La politica deve esaltare i punti di forza delle persone, non criticare il loro carattere


Un recente articolo del sociologo Philip N. Cohen sottolinea l'importanza delle politiche che rispettano la dignità e i punti di forza delle famiglie che serviamo.

La settimana scorsa Philip N. Cohen, professore di sociologia all'Università del Maryland e studioso senior del Council on Contemporary Families, ha pubblicato un articolo sul Washington Post sostenendo che "La politica americana non riesce a ridurre la povertà infantile perché mira a fissare i poveri."

Il titolo ha catturato la mia attenzione.

Ha catturato succintamente ciò che decenni di lavoro con le comunità a basso reddito mi hanno insegnato: Non abbiamo bisogno di salvatori per insegnare ai poveri la giusta morale. Abbiamo bisogno di sostenitori che riconoscano e coltivino i loro punti di forza in modo che essi stessi escano dalla povertà.

Le attuali politiche anti-povertà che mirano a sistemarli, in realtà lavorano contro di loro.

Il pezzo di Cohen esamina questo approccio attuale e ne fa a meno. Mette in discussione i motivi, la logica e i risultati delle politiche contro la povertà che spingono i genitori poveri a sposarsi o a trovare un lavoro come precondizione per l'assistenza governativa:

Sappiamo che crescere poveri fa male ai bambini. Ma invece di concentrarsi sul denaro, la politica anti-povertà degli Stati Uniti spesso si concentra sulle carenze morali percepite dei poveri stessi. ... In particolare, offriamo due scelte ai genitori poveri se vogliono sfuggire alla povertà: trovare un lavoro o sposarsi. Non solo questo approccio non funziona, ma è anche una punizione crudele per i bambini che non possono essere ritenuti responsabili delle decisioni dei loro genitori.

I benefici fiscali come il Child Tax Credit e l'Earned Income Tax Credit sono riservati a coloro che sono in grado di trovare e mantenere un lavoro, il che può essere quasi impossibile per le persone che lottano per la cura di bambini piccoli o genitori anziani e persone con disabilità che rendono difficile lavorare. I pagamenti del welfare sono limitati da requisiti di lavoro e limiti di tempo che lasciano milioni di famiglie fuori.

Altre politiche antipovertà passate, presenti e proposte sono progettate per incentivare il matrimonio, penalizzando effettivamente i genitori che scelgono di non sposarsi - una scelta che tutti, ricchi o poveri, dovrebbero poter fare liberamente.

Politiche come queste non trattano i poveri con il rispetto che meritano.

E non riescono a fornire soluzioni che funzionino per tutte le famiglie. Cohen propone alternative più semplici, programmi che servono tutti i genitori allo stesso modo e offrono alle famiglie povere un aiuto senza imporre giudizi morali sulle loro decisioni e necessità individuali.

Questo ci porta a una lezione più ampia che tutti noi - responsabili politici, leader non profit, membri della comunità - possiamo imparare: dobbiamo incontrare le persone dove sono, rispettare ciò che portano al tavolo, e costruire sui punti di forza che hanno.

Questo approccio non è una chimera. Lo vedo funzionare ogni giorno con Lending Circles.

I programmi di prestito sociale di MAF partono da una posizione di rispetto, riconoscendo e valorizzando le ricche risorse e l'abilità finanziaria che i nostri clienti già possiedono. Poi ci basiamo su questi punti di forza integrando i loro comportamenti positivi e le pratiche informali nel mercato finanziario tradizionale.

I poveri non sono rotti. Hanno dei punti di forza che troppo spesso non riusciamo a riconoscere.

Piuttosto che giudicare il loro comportamento e imporre i nostri valori su di loro, dobbiamo trattarli con dignità e cercare soluzioni che funzionino per tutti, indipendentemente dal loro background, dalle loro capacità o dal loro stato civile.

MISSION ASSET FUND È UN'ORGANIZZAZIONE 501C3

Copyright © 2021 Mission Asset Fund. Tutti i diritti riservati.

Italian