per gli immigrati e il nome dell'ufficio per l'impegno civico e gli affari degli immigrati ha catturato subito la mia attenzione ed è stato allora che ho capito che volevo fare quello stage più di ogni altra cosa.

Qual era lo scopo del video PSA?

Lo scopo del PSA era quello di creare un utile strumento di sensibilizzazione per educare le persone su DACA e incoraggiarle a farsi avanti e fare domanda. Speravamo anche di incorporarlo nel nostro evento "Un anno di DACA" per celebrare l'anniversario di un anno di DACA, quindi in risposta questo video PSA è entrato in gioco. Durante il processo ci sono stati alcuni intoppi e il video è stato ritardato, ma con l'aiuto di un amico fantastico, e il mio piccolo granello di sabbia il video è stato finalmente completato ed è ora su YouTube. Il video è anche pubblicato sul nostro sito web dreamSF.

Come ti sei sentito a condividere la tua storia personale nel video?

Condividere la mia storia è qualcosa che mi piace molto fare non solo perché dà agli altri il potere di condividere le loro storie, ma anche perché mi dà la forza e il coraggio di continuare a condividere la mia storia. È un effetto domino: hanno bisogno di un po' di coraggio dagli altri per condividere le loro storie, e il feedback positivo di queste persone dà alla persona che racconta la sua storia il coraggio di continuare a farlo.

Quali sono le ragioni per cui i giovani idonei DACA non hanno ancora fatto domanda?

Non posso saperlo con certezza e non posso parlare a nome di coloro che non hanno ancora fatto domanda per DACA, ma se dovessi indovinare perché non hanno fatto domanda direi che è a causa del fatto che non hanno i soldi per farlo. Il costo per richiedere il DACA è di $465 che è un investimento enorme e molte persone non hanno familiarità con il processo di applicazione e ciò che serve per rinnovare, quindi abbiamo bisogno di fornire le giuste risorse educative e finanziarie.

Come hai scoperto la MAF?

Mission Asset Fund (MAF) ha sicuramente giocato un ruolo enorme nella mia vita. La prima volta che ho sentito parlare di loro è stato attraverso Legal Services for Children, l'organizzazione che mi ha aiutato con il mio processo di richiesta DACA. Mi hanno suggerito di andare al MAF per l'assistenza finanziaria perché all'epoca offrivano una borsa di studio $155 per i richiedenti DACA oltre ai loro servizi di prestito per pagare la domanda DACA. Mi sono iscritto a quello che chiamano Lending Circles per i sognatori sono stato informato passo dopo passo sulla compilazione della domanda per ricevere l'assegno che avrebbe pagato la mia domanda. Ora, il programma offre ai partecipanti l'opportunità di ottenere un prestito di gruppo e di risparmiare per poter pagare la domanda.

Quali sono altri modi in cui la città sta cercando di assistere gli immigrati?

In particolare, il nostro ufficio sta assistendo gli immigrati con l'accesso alla lingua, servizi di naturalizzazione e in termini di giovani/adulti immigrati DACA, stiamo lanciando un programma di borse di studio dreamsf che è specificamente per le persone approvate DACA e abbiamo un Iniziativa Pathways to Citizenship.

Quali sono le sue speranze per una riforma globale dell'immigrazione?

Una riforma globale dell'immigrazione sarebbe eccezionale per tutti gli immigrati che attualmente risiedono negli Stati Uniti. Sono sicuro che questa riforma globale è dietro l'angolo, ma dobbiamo solo fare uno sforzo nel processo e mostrare un interesse in esso. Attualmente abbiamo DACA, ma che dire dei nostri genitori e di coloro che non soddisfano i requisiti per DACA? Non tutte le persone senza documenti hanno i requisiti per il DACA, quindi molte famiglie vengono spezzate mentre la riforma dell'immigrazione è in fase di stallo. Dobbiamo andare avanti o le nostre comunità soffrono.

Cosa significa per te l'impegno civico e come è importante nella tua vita?

Per me, è il secondo capitolo della mia storia. Sono con OCEIA da 2 anni ormai ed è davvero una casa lontano da casa. Non potrò mai ringraziare abbastanza il direttore Pon per avermi dato l'opportunità di far parte della sua squadra. Dall'inizio del mio stage il lavoro è stato duro, e lo dico nel modo più grato. Grata perché da tutto il lavoro che ho fatto so che mi sento meglio preparata per qualsiasi altro lavoro mi venga in mente. Voglio anche ringraziare Richard Whipple che è stato presente ad ogni passo. Non solo mi guida attraverso le sfide del lavoro, ma anche attraverso le sfide della vita. Anche se ho fatto molto con OCEIA, questo è solo l'inizio. Non vedo l'ora di passare molti anni con loro, e man mano che OCEIA crescerà, lo farò anch'io.


Nesima Aberra è la Marketing Associate e New Sector Fellow di Mission Asset Fund. Ama lo storytelling, il bene sociale e una buona tazza di tè. Potete raggiungerla a nesima@missionassetfund.org.